Lunedì, Febbraio 27, 2017
   
Text Size

Pianeta Oggi TV - Online All News

OGGI A SANDONA' DI PIAVE PRESENTAZIONE DEL LIBRO"SUICIDATE ATTILIO MANCA"

Domenica 26 Febbraio alle ore 17.00 al Centro culturale "Leonardo Da Vinci" in piazza Indipendenza 12 a San Donà di Piave (VE), si terrà la presentazione del libro di Lorenzo Baldo "Suicidate Attilio Manca". Interverranno, insieme all'autore:

Gianluca Manca

Elisabetta Bustreo

Annalisa Insardà


Angela Manca
(in collegamento telefonico). Evento organizzato dall'Associazione Nazionale Amici di Attilio Manca A.N.A.A.M con il patrocinio della Città di San Donà di Piave.È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in un appartamento di via Monteverdi viene ritrovato il cadavere di Attilio Manca. Il corpo del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), che operava all’ospedale di Viterbo, è riverso trasversalmente sul piumone del letto, seminudo. A causarne la morte, come accertato dall’autopsia, l’effetto combinato di tre sostanze: alcolici, eroina e Diazepam. Sul suo braccio sinistro i segni di due iniezioni. Per la Procura di Viterbo non c’è dubbio, si è trattato di un suicidio. Ma Attilio Manca è un mancino puro. Non ha alcun motivo per suicidarsi. E, soprattutto, dietro a questa misteriosa vicenda si intravede l’ombra di Cosa nostra. Il giovane urologo, specializzato nella tecnica laparoscopica, potrebbe aver assistito all’intervento alla prostata al quale nel 2003 era stato sottoposto Bernardo Provenzano in una clinica di Marsiglia, o quanto meno potrebbe averlo visitato prima o dopo l’intervento. Sullo sfondo gli apparati deviati di uno Stato che non ha alcun interesse a fare luce su questa strana morte.

Leggi tutto: OGGI A SANDONA' DI PIAVE PRESENTAZIONE DEL LIBRO"SUICIDATE ATTILIO MANCA"

 

PIANETA OGGI REPORTER

TEMATICA: "LE SERRE SOLARI"

INTERVISTA A ROBERTO CARRATU' ARCHITETTO, A SEGUIRE

ANGELO SPERANZA ORGANIZZATORE DI CORSI INFORMATIVI.

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RTV INTERREGIONALE.

 

PTV NEWS - KIEV A GRANDI PASSI VERSO LA GUERRA

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV - ROMA ALLNEWS

I TITOLI:

Mosca: Truppe speciali contro le bufale dell’Occidente
- L’Occidente non vuole la pace in Siria
- L’ultima lotta del popolo Sioux
- Le sette sorelle della Terra. C’è qualcuno lassù?

 

UNIONE ITALIANA INFORMA

 

Nel corso della XXX Sessione ordinaria del Consiglio di Programma (CdA) della RTV di Slovenia, tenutasi lunedì 20 febbraio a Lubiana, è stato approvato il Bando di concorso per la funzione di Direttore Generale della RTV di Slovenia. Il bando sarà pubblicato il 24 febbraio e rimarrà aperto fino al 27 marzo 2017. Il CdA delibererà in merito nella sua Sessione straordinaria il 10 aprile e nella sua Sessione ordinaria il 24 aprile 2017. Durante la Sessione ordinaria, Maurio Tremul, in qualità di rappresentante della Comunità Nazionale Italiana in Slovenia, ha avuto modo di discutere in merito ai punti riguardanti i tagli alle risorse destinate ai programmi italiani di RTV Capodistria

Leggi tutto: UNIONE ITALIANA INFORMA

 

PTV NEWS

MENTRE L'EUROPA RESTA A GUARDARE, IL CONFLITTO NEL DONBASS NON SI PLACA

Donetsk, in coda per i documenti
- “La Russia in Siria ha spezzato la catena delle rivoluzioni colorate”
- Il gas russo arriva in Europa via Ankara
- In Italia fa capolino l’inflazione
- Grecia, ospedali allo spasimo

 

CARO TOTO' RIINA, NON METTERTI ANCHE TU A FARE IL PAGLIACCIO

IN COLLABORAZIONE CON LA TESTATA ALLNEWS ANTIMAFIA DUEMILA

 

di Saverio Lodato
Stai buono "don" Totò, non ti allargare, fatti l’ergastolo da soldatino disciplinato, quale sei sempre Stato, non metterti in testa di sottoporti a un interrogatorio in Corte d’assise; ne hanno solo da perdere i tuoi figlioli che stanno fuori e che, tra interviste alle televisioni svizzere, come Lucia, e comparsate da Bruno Vespa a "Porta a Porta" per promuovere l’opera prima, come Salvo, tentano di sbarcare il lunario; cercando di entrare in possesso di tutti i soldi che non ti hanno trovato, sperando così di affrancarsi una volta per tutte da questo cognome maledetto che li azzoppa. Insomma: non metterti anche tu in testa di fare il pagliaccio.
Ma come ti era saltato in mente, caro "don" Totò, di annunciare urbi et orbi, che eri pronto a sottoporti al fuoco di fila delle domande del presidente Alfredo Montalto, dei pubblici ministeri, Nino Di Matteo, Francesco Del Bene, Roberto Tartaglia, quando sai benissimo che non puoi dire le cose che sai?

Leggi tutto: CARO TOTO' RIINA, NON METTERTI ANCHE TU A FARE IL PAGLIACCIO

 

ESCOBAR JR: MIO PADRE SI ISPIRO' A RIINA E COSA NOSTRA

 

IN COLLABORAZIONE CON LA TESTATA ANTIMAFIA DUEMILA

di Jean Georges Almendras e Matías Guffanti
Scagliandosi letteralmente contro la continuità che vuole che ogni figlio debba doverosamente seguire i passi del padre, come modello della propria vita, il figlio del più grande - e mediatico - narcotrafficante degli ultimi tempi - principalmente del Sud-America, negli anni '80 e '90 - Juan Pablo Escobar (o Sebastián Marroquín) ha presentato il suo recente libro "Pablo Escobar: In Fraganti. Lo que mi padre nuca me contó" nella città di Buenos Aires. Una pubblicazione che dà il via libera alle riconciliazioni di pace, ma allo stesso tempo - per il suo contenuto e le sue rivelazioni - apre le porte alle restrizioni, come quella di non poter mettere più piede negli Stati Uniti. Il motivo? Nel libro racconta che suo padre lavorava per la Cia vendendo cocaina per finanziare la lotta contro il comunismo in America Centrale.
A 39 anni (ne compirà 40 il prossimo 24 febbraio), Escobar jr, primogenito del capo narco, risiede in Argentina vicino alla sua famiglia. Architetto di professione e designer industriale, decide di ribaltare la situazione rispetto allo stigma di essere un Escobar, e dopo aver cambiato la propria identità (come hanno fatto sua sorella e sua madre), si appresta a stupire il mondo intero presentando nel dicembre del 2009 il documentario biografico "Pecados de mi padre", spezzando così la catena della spirale mafiosa nella quale è cresciuto fino al momento di uscire dalla Colombia, trasformandosi in un “Escobar antimafioso”, pur senza rinnegare l'affettività paterna, che valorizza e riconosce in ogni momento, nonostante la più che evidente discrepanza con il ruolo criminale del padre.
Cinque anni dopo esce il suo libro “Pablo Escobar, mi padre”, per arrivare al suo più recente lavoro “Pablo Escobar: In Fraganti. Lo que mi padre nuca me contó". Ed è proprio la presentazione di questo libro che ci porta a Buenos Aires, all'Auditorio BajaLibros, il pomeriggio del 16 Febbraio. In questa occasione Escobar jr ha dichiarato pubblicamente che suo padre si ispirava a Cosa Nostra per i metodi violenti che utilizzò in Colombia negli anni del terrore.

Leggi tutto: ESCOBAR JR: MIO PADRE SI ISPIRO' A RIINA E COSA NOSTRA

 

IL PUNTO DI MARIO ALBANESI

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV ONLINE - ROMA.

E' sperabile che Donald Trump fermi le provocazioni della Nato nel Mar Nero ai confini con la Russia dove la Gran Bretagna ha dislocato un incrociatore a puro scopo provocatorio, una nave, tra l'altro, di rara bruttezza.

 

PTV NEWS

  Renzi attacca e la minoranza esita
- Iran: Alleanza strategica con la Russia nel Medio Oriente
- Portaerei americane nel Mare Cinese del Sud: L’ennesima provocazione
- Attentato in Siria contro le forze russe
- Il Patriarca Kirill invoca la pace nel Donbass
- Continua la crisi politica e sociale in Romania

In collaborazione con Pandora Tv online.

 

10 FEBBRAIO GIORNO DEL RICORDO

DA UNIONE ITALIANA

Venerdì 10 febbraio si è celebrato "il Giorno del Ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Tale ricorrenza è riconosciuta ufficialmente dalla Repubblica Italiana, con l’istituzione della Legge 30 marzo 2004 n.92. Per tali ragioni alla Camera dei Deputati di Palazzo Montecitorio a Roma, si è svolta la manifestazione dedicata al Giorno del Ricordo. L’intervento introduttivo è stato della Presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha dato il benvenuto a tutti i rappresentanti delle associazioni degli esuli istriani fiumani e dalmati, ha ringraziato tutte le autorità presenti e anche i ragazzi e le ragazze che a fine celebrazione sono stati premiati per il concorso, incentrato sui temi delle foibe e dell’esodo, bandito dal Ministero dell’Istruzione. Figuravano tra i presenti anche Furio Radin, Deputato della CNI al Sabor e Presidente dell'Unione Italiana, Maurizio Tremul, Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Christiana Babić, Segretaria Generale dell’Ufficio dell’Assemblea e della GE, Davide Rossi, dell’Università degli studi di Trieste e Antonio Ballarin, Presidente di FederEsuli, che nel suo discorso ha definito irrisolti i diritti degli esuli

Leggi tutto: 10 FEBBRAIO GIORNO DEL RICORDO

 

PIANETA OGGI REPORTER

"LA DRAMMATICA SITUAZIONE IN UKRAINA"

L'IMPORTANTE TESTIMONIANZA DELLA SIGNORA LARISSA DELL'ASSOCIAZIONE NOVA HARMONIA.

PROGRAMMA IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RTV-WEB TERRESTRE.

 

LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA INFO

SPARA A MORTE AL PROPRIO CANE:  LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA SI COSTITUISCE PARTE CIVILEUn uomo, aiutato da un collega di lavoro, uccide freddamente il proprio cane a colpi di fucile. Il gravissimo episodio di animalicidio è avvenunto lo scorso 2 gennaio a Bondeno (Ferrara). Il cane è stato giustiziato all'interno dell'impianto idrovoro locale dove i due uomini sono dipendenti. Qualcuno del personale si è accorto del fatto quando l'animale era già stato ucciso e stava per essere caricato su di un auto. LEAL stigmatizza questo ennesimo abuso nei confronti

Leggi tutto: LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA INFO

 

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Tot. visite contenuti : 3631052
 33 visitatori online

Video in evidenza

Pianeta Oggi News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.