Martedì, Giugno 27, 2017
   
Text Size
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

Pianeta Oggi TV - Online All News

DA MESTRE -VENEZIA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MICHELE BOATO "QUELLI DELLE CAUSE VINTE"

MESTRE ECOISTITUTO, 24 GIUGNO 2017

REGISTRAZIONE ESTRAPOLATA DA "AMICO ALBERO".

IN COLLABORAZIONE CON RST SAIUZ DI TREVISO.

 

 

IL COMUNE DI CORCIANO CONFERISCE LA CITTADINANZA ONORARIA A NINO DI MATTEO

 

Di Francesca Panfili
Giovedì 22 giugno si è svolta a Corciano, comune in provincia di Perugia, la cerimonia ufficiale di consegna della cittadinanza onoraria al pm Nino Di Matteo, alla presenza del Consiglio Comunale, delle autorità locali e di numerosi cittadini presenti.
La proposta era stata presentata dalla consigliera comunale Simonetta Checcobelli e votata all'unanimità lo scorso dicembre. "Oggi siamo qui per ribadire la volontà di non adeguarci ad un paese che a volte è insofferente verso queste tematiche e per non lasciare soli i servitori dello stato come Nino Di Matteo che ogni giorno lotta per la legalità e la giustizia" ha affermato la consigliera.

Leggi tutto: IL COMUNE DI CORCIANO CONFERISCE LA CITTADINANZA ONORARIA A NINO DI MATTEO

 

PANDORA TV - SPECIALE

LA TV OGGI

CON GIULIETTO CHIESA.

 

IN PRIMO PIANO: ENPA - INFO

 

Cane Iceberg. Prosegue la mobilitazione, mail bombing Enpa al Governo Danese: cane ancora sotto sequestro, rinnoviamo la richiesta di poterlo riportare in Italia

Roma, 22 giugno 2017 – Prosegue la mobilitazione dell’Ente Nazionale Protezione Animali per salvare Iceberg, la cagnolona con passaporto italiano condannata a morte in Danimarca perché appartenente a una delle razze considerate pericolose dalla legge danese. L’Ente Nazionale Protezione Animali ha lanciato oggi un mail bombing ufficiale, in italiano e in inglese, al Ministro danese dell’Ambiente e dell’Agricoltura e al Governo danese, chiedendo di salvare la vita della cagnona e di dare ad Enpa la possibilità di riportare in Italiahttps://www.facebook.com/enpaonlus/photos/a.57141143223.71156.18870183223/10154803942843224/%3Ftype=3%26theater" >. Il mail bombing si trova qui. La Protezione Animali ha inoltre chiesto ai propri sostenitori di pubblicare tali richieste anche sulle bacheche Facebook del Ministero e dell’Ambasciata.

 «Purtroppo sul caso di Iceberg non ci sono ancora arrivate le novità che tutti noi aspettiamo con ansia. La cagnona – spiega la presidente nazionale di Enpa si trova sotto sequestro in un canile di Copenhagen; la nota positiva è che l’animale non è stato giustiziato ma potrebbe essere questione di giorni se non di ore. Per questo è fondamentale continuare a sollecitare la sensibilità delle autorità danesi per un atto di clemenza. Anche in considerazione della particolare dinamica della vicenda».

Infatti, come noto, pur appartenendo a una razza “pericolosa” Iceberg è stata regolarmente imbarcata sul volo da Fiumicino a Copenaghen e, una volta atterrata nella capitale danese, ha superato tutti i controlli doganali, senza che le autorità danesi sollevassero alcuna obiezione. Che Iceberg non fosse autorizzata a stare in Danimarca, Giuseppe, il suo proprietario, l’ha scoperto solo quando la polizia gli ha sequestrato il cane. In Danimarca, Giuseppe è sostenuto anche dall’associazione danese Fair Dog.

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO: ENPA - INFO

 

LA FAMIGLIA RIINA E IL MARCHIO DI CAINO

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA DI PALERMO.

di Giorgio Bongiovanni
Una provocazione e un'offesa al Capo dello Stato, agli italiani onesti ma soprattutto ai parenti delle vittime di mafia spietatamente uccise da Totò Riina. È ciò che sembra essere la richiesta di Lucia Riina, figlia del boss corleonese e del marito Vincenzo Bellomo, che annunciano di chiedere l'esonero dalla cittadinanza italiana insieme alla loro bimba di pochi mesi. Richiesta che dovrebbe essere recapitata al Presidente della Repubblica, tra l'altro parente di vittima di mafia pure lui, Sergio Mattarella, fratello di quel Piersanti presidente della Regione Siciliana ucciso nel 1980, per il cui assassinio proprio Totò Riina si beccò un ergastolo insieme ad altri boss di Cosa nostra.

Leggi tutto: LA FAMIGLIA RIINA E IL MARCHIO DI CAINO

 

LETTERA APERTA A GIUSEPPE GRAVIANO

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA DI PALERMO.

di Giorgio Bongiovanni
Signor Giuseppe Graviano, Le scrivo dopo aver letto con grande attenzione le trascrizioni delle conversazioni che lei ha intrattenuto con il suo compagno di ora d’aria, il camorrista Umberto Adinolfi. Ho letto anche le risposte che il 28 marzo scorso ha dato ai pm della Procura di Palermo che sono venuti ad interrogarla. Ancora una volta, così come aveva fatto al processo del suo compaesano, Marcello Dell’Utri, ha preferito mantenere il silenzio, avvalendosi della facoltà di non rispondere. Eppure ha voluto dare uno spiraglio di apertura dicendo che “quando sarò in condizioni sarò io stesso a cercarci e a chiarire alcune cose che mi avete detto”. La causa, a suo dire, riguarda le “condizioni di salute che oggi non mi consentono di potere sostenere un interrogatorio così importante ed anche a causa del mio stato psicologico derivante dalle condizioni carcerarie che mi trovo costretto a vivere”. “Io - ha detto ancora ai pm - sono distrutto psicologicamente e fisicamente con tutte le malattie che ho, perché da 24 anni subisco vessazioni denunciate alle procure e le procure niente. Da quando mi è arrivato questo avviso di garanzia, entrano in stanza, mi mettono tutto sottosopra. I documenti processuali sono strappati. Mi hanno fatto la risonanza magnetica perché mentre cammino perdo l’equilibrio e hanno trovato una patologia che mi porterà a perdere la memoria, sarà tra cinque o dieci anni. Io assumo ogni giorno cinque capsule di antidepressivi, solo di antidepressivi e subisco vessazioni dalla mattina alla sera. Entrano in stanza e mi fanno tre perquisizioni a settimana”.
Vede Signor Graviano, c’è qualcosa che lei, capomandamento di Brancaccio assieme a suo fratello Filippo, deve comprendere: voi non avete alcun potere. Voi siete appartenenti ad una struttura denominata Cosa nostra, è certo che siete al vertice di uno dei mandamenti più “importanti” della città di Palermo e assieme al vostro “Capo dei capi”, Totò Riina (Bernardo Provenzano è ormai defunto) indubbiamente vi siete macchiati di crimini efferati, avete ucciso ed ordinato la morte di decine di persone. Non solo. Avete compiuto le stragi in Continente, ucciso bambini (su tutti le ricordo Nadia e Caterina Nencioni, di nove anni ed appena 50 giorni di vita che hanno perso la vita in via dei Georgofili nel maggio 1993) e per quanto lei ne dica ci sono prove più che sufficienti che dimostrano le responsabilità sue e della sua famiglia mafiosa di Brancaccio, nelle stragi del 1992. In particolare in quella di via d’Amelio.
Lei è perfettamente a conoscenza dei segreti

Leggi tutto: LETTERA APERTA A GIUSEPPE GRAVIANO

 

DIRETTA DA FIUMICELLO - CONFERENZA

"GIUSTIZIA E VERITA'"

 

 

VEGANOK INFO

SALVARE CAVALLINA: LA MISSION DI OASI VEGANOK  THE GREENPLACE

Parte l'evento raccolta fondi per il recupero di Cavallina.

La cavallina di tre anni, è nata insieme a tutti gli altri 40 in un allevamento lager in Emilia, nel quale il proprietario, un uomo anziano sempre vissuto in mezzo ai cavalli, nel corso degli anni ha creduto di poterne fare un business allevandoli per poi venderli. Il risultato è stato che lei come tutti gli altri sono in condizioni estreme, senza cibo e poca acqua. Lei in particolare è in uno spazio di 2x1,5 metri, al buio, sul cemento, in mezzo a letame e sporcizia. Non riesce a muoversi è pertanto ha problemi a camminare e problemi respiratori dovuti all'aria malsana. Nonostante tutto questo segue l'uomo con fiducia e si fa accarezzare appena da chi le si avvicina.

Leggi tutto: VEGANOK INFO

 

DA UNIONE ITALIANA SESTA EDIZIONE FESTIVAL DELL'ISTROVENETO

Si è conclusa sabato sera a Buie la sesta edizione del Festival dell’Istroveneto. Il festival che tutela e promuove il dialetto istroveneto in tutte le sue manifestazioni, dal canto alla poesia, è nato nel 2012 ed ora, arrivato alla sua sesta edizione, è diventato più internazionale e ricco di eventi. E’ una manifestazione itinerante che coinvolge tutte le fasce d’età e numerose istituzioni sul territorio dell’Istria, Quarnero, litorale sloveno e italiano e anche le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto.
Quest’anno il Festival è durato dal 6 al 10 giugno e ha visto il coinvolgimento di piccoli e grandi talenti. A comporre il Festival, il concorso letterario e video, la rassegna teatrale “Su e ʃo pel palco” (presso il teatro di Buie, a cui hanno partecipato 18 gruppi teatrali amatoriali) e la manifestazione canora “Dimela Cantando”, per canzoni inedite in istrovento (descritta dettagliatamente in seguito).
Bisogna sommare a queste manifestazioni anche l’appuntamento linguistico dedicato sia ai ragazzi delle scuole, sia ad un pubblico più ampio. Un modo interattivo per parlare del dialetto locale attraverso laboratori tenuti dal Professor Alessandro Mocellin.
Il Festival è stato organizzato dall’UI, con l’aiuto e il sostegno della Regione istriana, della città di Buie, dell’UPT, del Comune di Muggia, del Consiglio per le minoranze della repubblica di Croazia e con il contributo finanziario del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

 

PIANETA OGGI

APPROFONDIMENTO SU "LA MORFOLOGIA DELLE LAGUNE" INTERVISTA A MICHELE ZANETTI.

IN COLLABORAZIONE CON RST SAIUZ - PIANETA OGGI TV.

 

PTV NEWS

Non si attenua la polemica sui 12 vaccini obbligatori
- I 110 miliardi di vendite di armi all’Arabia Saudita sono una fake news
- Nuove alleanze nel Golfo
- I bombardamenti che rafforzano i tagliagole
- Il Russia gate è un fake

   

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Tot. visite contenuti : 4119993
 41 visitatori online

Video in evidenza

Pianeta Oggi News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Megachip Feed

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.