Lunedì, Ottobre 23, 2017
   
Text Size

Pianeta Oggi News

PIANETA OGGI REPORTER

I NUOVI MEDIA

DA TREVISO, INTERVISTA AL DIRETTORE EDITORIALE DI RST NETWORK ROSARIO MORENO

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RTV INTERREGIONALE.

 

PIANETA OGGI REPORTER

LE CARATTERISTICHE DEL BAMBU', INTERVISTE A:

LORENZO  BAR  "PRESIDENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA BAMBU'"

ANGELO  SPERANZA  "ORGANIZZATORE CONFERENZA"

ALESSIO  PROSSER  "ASSESSORE URBANISTICA DI FIUME VENETO".

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO INTERREGIONALE RTV.

 

FLASH NEWS: NUOVO SISMA

EMERGENZA NEVE E GHIACCIO NELLE ZONE COLPITE, LA POPOLAZIONE E' ALLO STREMO.

 

PIANETA OGGI TV INFORMA

PER MOTIVI TECNICI LA PROGRAMMAZIONE E' TOTALMENTE SOSPESA.

 

   

PIANETA OGGI TV INFO

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

CAUSA MOTIVI TECNICI E' SALTATA LA TRASMISSIONE PIANETA OGGI EVENTI NEL MONDO PREVISTA PER LE H 20.30 DA RPF FONTANAFREDDA, VERRA' RIPROPOSTA GIOVEDI 29-12-2016 ALLA STESSA ORA.

REPLICA SUL CIRCUITO RST RADIO SAIUZ TV DI TREVISO A RETI UNIFICATE MARTEDI' ORE 19.00 CON REPLICA GIOVEDI' 20.30

www.radiosaiuz.it

www.radiofavaroveneto.it

www.radiovaldichiana.it

..altre facenti capo a RST.

 

 

   

PTV SPECIALE

 

In collaborazione con Pandora Tv online - Roma.

La verità sulla guerra in Siria. Live sulla Tv Austriaca.

Robert Lugar è un parlamentare austriaco eletto tra le file del Nationalrat. Invitato in studio da un emittente austriaca ha sintetizzato in poche, taglienti parole quello che sta accadendo ad Aleppo e in Siria, nonostante il tentativo dei conduttori di togliergli la parola.

 

 

   
   

PTV NEWS DUE TERRORISMI DOPO ALEPPO COLPISCONO RUSSIA ED EUROPA

- Altro passo di Donald Trump verso la nomination
- A Roma si protrae la crisi del M5S
- Il porto più grande al mondo è cinese
- Sparatoria in una moschea a Zurigo- Nato: “Profondi disaccordi” con Russia
- I corridoi umanitari in Siria
- Terroristi siriani tra il lusso

   

PTV SPECIALE

 

LATEST IMAGES from Ankara after Russian ambassador to Turkey shot and killed

 

 

 

   

Foto dal futuro/Такое разное будущее Like?

In collaborazione con Pandora Tv online - Roma.

Se un giorno Marte o altri pianeti venissero colonizzati dagli esseri humani, chi detterebbe le regole di tale colonizzazione? Ma è ovvio: i soggetti privati finanziatori dell’impresa.

   

PTV SPECIALE MARIO ALBANESI

I francesi, hanno acquistato marchi e aziende italiane di distribuzione alimentari nella generale complicità. E' bastato però che una società francese mostrasse interesse per Mediaset per sentire gridare allo scandalo.

   

PTV NEWS-SPECIALE

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV ROMA

Un nuovo reportage dal cuore di Aleppo, appena liberata dall'esercito siriano. Di Sheik Said, Jaguar Mhanna, con la collaborazione dell'inviato di Pandora TV Talal Khrais

   

PTV NEWS

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV ROMA.

   

NEWS FLASH: FORTE SISMA IN DALMAZIA

MAGITUDO 4.6 VICINO SPALATO, DANNI SOLO AI PIANI ALTI

FORTISSIMO SISMA A LARGO ISOLE SALOMONE MAGNITUDO 8.0, ALLARME MAREMOTO

SCOSSA M.4.0 TRA REGGIO EMILIA E MODENA.

 

 

   

LOMBARDO: "INFORMAZIONE NAZIONALE SULLE MAFIE E' INSUFFICIENTE"

 

Il magistrato reggino a “Pianeta Oggi”
di AMDuemila - Video
Parlare agli studenti di mafia e legalità “è fondamentale per far crescere la sensibilità, che soprattutto in alcuni territori si rischia di non avere”. Ne è convinto Giuseppe Lombardo, pm di Reggio Calabria, intervistato per “Pianeta Oggi” a margine dell'evento “Còrmonslibri 2016”. Proprio sul ruolo dei media nazionali il magistrato ha commentato che non esiste un'informazione sufficiente: “Occorre imparare a raccontare le mafie per quello che sono diventate - ha spiegato - e abbandonare quegli stereotipi di mafiosi che non esistono più da decenni”. La mafia infatti, ha aggiunto, “si è trasformata, diventando qualcosa che si fa più fatica a riconoscere” e per questo Lombardo ha invitato “ad utilizzare una sensibilità diversa”.

 

 

   

UN "NO" COSTITUENTE PER UN'ITALIA LIBERA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA.

di Lorenzo Baldo - 05 Dicembre 2016
Una vittoria. Sofferta, a tratti inaspettata, alla fine sopraggiunta con tutta la sua forza dirompente. Una conquista per tutti coloro che hanno difeso la Costituzione dall’assalto di spregiudicati burattini nelle mani di un sistema di potere. Sono bastate le proiezioni dei primi exit-poll, che via via diventavano dati definitivi, per ripensare a chi non si è risparmiato in questa folle campagna referendaria. Il primo pensiero è andato a Peppino Benincasa, 94 anni, sopravvissuto alla strage nazifascista di Cefalonia, venuto sotto una pioggia scrosciante di fine ottobre ad ascoltare il pm Nino Di Matteo in difesa della Carta costituzionale. In questo lungo flashback resterà l’immagine del presidente dell’Anpi, Carlo Smuraglia, 93 anni, che ha girato il Paese in lungo e in largo per denunciare con determinazione i rischi oggettivi per la democrazia di questa pseudo “riforma”. Ma a restare impressa nella memoria di questi mesi sarà soprattutto l’energia di quei cittadini indignati

Leggi tutto: UN "NO" COSTITUENTE PER UN'ITALIA LIBERA

   

"NO ALLA TIRANNIA". VINCE L'ITALIA DELLA RESISTENZA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

di Giorgio Bongiovanni - 05 Dicembre 2016
Volevano gambizzare la Costituzione, invece la vittoria decisiva del “No” ha tratto in salvo la nostra Carta fondamentale con cifre nette e incontrovertibili. Un risultato che arriva dopo mesi in cui ANTIMAFIADuemila si è fatta portavoce e promotrice, con tutte le forze democratiche del Paese, delle ragioni del “No”.
Restano con un pugno di mosche, invece, i sostenitori del “Sì”. E con questo non ci riferiamo agli elettori che, quasi tutti in buona fede, hanno dato il loro consenso alla riforma Boschi-Verdini, ma  quelle forze politiche ed economiche che hanno appoggiato la campagna del premier Renzi ormai prossimo alle dimissioni. Nientemeno che i nomi di rappresentanti dei poteri finanziari internazionali: l’ambasciatore americano, il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble, il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker, Jp Morgan insieme ad altre banche mondiali  le cui basi più forti sono nei paesi offshore e rasentano la legalità, e che premevano per l'amministrazione economica degli istituti di credito e dell'Italia stessa. Nomi accompagnati dai vari Confindustria, Briatore, Marchionne, Vacchi, Confalonieri, Confindustria, Cicchitto, Alfano, Verdini, Casini, Ferrara, Feltri, Tosi, De Luca, Bondi.
Volevano la vittoria del “Sì” anche le mafie affinchè l'Italia diventasse, nelle loro previsioni, un paese in cui i grandi investitori, tra cui teste di ponte delle organizzazioni criminali, potessero operare più liberamente. Volevano il Sì coloro a cui interessava imbavagliare la magistratura

Leggi tutto: "NO ALLA TIRANNIA". VINCE L'ITALIA DELLA RESISTENZA

   

PTV NEWS SPECIALE REFERENDUM COSTITUZIONALE

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV ONLINE - ROMA.

   

Pagina 4 di 30

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.