Lunedì, Dicembre 11, 2017
   
Text Size

VAJONT, 54° ANNO DELLA TRAGEDIA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Maserada Sul Piave, 02 OTTOBRE 2017

In occasione del 54° anno della tragedia

ed in concomitana con il 13 presidio della Memoria,

organizzato sulla frana ai piedi della diga del Vajont,

dai "Cittadini per la memoria del Vajont"

con la collaborazione del Comune di Erto e Casso,

e dal Comune di Longarone,

la compagnia teatrale TEATRO DEL FIUME rappresenterà alcuni coinvolgenti estratti dall'opera:

VAJONT, UNA RABBIA PIU’ GRANDE DELLA PIETA’

:::::::::::::: ore 21,30 :::::::::::::::

(si consiglia abbigliamento adeguato all'aperto e all'altitudine)

“VAJONT, UNA RABBIA PIU GRANDE DELLA PIETÀ' “ è una coralità di anime, di vittime, di voci tutte defunte che, in una dimensione ultra-terrena, superano il trauma della loro tragedia e, con non poche difficoltà dovute al descrivere il proprio vissuto (talvolta sommerso, talvolta nostalgico), riavvolgono il tempo all'indietro e affrontano con coraggio, uno per uno, i maggiori responsabili del più grave disastro dell'Italia moderna. In attesa di una sentenza che tolse alle vittime anche la giustizia e, da quello stesso processo che l'avrebbe dovuta far emergere, qui, finalmente, verrà dispiegato un processo umano, nella piena consapevolezza postuma di chi subì quel disastro: le persone.

 

Per alcune anime c'è la difficoltà di riaprire le ferite e farle sanguinare nuovamente. L'incontro-scontro con quei poteri, da sempre incapaci di ammettere le proprie colpe ma capaci di annichilire la verità o seppellire la giustizia, è necessario. La sofferenza delle vittime qui evolve in indignazione informata e in rabbia consapevole, per mostrare quanto solo la profonda conoscenza dei fatti possa fare la differenza tra chi subisce e chi infligge.

“Una rabbia più grande della pietà per i morti” enunciata dalla giornalista Tina Merlin, fu la frase più rappresentativa, di quella tragedia. Frase dalla quale si è partiti in questa ricerca dei fatti, incrociata con concreti personaggi e il loro vissuto, di quel mondo, cinquant'anni or sono. Vittime di quella maledetta notte o vittime postume, tutte, capaci però, di osservare e descrivere il prima e il dopo tragedia, sino all'attualità.

Al centro di tutto questo ci sono le donne e l’acqua. Le donne di Longarone, Erto e casso. Le donne soggiogate da quella società maschile e maschilista che, in nome della scienza e del progresso, non le vide e non le volle vedere. E infine l'acqua, elemento “chiave” di tutta la vicenda, quale valore da preservare (e tutelare) per la nostra vita su questa parte di mondo.



Teatro del fiume

 

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.