Martedì, Giugno 27, 2017
   
Text Size

Pianeta Oggi News

PANDORA TV - SPECIALE

LA TV OGGI

CON GIULIETTO CHIESA.

 

PIANETA OGGI

APPROFONDIMENTO SU "LA MORFOLOGIA DELLE LAGUNE" INTERVISTA A MICHELE ZANETTI.

IN COLLABORAZIONE CON RST SAIUZ - PIANETA OGGI TV.

 

PTV NEWS

Non si attenua la polemica sui 12 vaccini obbligatori
- I 110 miliardi di vendite di armi all’Arabia Saudita sono una fake news
- Nuove alleanze nel Golfo
- I bombardamenti che rafforzano i tagliagole
- Il Russia gate è un fake

 

PTV NEWS-ATTACCO A TEHERAN

 

   

PTV NEWS-SPECIALE- PANICO E TERRORISMO

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV - ROMA

 

Pubblicato il 04 giu 2017

Londra e Torino, cose diverse ma con un messaggio unico. Viviamo ormai le prime fasi di un vero e proprio collasso delle società occidentale, la nostra come le altre.
A questo non siamo preparati, né come singoli, né come governanti, o presunti tali. La società in cui viviamo è un mostro. Bisogna crearne un'altra.E un'altra non nascerà da sola, per caso. Chi ci ha portato a questo punto non ha agito "per caso".

 

 

   

BREAKING NEWS 01-06-2017

TRUMP: MEDIA, "USA FUORI DALL'ACCORDO DI PARIGI SUL CLIMA".

GLI USA SI SONO TOLTI LA MASCHERA, SI PRENDERANNO UNA ENORME RESPONSABILITA' NEI CONFRONTI DEI NOSTRI FIGLI E DI TUTTA LA CREAZIONE.  

TUTTA LA SOCIETA' CIVILE MONDIALE CONDANNA UNA TALE DECISIONE.

   

LA NOTIZIA DI MANLIO DINUCCI - L'ORDINE DEL G7 E' QUELLO NATO

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV

Pubblicato il 30 mag 2017

«Un ordine internazionale basato sulle regole, che promuova la pace tra le nazioni, salvaguardi la sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza politica di tutti gli stati e assicuri la protezione dei diritti umani»: questo dicono di volere i leader del G7 svoltosi a Taormina, accanto alla base di Sigonella, centro strategico nel Mediterraneo per le guerre e operazioni coperte Usa/Nato che hanno demolito lo stato libico e cercato di fare lo stesso in Siria, accrescendo il tragico esodo di migranti dei cui diritti umani il G7 si dice preoccupato.

 

 

   

IN PRIMO PIANO

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE

SENTENZA  PER L'UCCISIONE DEL CANE ANGELO: PENA MASSIMA MA NON E' ABBASTANZA

Il Giudice accoglie la richiesta del PM e condanna gli aguzzini del povero randagio a 16 mesi, la pena massima prevista. LNDC soddisfatta per una sentenza storica ma ancora insufficiente: è ora di inasprire le pene per chi uccide senza pietà.

Si è concluso il procedimento per animalicidio più seguito di quest’anno e si è concluso con una sentenza decisamente storica. È infatti il primo caso di condanna con il massimo della pena per uccisione di animale in Italia. Ai sensi dell’art. 544-bis, “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”. In questo caso, la pena massima è stata ridotta da 24 a 16 mesi a causa dell’applicazione del rito abbreviato.

“In questi giorni si sta svolgendo il 4° Congresso Nazionale LNDC e siamo stati felici di averlo aperto con questa notizia”, commenta Piera Rosati – Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane. “Tuttavia, se da un lato c’è soddisfazione per una condanna che farà storia, dall’altro c’è l’amara consapevolezza che gli assassini non faranno un solo giorno di reclusione. Dopo questa vittoria è ancora più importante continuare a battersi affinché il legislatore capisca che è ora di inasprire le pene per i reati contro gli animali. Chi mostra un tale disprezzo per la vita deve essere punito e non può cavarsela con i lavori socialmente utili”.

Il Giudice infatti ha applicato la sospensione della pena, subordinata all’esecuzione di sei mesi di pubblica utilità presso un’associazione di protezione animali. “Non sempre i giudici subordinano la sospensione della pena a una condizione”, osserva Michele Pezone – Legale e Responsabile Diritti Animali LNDC. “Per noi questo è l’ennesimo segnale – oltre all’applicazione del massimo – che atti così violenti e crudeli meritano punizioni più severe ed esemplari”.

Piera Rosati conclude: “LNDC si impegnerà affinché Angelo non venga dimenticato, anche grazie al progetto promosso in partnership con Newscapes Entertainment per la realizzazione di un cortometraggio che racconti la vita del dolce e sfortunato randagio affinché sia ricordato per sempre e, attraverso i proventi del film realizzato, possa aiutare i suoi fratelli abbandonati e maltrattati”.

26 maggio 2017

Ufficio Stampa
Lega Nazionale per la Difesa del Cane
www.legadelcane.org

Silvia Premoli

VEGANOK Animal Press

QUESTI ANIMALI CHE DOVREMMO NON SOLO RISPETTARE, MA ALTRESI' TUTELARE, NON VERRANNO MAI DIMENTICATI DALLA NOSTRA EMITTENTE.

MASSIMO B. - DIR. EDITORIALE POTV

 

 

   

IN PRIMO PIANO

 

 

LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE

SENTENZA  PER L'UCCISIONE DEL CANE ANGELO: PENA MASSIMA MA NON E' ABBASTANZA

Il Giudice accoglie la richiesta del PM e condanna gli aguzzini del povero randagio a 16 mesi, la pena massima prevista. LNDC soddisfatta per una sentenza storica ma ancora insufficiente: è ora di inasprire le pene per chi uccide senza pietà.

Si è concluso il procedimento per animalicidio più seguito di quest’anno e si è concluso con una sentenza decisamente storica. È infatti il primo caso di condanna con il massimo della pena per uccisione di animale in Italia. Ai sensi dell’art. 544-bis, “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”. In questo caso, la pena massima è stata ridotta da 24 a 16 mesi a causa dell’applicazione del rito abbreviato.

“In questi giorni si sta svolgendo il 4° Congresso Nazionale LNDC e siamo stati felici di averlo aperto con questa notizia”, commenta Piera Rosati – Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane. “Tuttavia, se da un lato c’è soddisfazione per una condanna che farà storia, dall’altro c’è l’amara consapevolezza che gli assassini non faranno un solo giorno di reclusione. Dopo questa vittoria è ancora più importante continuare a battersi affinché il legislatore capisca che è ora di inasprire le pene per i reati contro gli animali. Chi mostra un tale disprezzo per la vita deve essere punito e non può cavarsela con i lavori socialmente utili”.

Il Giudice infatti ha applicato la sospensione della pena, subordinata all’esecuzione di sei mesi di pubblica utilità presso un’associazione di protezione animali. “Non sempre i giudici subordinano la sospensione della pena a una condizione”, osserva Michele Pezone – Legale e Responsabile Diritti Animali LNDC. “Per noi questo è l’ennesimo segnale – oltre all’applicazione del massimo – che atti così violenti e crudeli meritano punizioni più severe ed esemplari”.

Piera Rosati conclude: “LNDC si impegnerà affinché Angelo non venga dimenticato, anche grazie al progetto promosso in partnership con Newscapes Entertainment per la realizzazione di un cortometraggio che racconti la vita del dolce e sfortunato randagio affinché sia ricordato per sempre e, attraverso i proventi del film realizzato, possa aiutare i suoi fratelli abbandonati e maltrattati”.

26 maggio 2017

Ufficio Stampa
Lega Nazionale per la Difesa del Cane
www.legadelcane.org


Silvia Premoli

VEGANOK Animal Press

 

 

QUESTI ANIMALI CHE DOVREMMO NON SOLO RISPETTARE, MA ALTRESI' TUTELARE, NON VERRANNO MAI DIMENTICATI DALLA NOSTRA EMITTENTE.

MASSIMO B. - DIR. EDITORIALE POTV

 

   

PANDORA TV - LIVE G7

VI RIPROPONIAMO LA DIRETTA DI IERI, IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV DI ROMA

 

   

PTV NEWS - G7

- Trump “flessibile” Nato intransigente
- Petrolio: i tagli continuano
- Terrore in Egitto: 25 morti in un attacco ad un bus di cristiani copti
- Mosul: gli USA confessano
- Filippine: Isis si espande in Asia
- Grecia: pacco bomba esplode nell’auto dell’ex premier Papademos

   

PTV NEWS - TERRORE A MANCHESTER

 

Pubblicato il 23 mag 2017

- Dagli all’Iran, il cattivo
- Il popolo iraniano sceglie il dialogo e elegge Hassan Rouhani
- Il The Guardian rivela : i Facebook Files
- Grecia al guinzaglio
- Venezuela: Trump lancia sanzioni e Maduro importa grano non OGM dalla Russia
- La NATO entra anche in Finlandia

 

   

NEWS - FLASH

E' MORTO UN GRANDE DEL MONDO DEL CINEMA

SIR ROGER MOORE, AVEVA 89 ANNI.

LO RICORDIAMO NELLA FAMOSA SERIE DI TELEFILM "ATTENTI A QUEI 2", "SIMON TEMPLAR" PER 7 VOLTE JAMES BOND 007.

 

 

 

   

PIANETA OGGI - SETTIMANALE

LA SITUAZIONE MONDIALE OGGI, LA MANO NEFASTA DELL'UOMO DI QUESTO PIANETA, LA DISTRUZIONE DEL CREATO.

INTERVISTA A GIORGIO BONGIOVANNI DIRETTORE DELLA TESTATA GIORNALISTICA ANTIMAFIA DUEMILA.

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RST E DTT.

 

   

PIANETA OGGI - SETTIMANALE

DA VENEZIA INTERVISTA ALL'EDITORE DAVIDE LIVIERI DELLA CASA EDITRICE "EL SQUERO".

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RST E DTT.

 

   

CORDOGLIO DELLA FNSI PER LA SCOMPARSA DI ALBERTO LA VOLPE

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA

La Federazione nazionale della stampa italiana esprime cordoglio ai familiari e agli amici di Alberto La Volpe, storico giornalista Rai morto questa notte a Roma all’età di 83 anni. Per anni direttore del Tg2, fondatore del Tg3 insieme a Biagio Agnes e Sandro Curzi, persona colta, garbata e ironica, insieme a Giovanni Falcone inventò la trasmissione “Lezioni di mafia”. Come ha proposto il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani, sarebbe bello se, a pochi giorni dalla tragica ricorrenza della strage di Capaci, il servizio pubblico ne riproponesse alcuni momenti.articolo21.org

 

   

PTV NEWS - Flash

 

Pubblicato il 16 mag 2017

Hector Rodriguez, parlamentare chavista in Venezuela, descrive l’attacco mediatico ai Paesi ricchi di risorse energetiche che giustificherebbe le ingerenze dell’Occidente in Paesi sovrani.

 

 

   

IN PRIMO PIANO, LA MORTE DI OLIVERO BEHA

 

GRAVE LUTTO NEL MONDO GIORNALISTICO E' MORTO OLIVIERO BEHA

PIU' VOLTE INTERVISTATO DALLA NOSTRA EMITTENTE , PER NOI UN GRANDE GIORNALISTA CHE ABBIAMO SEMPRE AMMIRATO E PRESO DA ESEMPIO.

RIMANIAMO COLPITI E FORTEMENTE RATTRISTATI, SENZA PAROLE.

 

   

Pagina 1 di 67

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.