Mercoledì, Giugno 28, 2017
   
Text Size

Osservatorio Planetario

UNA GRAVE FERITA (DA SANARE)

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Pino Maniaci indagato e la disillusione dei giovani
di Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo
“Apprendo, con indicibile amarezza e inesprimibile delusione, delle indagini coinvolgenti il direttore di Telejato. Aspetto una telefonata da Pino Maniaci. Aspetto che il mio amico mi chiami e smentisca risultati di indagini e parole dei giornali. Aspetto che lo faccia, in nome della sua storia e della mia. Mi aspetto che lo faccia, in nome di tutti quei ragazzi che, a distanza di anni da quell'evento, mi chiedono sue notizie quando m'incontrano per strada. Mi aspetto che lui lo faccia, in nome dello spirito con cui sempre presi le sue difese, senza mai dubitare. Mi aspetto che lui lo faccia. Intanto, tra un dolore e l'altro, osservo le mie ferite. E quelle della mia terra”. Probabilmente basterebbero queste parole scritte da Giuseppe Di Fini, noto alle cronache per aver costituito a Centuripe (En), nel 2008, a soli 12 anni, “l’Associazione antimafia giovanile”, per commentare la notizia di Pino Maniaci indagato per il reato di estorsione. E’ soprattutto a ragazzi come Giuseppe Di Fini che Pino Maniaci deve rendere conto. Ragazzi che si sentono

Leggi tutto: UNA GRAVE FERITA (DA SANARE)

 

FIUMICELLO (UD) CONFERISCE LA CITTADINANZA ONORARIA AL MAGISTRATO ANTONINO DI MATTEO

 

Nel pomeriggio di venerdì 29 aprile 2016, presso l’ex scuola elementare di Fiumicello (UD), durante il consiglio comunale, è stata conferita la cittadinanza onoraria al dottor Antonino Di Matteo, magistrato che si occupa del processo sulla trattativa stato-mafia e per questo condannato a morte da Cosa Nostra.
L’approvazione di questo progetto ha richiesto un impegno da parte nostra iniziato il 18 giugno 2015, serata in cui è stato proiettato, su nostra iniziativa e con il patrocinio del Comune di Fiumicello e di 6 Comuni limitrofi, il film La Trattativa di Sabina Guzzanti, cui è seguito un dibattito con il pubblico alla presenza della stessa Guzzanti e del direttore di ANTIMAFIA Duemila Giorgio Bongiovanni, attivo sostenitore di Nino Di Matteo. Ora, dopo quasi un anno di attesa, siamo felicissimi che finalmente la nostra accorata richiesta sia stata concretizzata. Ogni qualvolta una città gli conferisce la cittadinanza onoraria, viene apposto un ulteriore tassello a formare uno scudo di protezione, da parte della Istituzioni, intorno a questo coraggioso e ammirevole magistrato.
Giangiacomo e Jessica Savogin

www.antimafiaduemila.com

 

 

 

MANIACI INDAGATO, BUFERA SU TELEJATO

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

LA REDAZIONE DI PIANETA OGGI TV ALLNEWS PUBBLICA L'ARTICOLO DI ANTIMAFIA DUEMILA IN ATTESA DEGLI ESITI RELATIVI ALLE  INDAGINI DELLA PROCURA DI PALERMO NEI CONFRONTI DI PINO MANIACI.

 

Il direttore: ''Mi faccio una risata''
di Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo
La notizia e' dirompente: il direttore di Telejato, Pino Maniaci (in foto), è indagato per estorsione. A leggere l’edizione odierna del quotidiano la Repubblica si rimane basiti. Secondo gli inquirenti Maniaci avrebbe chiesto soldi e favori ai sindaci di Borgetto e Partinico in cambio di una sorta di trattamento di favore da parte della sua emittente nei loro confronti. La vicenda sarebbe emersa nel corso di un'altra inchiesta condotta dai Carabinieri. Secondo la ricostruzione

Leggi tutto: MANIACI INDAGATO, BUFERA SU TELEJATO

 

APPARIZIONE DELLA VERGINE / VIRGEN NAYON 2016

VIRGEN APARECE EN UNA QUEBRADA DE NAYÓN
Un niño de 3 años 8 meses miro en una pared de la quebrada una imagen que le saludaba, el muchacho le insistió a su madre y le dijo, "una señora guapa me saluda".
Este día el Dr. Leonardo Merino párroco de Nayón se trasladó al sitio y pudo constatar las imágenes en dicha pared, que evidentemente no pudieron ser hechas por manos del hombre y ademas ubicada en un acceso difícil de llegar
Mañana 4 pm se realizará una misa en este sitio denominado Cusua.

 

IN PRIMO PIANO, RIINA JR A "PORTA A PORTA?"

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Interviste che non si possono rifiutare
di Saverio Lodato
Salvatore Riina è un Mafioso di Stato. E non ci vuole molto a capirlo. Sta tranquillamente scontando il suo ergastolo nella speranza che ai suoi figli, alla famiglia che porta il suo nome, venga garantito un futuro economico, ben retribuito, soprattutto al riparo da quelle vicissitudini giudiziarie che non lo hanno risparmiato e che lui, stoicamente, sta sopportando.
Quando diciamo che è un Mafioso di Stato, ci riferiamo al fatto che, periodicamente, gli viene aperto il microfono, come accadde un paio di anni fa nel carcere di Opera, per lanciare segnali, messaggi, avvertimenti, se non addirittura sentenze di morte. La più clamorosa quella contro il giudice Nino Di Matteo, quando Riina si spinse addirittura a solidarizzare con l’ex Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, affermando che al posto suo non sarebbe mai andato a deporre al processo di Palermo sulla Trattativa Stato-Mafia, nel quale Di Matteo è il principale rappresentante dell’accusa. E quelle frasi, apparentemente in libertà, tennero banco per mesi e mesi nei principali TG e quotidiani italiani.
Pensate: a lui che da oltre vent’anni è in "isolamento", qualche zampina o zampona (in divisa) aveva messo accanto, durante l’ora d’aria, un rappresentante della Sacra Corona Unita. Così, giusto per socializzare, per fare conversazione. Il vecchio "Don Totò" parlava e parlava con l’altro brutto ceffo. Credete che non sapesse di essere intercettato e registrato? Suvvia. Più semplicemente si prestava al giochino, accontentando i suoi invisibili interlocutori.
Di fronte a queste evidenze, in un vecchio articolo, affermammo che Riina è diventato da tempo una "Escort di Stato", disponibile per servizietti sporchi, quali, appunto, lo smistare minacce per conto di altri ("Riina, una escort dello Stato-Mafia per tutte le stagioni", 1° settembre 2014).
E scrivemmo in quell’occasione: "E’ davvero curioso che almeno una volta al mese, in Italia, scoppia la polemica perché qualcuno ha parlato da qualche parte, spesso capita nelle facoltà universitarie, senza avere gli adeguati requisiti morali. Oddio ci fosse qualcuno che si levasse indignato al cospetto degli sproloqui del Riina.

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO, RIINA JR A "PORTA A PORTA?"

 

IN PRIMO PIANO: "NEL NOME DEL PADRE" (BELVA ASSASSINA)

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA

 

Le elucubrazioni di Giuseppe Salvatore Riina
di Giorgio Bongiovanni
“Onora il padre e la madre” è il quarto dei Dieci comandamenti. Un concetto che può valere anche per i figli dei mafiosi. Giuseppe Salvatore Riina, detto Salvo (39 anni a maggio), già condannato per associazione mafiosa a 8 anni e 10 mesi (pena interamente scontata) ha voluto rendere “onore” al padre, il boss stragista Totò Riina, pubblicando un libro dal titolo “Riina. Family Life” (testo pubblicato da edizioni Anordest), che da dopodomani sarà presente negli scaffali delle librerie italiane. Una biografia inedita sulla vita del “Capo dei capi” che vorrebbe consegnarci l'immagine di un padre premuroso, amorevole, di solidi principi. E' vero che le colpe dei padri non devono ricadere sui figli ma è altrettanto vero che di fronte alle nefandezze compiute da “u curtu” non si può tacere o rimanere silenti, come nulla fosse accaduto. Nei comandamenti è scritto anche “Non uccidere”, “Non dire falsa testimonianza” ed è singolare che proprio Riina jr, nel suo faccia a faccia con il collega del Corriere della Sera, quando questi gli ricorda le parole del padre intercettate in carcere (dalla “fine del tonno” fatta fare a Falcone, agli altri delitti), abbia detto: “Io difendo la dignità di un uomo e della sua famiglia. E la sua coerenza, quando ha rifiutato di collaborare con i magistrati. 'Non ci si pente di fronte agli uomini, solo davanti a Dio', mi ripeteva”.
Di che dignità si parla se si raccontano falsità, omettendo o coprendo volutamente misfatti, crimini e bestemmie contro lo Spirito Santo, come quello di essere stato responsabile di stragi e della morte di donne e bambini? Questo significa esserne complici almeno dal punto di vista etico.
Le parole scritte nel libro che uscirà, così come quelle rilasciate da Riina jr (che oggi vive a Padova in regime di sorveglianza, mentre il fratello Giovanni sconta l'ergastolo al 41bis, come il padre) riportate dal quotidiano, sono un'offesa all'intelligenza delle vittime di mafia, dei cittadini, ed anche alla verità.
Come si può definire un “eroe” un uomo che, pur non avendo fatto mancare nulla alla propria famiglia, ha commesso le più grandi bestialità?
Come ci si può lamentare che “è dal gennaio del 1993 che non faccio una carezza a mio padre, e così le mie sorelle e mia madre”?
Cosa dovrebbero dire allora tutte quelle famiglie che per colpa del padre sono state distrutte, chi per la perdita di un proprio familiare chi, come è avvenuto con le stragi del 1993, ha visto i propri cari diventare invalidi?

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO: "NEL NOME DEL PADRE" (BELVA ASSASSINA)

   

"PANAMA PAMPERS" IL PUNTO DI GIULIETTO CHIESA

IN COLLABORAZIONE CON PANDORA TV ONLINE - ROMA.

A che servirebbe questa superbomba, questa “soffiata” mondiale? Se guardiamo bene tra i nomi fino ad ora usciti, non c’è neanche un miliardario americano. I padroni del mondo non ci sono. Vedremo spulciando negli oltre 11 milioni di files, se troviamo un Rotschild o un Rockfeller. O anche solo un Soros.
Invece chi c’è? Indovina. C’è Putin. Anzi, non c’è. Ci sono i suoi “amici”. Ma la foto di Putin campeggia sulle prime pagine di tutti i giornali. A cominciare da Repubblica. E allora ci viene un sospetto: Che le strane scoperte di questo Consorzio internazionale del Giornalismo Investigativo siano state cucinate come l’ennesima occasione per alimentare la russofobia e la Putinfobia.

   

UFO SOPRA SAN PIETROBURGO

UNA ENORME ASTRONAVE FORMA UNA CROCE NEI CIELI DI SAN PIETROBURGO (22 MARZO 2016

Nave Nodriza en San Petersburgo forma una Cruz y se aparece Ovni de luces h

   
   

RADIO SAIUZ INTERVISTA IL PM NINO DI MATTEO

A CURA DI UGO LOMBARDI IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA, www.antimafiaduemila.com

   

DI MATTEO A BARI E QUELLE PAROLE CHE PESANO COME MACIGNI

 

Non solo mafia nell'intervento del magistrato alla conferenza tenutasi all’Università

Non accade con frequenza che il magistrato più noto del nostro Paese, ma anche il più tutelato oltre che invidiato e da una buona parte di italiani,  ammirato, raggiunga i nostri lidi per parlarci di “illegalità”. Nella giornata di mercoledì, trenta aprile, nelle ore pomeridiane il dott. Di Matteo, pm presso la procura di Palermo, è stato ospitato dalla facoltà di giurisprudenza della università di Bari, invitato dal promotore dell'incontro e presidente della associazione ”Gens Nova Onlus”, prof. Antonio Maria La Scala, avvocato penalista del foro di Bari. Hanno partecipato alla conferenza, che ha avuto per titolo ”L'illegalità tra criminalità organizzata e criminalità economica”, altri illustri relatori come il magnifico rettore della Università di Bari prof. Antonio Felice Uricchio ed il moderatore dott. Mario Valentino, esperto giornalista.
Erano presenti il Neo Prefetto di Bari, Ufficiali dell'Arma dei Carabinieri, della Polizia, della Finanza.

Leggi tutto: DI MATTEO A BARI E QUELLE PAROLE CHE PESANO COME MACIGNI

   

DIRETTA LIVE: I MISTERI DI MARTE

SU RADIO FAVARO VENETO ONLINE (CIRCUITO RADIO SAIUZ) I MISTERI DI MARTE

IN DIFFUSIONE A PARTIRE DALLE ORE 16.30 IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE TERRA MATER DI BRUGNERA E IL SICOMORO DI PN

PER ASCOLTARE CLICCARE SU www.radiofavaroveneto.it www.radiofavaroveneto.eu

 

   

PTV NEWS

- Netanyahu confisca terre e acqua ai palestinesi
- Anche l’Olanda decide embargo contro Arabia Saudita
- Shulz: "Anche i curdi ai colloqui di Ginevra
- Bruxelles: Sulla Crimea due pesi e due misure
- Usa: Senza guerra fredda non ce la fanno

   

SPECIALE DI PANDORA TV, I MISTERI DI PARIGI

Una produzione esclusiva di Pandora TVGiulietto Chiesa - I Misteri di Parigi
Le troppe ombre e le conseguenze geopolitiche degli attentati di Parigi.Con Adolfo Marino
Regia di Santiago Martinez de Aguirre
Pandora TV 2015

   

PTV NEWS

- Chi vale di più? La legge della Russia o quella delle corti occidentali?
- Ucraina: l’associazione all'Europa non funziona
- Referendum contro le trivellazioni al palo di partenza
- La Francia incorona con la Legion D’Onore il ministro degli esteri di uno stato canaglia
- Per la coalizione occidentale la guerra di Libia s’ha da fare
- Trump sotto attacco nel partito Repubblicano e nell’establishment
- Arrestato giornalista francese che ha pubblicato l’unica foto unica del Bataclan
- Aggressione contro lo Yemen: qualche volta cadono
- Manifestazioni contro la guerra in Libia e per l’uscita dalla Nato

   

PTV NEWS

- Libia, giochi irresponsabili
- Migranti, chiusa la rotta dei Balcani
- Maduro richiama l’ambasciatore in Usa

   

MORI E I "BUFFONI" DI STATO

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

IN COLLABORAZIONE CON LA TESTATA ANTIMAFIA DUEMILA www.antimafiaduemila.com

 

Mori e i ''buffoni'' di Stato

di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari
“I servizi segreti deviati? Non esistono”. “L'intelligence italiana? Si occupa solo di 'corna' e 'marmellata'”. “I nostri politici? Non hanno idea di cosa sia un Servizio. L'unico che capiva il nostro lavoro era Cossiga”. Sono queste le parole del generale Mario Mori, ex comandante del Ros dei carabinieri e direttore del Sisde dal 2001 al 2006, intervenuto giovedì pomeriggio alla libreria Feltrinelli di Palermo per presentare il suo ultimo saggio “Servizi segreti - introduzione allo studio dell'intelligence”. Il concetto che ha espresso (“Ho sempre lavorato per lo Stato”) è chiaro quanto perverso ed è molto simile a quanto sostenuto in passato da Bruno Contrada, ex poliziotto e numero 3 del Sisde (servizio segreto civile) condannato a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

Ovvia, comoda e scontata la scelta di non parlare dei fatti giudiziari che lo riguardano alla domanda di un cronista, proprio sui servizi deviati, sui dubbi

Leggi tutto: MORI E I "BUFFONI" DI STATO

   

GIULIETTO CHIESA: "IL MONDO E' IN PERICOLO" SECONDA PARTE

Intervista di Giorgio Bongiovanni
“Il mondo è in pericolo”. Non si tratta di congetture apocalittiche ma di una serie di fatti e testimonianze enunciati dal giornalista e scrittore Giulietto Chiesa, che illustra i motivi per cui oggi vi è un maggiore pericolo di arrivare ad una guerra fredda. “E’ la crisi dell’Occidente che produce questo cambio - assicura - che aveva sempre cercato di scaricare sulla Russia ed è venuta meno con la sparizione dell’Unione Sovietica. Così l’Occidente ha dovuto inventarsi un nemico, quello islamico”. Nel corso dell’intervista Chiesa spiega come e perché l’umanità sta andando incontro al terzo conflitto mondiale, e verso "una crisi che non ammette soluzione negoziale".

IN COLLABORAZIONE CON ANTIMAFIA DUEMILA TV www.antimafiaduemila.com

 

   

GIULIETTO CHIESA: "IL MONDO E' IN PERICOLO" PRIMA PARTE

 

Intervista di Giorgio Bongiovanni
“Il mondo è in pericolo”. Non si tratta di congetture apocalittiche ma di una serie di fatti e testimonianze enunciati dal giornalista e scrittore Giulietto Chiesa , sul possesso della bomba atomica da parte dell’Arabia Saudita. “Tutti gli organi di stampa italiani ed europei hanno taciuto di fronte a questa rivelazione - ha dichiarato - Israele e Arabia Saudita hanno collaborato con il Pakistan, con il beneplacito degli Stati Uniti”. E questo, secondo il giornalista, costituisce “un pericolo mondiale senza precedenti”. Nel corso dell’intervista Chiesa spiega come e perché l’umanità sta andando incontro alla terza guerra mondiale.

 

 

   

"TERZA GUERRA MONDIALE IN ATTO", DALLA CRISI AL RISCHIO NUCLEARE

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

''Terza Guerra Mondiale in atto'', dalla crisi al rischio nucleare

di Sonia Cordella
Conferenza a Buja con Chiesa, Bongiovanni e Piccin
E' una casa della gioventù da “tutto esaurito” a Buja in occasione della conferenza “Terza guerra mondiale in atto - Le menzogne degli stati canaglia” organizzata dall'associazione “Il Sicomoro”, “Pandora TV”, il movimento “Alternativa”, “Antimafia Duemila” e l'associazione locale “Mandi dal Cil”.
A dare il via ai lavori è il responsabile di quest'ultima, Gilberto Cossettini, dopodiché ha inizio la conferenza. A proiettare il pubblico nell'argomento sono la visione di due filmati sui conflitti, gli attentati terroristici, le crisi internazionali degli ultimi due anni, e le dichiarazioni dell'analista politico saudita Daham al-Anzi, portavoce di Riyadh, che rivela l'acquisto dell'Arabia Saudita di ordigni nucleari dal Pakistan già da due anni con il consenso degli USA. “Nell'ultimo anno il percorso verso la guerra ha proceduto a grandi passi - esordisce Giulietto Chiesa - ciò che sta accadendo è di una gravità senza precedenti, ci troviamo in una situazione di estremo allarme e la gente non ha consapevolezza di questo, accetta tutto perché non sa ciò che sta accadendo e questa è la cosa più grave”.
“L'unico mezzo per difendersi - sostiene il giornalista - è quello di informare la gente su quanto sta accadendo. E' ciò che 'Pandora tv' si prefigge di fare attraverso il sito web 'Pandora tv.it' le cui trasmissioni vengono ripetute da altri canali digitali terrestri ed emittenti radio nazionali. Nel momento in cui il governo italiano aprirà la campagna di guerra in Libia, Pandora tv manderà in onda un collegamento permanente in streaming per chiedere agli italiani di sollevarsi contro l'entrata in guerra”.
“Il nostro governo sta dicendo che i nostri aerei, le nostre navi, i nostri soldati devono cominciare a combattere e uccidere dall'altra riva del Mediterraneo e si andrà a bombardare le propaggini libiche dell'esercito islamico - prosegue Chiesa - Ci dobbiamo rendere conto che se noi continuiamo a bombardare il resto del mondo, prima o dopo verranno a casa nostra”.

Leggi tutto: "TERZA GUERRA MONDIALE IN ATTO", DALLA CRISI AL RISCHIO NUCLEARE

   

Pagina 3 di 26

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.