Domenica, Novembre 18, 2018
   
Text Size

Arte Cultura e Spiritualità

IN PRIMO PIANO: GABRIELE FRANCESCO

Arte Cultura e Spiritualità

LA PUREZZA E L'INNOCENZA DEI PARGOLETTI DI DIO AMMONISCONO SEVERAMENTE QUESTA UMANITÀ CHE HA PERSO IL SENSO DELLA VITA.
‘QUO VADIS UMANITÀ, SE NON TI RAVVEDI, DI TE NON RIMARRÀ NEMMENO MEMORIA’.
È LA VERITÀ!

PIANETA OGGI TV
14 Maggio 2013

CI SONO ANCORA
Di Massimo Granellini


Buongiorno, mi chiamo Gabriele Francesco. Sono nato a Novara l’11 aprile 2013 e oggi avrei un mese, se fossi ancora vivo. Invece sono morto lo stesso giorno in cui sono nato. Adesso tutti starete pensando che mamma e papà non si sono comportati bene: in effetti mi hanno lasciato solo, sotto un cavalcavia, con indosso pochi stracci e senza un biberon nei paraggi. Ma io non mi permetto di giudicarli. Certo è che noi neonati siamo indifesi: ci buttano dai ponti, ci fanno esplodere sotto le bombe, ci vendono per pochi soldi. Siamo carne da telegiornale. Prima di chiudere gli occhi, mi sono raggomitolato tra i rifiuti per cercare conforto e ho pensato: ma è davvero così brutto questo mondo che sto già per lasciare? Poi mi sono sentito sollevare e sulla nuvola da cui vi scrivo ho visto che la bellezza c’è ancora. C’è bellezza nel camionista che mi ha trovato e nell’ispettore che mi ha messo questo nome meraviglioso: è importante avere un nome, significa che sei esistito davvero. C’è bellezza nei poliziotti che per il mio funerale hanno fatto una colletta a cui si sono uniti tutti, dai pompieri alle guardie forestali. E c’è, la bellezza, nella ditta di pompe funebri che ha detto «per il funerale non vogliamo un euro», così i soldi sono andati ai volontari che in ospedale aiutano i bimbi malati. Dove sono nato io, metteranno addirittura una targa. Allora non sono nato invano. Mi chiamo Gabriele Francesco, e ci sono ancora.

(Liberamente tratto dal testo inviatomi ieri, giorno del funerale di Gabriele Francesco, da un lettore di Novara che ha chiesto di restare anonimo. C’è tanta bellezza anche in lui).

Da La Stampa del 11/05/2013.

 

PRIMO E SECONDO MESSAGGIO DI FATIMA

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Il 13 Ottobre del 1917, dopo una serie di apparizioni, la Vergine Santissima apparve per l'ultima volta ai pastorelli di Fatima: Lucia, Giacinta e Francesco. La Madre di Dio rivelò a Lucia questo messaggio di grandissima importanza per il futuro dell'intera umanità e dette come prova della sua autenticità divina il "Miracolo del Sole" visto da migliaia di persone.
Tale messaggio si divide in tre parti.
 

Il messaggio venne portato a Roma e la Chiesa decise di tenerne segreta la terza parte. Se ne aspettava la divulgazione per l'anno 1960 tramite il Papa, ma l'attesa andò delusa. Il giornale tedesco "Neues Europa" del 15 ottobre 1963, però, affermò di sapere tramite un'indiscrezione diplomatica, che il "documento" sarebbe stato inviato dalle autorità vaticane a quelle diplomatiche degli Stati Uniti, dell'ex Unione Sovietica e dell'Inghilterra, ritenendo la conoscenza di questo messaggio necessaria, anzi indispensabile, alla buona riuscita della convenzione riguardante la cessazione degli esperimenti nucleari. 
Nel 1965, su richiesta di una dama dell'ordine di San Vincenzo, venne pubblicato dal settimanale "Il Borghese" del 9 settembre, e successivamente anche il periodico "L'Araldo di San Antonio" lo pubblicò sul numero 15 del Maggio 1975. L'autenticità di tale messaggio non risulta essere mai stata smentita dal Vaticano.

Prima parte...
"La Madonna ci mostrò un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto la terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell'incendio, portate dalle fiamme che uscivano da loro stesse insieme a nuvole di fumo, cadendo da tutte le parti simili al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza però né equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che mettevano orrore e facevano tremare dalla paura. I demoni si riconoscevano dalle forme orribili e riluttanti di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti e neri. Questa visione durò un momento. E grazie alla nostra buona Madre del Cielo, che prima ci aveva prevenuti con la promessa di portarci in Cielo (nella prima apparizione), altrimenti credo che saremmo morti di terrore."

Seconda parte...
"Avete visto l'Inferno dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato.
Se faranno quel che vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace. La guerra sta per finire (si tratta della prima guerra mondiale 1914-1918); ma se non smetteranno di offendere Dio, durante il pontificato di Pio XI ne comincerà un'altra ancora peggiore.

Leggi tutto: PRIMO E SECONDO MESSAGGIO DI FATIMA

 

TERZO MESSAGGIO DI FATIMA

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Terzo Segreto di Fatima secondo la versione diffusa dal News Europa, giornale cattolico del 1963, diffusa negli anni successivi, tra gli altri, da Eugenio Siragusa e Giorgio Bongiovanni.

TERZO SEGRETO DI FATIMA

"Non aver timore, cara piccola. Sono la Madre di Dio, che ti parla e ti domanda di rendere pubblico il presente Messaggio per il mondo intero. Ciò facendo incontrerai forti resistenze. Ascolta bene e fa attenzione a quello che ti dico:  Gli uomini devono correggersi. Con umili suppliche, devono chiedere perdono dei peccati commessi e che potessero commettere. Tu desideri che Io ti dia un segno, affinché ognuno accetti le Mie parole che dico per mezzo tuo, al genere umano. Hai visto il prodigio del Sole, e tutti credenti, miscredenti, contadini, cittadini, sapienti, giornalisti, laici, sacerdoti, tutti lo hanno veduto. Ed ora proclama a Mio Nome: Un grande castigo cadrà sull'intero genere umano, non oggi, né domani, ma nella seconda metà del Secolo XX.
Lo avevo già rivelato ai bambini Melania e Massimino, a la "Salette", ed oggi lo ripeto a te, perché il genere umano ha peccato e calpestato il

Leggi tutto: TERZO MESSAGGIO DI FATIMA

 

SANTITA', RIVOLUZIONI LA SUA CHIESA

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Lettera aperta a Papa Francesco I
di AMDuemila - 16 marzo 2013
Da persone di fede quali siamo ci rivolgiamo a lei ora che è stato investito della massima autorità riconosciuta dalla dottrina cattolica. La semplicità e gli atteggiamenti umili di servizio cristiano sono ottime espressioni di speranza per una chiesa cattolica offuscata dagli scandali e dalle bestemmie contro lo spirito santo. Non abbiamo dimenticato, Santità, la richiesta di pentimento rivolta a Dio che lei fece nell’anno 2000 ricordando il peccato di omissione e di azione della chiesa argentina durante la dittatura sanguinaria di Jorge Videla. Ricordiamo ancora le sue parole: «Siamo stati indulgenti verso le posizioni totalitarie … Attraverso azioni e omissioni abbiamo discriminato molti dei nostri fratelli, senza impegnarci abbastanza nella difesa dei loro diritti. Supplichiamo Dio che accetti il nostro pentimento e risani le ferite del nostro popolo …». Ma allo stesso modo non possiamo chiudere gli occhi di fronte alle prove e alle evidenze che attestano la sua vicinanza, Santità, a quegli stessi ambienti militari colpevoli delle peggiori torture ed eliminazioni fisiche nei confronti di inermi cittadini. Secondo quanto riportato dalle investigazioni di studiosi e ricercatori in una nota del direttore dell'Ufficio del culto cattolico, allora organismo del ministero degli Esteri, c’era scritto: “Questo prete è un sovversivo. Ha avuto problemi con i suoi superiori ed è stato detenuto nell'Esma”.  La fonte di queste informazioni era lei, Santità, e il riferimento era ad uno dei due gesuiti, Orlando Yorio e Francisco Jalics, costretti ad andarsene a seguito dei suoi provvedimenti. Secondo le ricostruzioni storiche lei fece pressioni all'allora arcivescovo di Buenos Aires per toglier loro l'autorizzazione a dir messa. Pochi giorni dopo il golpe del ‘76 i due gesuiti furono rapiti e detenuti per sei mesi nella terribile prigione dell’“Esma” prima di essere rilasciati dopo indicibili torture. Lo stesso dittatore Videla, dal carcere dove attualmente sconta la sua pena, ha ammesso l’effettiva complicità della chiesa cattolica argentina nello sterminio di decine di migliaia di ragazzi, uomini e donne finiti per diventare “desaparecidos”. In quel periodo, Santità, i suoi fratelli vescovi e cardinali si sono macchiati di gravissime omissioni, hanno collaborato con la polizia segreta nella cattura di coloro che venivano definiti “sovversivi”. Quei suoi confratelli hanno impartito la comunione a feroci assassini, hanno partecipato a convegni dove la politica sanguinaria del regime militare veniva esaltata in un delirio di impunità.  

 

Oggi lei è diventato vicario di Cristo scegliendo come nome il simbolo dell’umiltà e della fedeltà agli insegnamenti del Cristo: Francesco. Ed è per questo motivo che ci rivolgiamo a lei. Riteniamo che il perdono è concesso ai veri penitenti che riscattano il proprio peccato donando la vita alla causa della giustizia e dell’amore cristico, rivelando la verità – tutta la verità – sui crimini commessi da loro stessi o da terzi. Il perdono avverrà se lei rivelerà tutta la verità sulla presenza dell’anticristo all’interno del Vaticano, solo se lei rivelerà tutta la verità sulle decine di miliardi di euro depositati nello Ior appartenenti alle

Leggi tutto: SANTITA', RIVOLUZIONI LA SUA CHIESA

 

DIRETTA DA GUBBIO ORE 16.00

Arte Cultura e Spiritualità

Vi informiamo che è possibile seguire lo streaming della conferenza " Il Ritorno, la seconda venuta di Cristo" che si terrà domenica 10 Febbraio a Gubbio. In allegato la locandina della conferenza con tutte le informazioni utili.
Per lo streaming: http://www.livestream.com/giorgiobongiovanni

Con la partecipazione del reportagista ricercatore Pier Giorgio caria con lo storico Flavio Ciucani.

 

 

OIPA ONLUS INFORMA CON L'EDITORIALE

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

QUANDO MI ARRIVANO IN REDAZIONE NOTIZIE TRISTI - DRAMMATICHE COME QUESTA, OPPURE PENSO A TUTTI QUEI BAMBINI CHE MUOIONO DI FAME E DI STENTI OGNI SECONDO... UN UOMO CHE UCCIDE I SUOI FIGLI!  UN UOMO CHE STERMINA BRUTALMENTE GLI ANIMALI, UN UOMO CHE DEVASTA LE FORESTE, LA FOLLIA DI UNA SCIENZA SENZA COSCIENZA CHE CON LE TECNOLOGIE ANTICRISTICHE (LA PRODUZIONE DI ARMAMENTI CHE POTREBBERO FAR SALTARE L'INTERO PIANETA NON SO QUANTE VOLTE! VEDI IL NUCLEARE. . .) STA UCCIDENDO IL PIANETA, PRATICAMENTE LA CASA DOVE DEVE VIVERCI. SE NON E' FOLLIA QUESTA! DITEMI VOI COSA E'!

PER NON PARLARE DELLA VOLONTA' DI NON PERFEZIONARE LE ENERGIE RINNOVABILI, OGNI SCUSA E' SEMPRE VALIDA PER CONTRASTARE LA SCENZA PULITA!

SEMBRACHE QUESTO UOMO DELLA TERRA ARROGANTE E PRESUNTUOSO. . . ABBIA FATTO UN PATTO CON IL DEMONIO MALEDETTO, PIUTTOSTO CHE CON DIO. AVER RIDOTTO LA MADRE TERRA IN UN PIANETA DI MORTE ED INQUINAMENTO ANDANDO SEMPRE CONTRO LA VITA. . . AVRA' LA FINE CHE SI MERITA!!!

MASSIMO  BONELLA
DIR. PIANETA OGGI TV

 

 

 

 

Comunicato stampa
18 gennaio 2013

 

Cane “murato” vivo nel vano del contatore: salvataggio e denuncia delle guardie zoofile OIPA Caltanissetta

L’animale era costretto da mesi al buio in un minuscolo loculo, legato e senza acqua

 

 


A seguito di una segnalazione il nucleo di guardie zoofile dell’OIPA Caltanissetta ha effettuato un controllo a Marianopoli (CL) dove risultava la presenza di un cane detenuto in condizione non idonee.

Leggi tutto: OIPA ONLUS INFORMA CON L'EDITORIALE

   

VERGINE CON GESU' BAMBINO APPARE SU UN ALBERO

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Un residente dello Utah (Stati Uniti), il sig. Dean Hansen, ha riferito al “The Denver Channel”, di aver visto apparire l’immagine della Vergine Maria che tiene con sé Gesù bambino in braccio, sul tronco di un albero. La scoperta è avvenuta sei settimane fa, con grande stupore di Hansen, mentre si trovava con suo zio a tagliare la legna per rifornire i negozi del centro della città.

Il suddetto testimone ha mantenuto il pezzo di legno, di circa otto centimetri di spessore, in un luogo sicuro, ancora incerto se metterlo in mostra; così riporta il “Global Post”, aggiungendo che un’altra immagine della Vergine Maria è stata vista per mesi nella corteccia di un albero a New York. Questo albero, circondato da mazzi di fiori e candele, era custodito da una recinzione che i passanti hanno cercato di superare, per poter toccare la Vergine.

 

9 Novembre 2012

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

NEL PIANETA DI OGGI . . . IN PRIMO PIANO

Arte Cultura e Spiritualità

Tra guerre, sofferenze immani, ogni 3 secondi muore un bambino di fame, i peccati contro lo Spirito santo cioè inquinare il Pianeta con la radioattivita' le acque  contaminate bambini con malformazioni di tutti i tipi, devastazione degli animali, la vivisezione, la pedofilia, la prostutuzione, bambini di strada, i tumori delle mafie che sciolgono nell'acido anche i bambini! ..............I bombardamenti sopra i bambini! La politica ingannatrice falsa e corrotta, i popoli sfruttati da sistemi anticristici ......

In questo Pianeta ogni giorno viene messo in croce Gesu' Cristo.  Umanita' attenta a cio' che fai contro la Vita!

In collaborazione con Giorgio Barbagallo e Giorgio Bongiovanni.

link video: http://www.youtube.com/watch?v=4TTfRXkh2K4&feature=player_embedded

 

 

 

   

NEL PIANETA DI OGGI . . . IN PRIMO PIANO

Arte Cultura e Spiritualità

Tra guerre, sofferenze immani, ogni 3 secondi muore un bambino di fame, i peccati contro lo Spirito santo cioè inquinare il Pianeta con la radioattivita' le acque  contaminate bambini con malformazioni di tutti i tipi, devastazione degli animali, la vivisezione, la pedofilia, la prostutuzione, bambini di strada, i tumori delle mafie che sciolgono nell'acido anche i bambini! ..............I bombardamenti sopra i bambini! La politica ingannatrice falsa e corrotta, i popoli sfruttati da sistemi anticristici ......

In questo Pianeta ogni giorno viene messo in croce Gesu' Cristo.  Umanita' attenta a cio' che fai contro la Vita!

In collaborazione con Giorgio Barbagallo e Giorgio Bongiovanni.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

   

NEL PIANETA DI OGGI . . . IN PRIMO PIANO

Arte Cultura e Spiritualità

Tra guerre, sofferenze immani, ogni 3 secondi muore un bambino di fame, i peccati contro lo Spirito santo cioè inquinare il Pianeta con la radioattivita' le acque  contaminate bambini con malformazioni di tutti i tipi, devastazione degli animali, la vivisezione, la pedofilia, la prostutuzione, bambini di strada, i tumori delle mafie che sciolgono nell'acido anche i bambini! ..............I bombardamenti sopra i bambini! La politica ingannatrice falsa e corrotta, i popoli sfruttati da sistemi anticristici ......

In questo Pianeta ogni giorno viene messo in croce Gesu' Cristo.  Umanita' attenta a cio' che fai contro la Vita!

In collaborazione con Giorgio Barbagallo e Giorgio Bongiovanni.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

NEL PIANETA DI OGGI . . . IN PRIMO PIANO

Arte Cultura e Spiritualità

Tra guerre, sofferenze immani, ogni 3 secondi muore un bambino di fame, i peccati contro lo Spirito santo cioè inquinare il Pianeta con la radioattivita' le acque  contaminate bambini con malformazioni di tutti i tipi, devastazione degli animali, la vivisezione, la pedofilia, la prostutuzione, bambini di strada, i tumori delle mafie che sciolgono nell'acido anche i bambini! ..............I bombardamenti sopra i bambini! La politica ingannatrice falsa e corrotta, i popoli sfruttati da sistemi anticristici ......

In questo Pianeta ogni giorno viene messo in croce Gesu' Cristo.  Umanita' attenta a cio' che fai contro la Vita!

In collaborazione con Giorgio Barbagallo e Giorgio Bongiovanni.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

 

 

   

DOMINIKA ZAMARA A VENEZIA

Arte Cultura e Spiritualità

A cura di Massimo Bonella.

Novembre 2012

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

   

ARGENTINA, MADONNINA CHE LACRIMA

Arte Cultura e Spiritualità

 

Argentina. Dalla fine della scorsa settimana, un’abitazione situata nel quartiere San Luis XV, è al centro dell’attenzione di centinaia di persone che vi si recano per vedere l’immagine della Vergine Maria che piange.

Mabel Molina, la proprietaria, possiede da tanto tempo una gigantografia della Madonna stampata su tela plastificata. La settimana scorsa, mentre pregava, ha notato che sotto gli occhi dell’immagine vi erano segni di lacrime; ha riferito l’accaduto ad una vicina di casa e poi un sacerdote del quartiere si è recato sul posto per accertare il fatto.

Dal momento in cui la notizia, così sorprendente, si è diffusa, moltissime persone visitano il luogo per pregare ed accendere candele.

Il giornalista Gustavo González, giunto nell’abitazione, ha affermato che si vedono scorrere due gocce di lacrime dagli occhi della Vergine che arrivano fino al centro del Suo corpo. Inoltre, osservando la tela da dietro, sembra come se le lacrime volessero oltrepassarla.

Gonzalez ha confermato che la casa è una costruzione moderna, pertanto il fenomeno non può essere attribuito a segni di umidità.

Audio: Gustavo González (giornalista)

Video: http://www.youtube.com/watch?v=9nw-Ni6LjCk

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

MADONNINA PIANGE A BIBLOS - LIBANO

Arte Cultura e Spiritualità

 

La statua della Vergine nel santuario della Madonna dei Mari a Byblos, a nord di Beirut, lacrimerebbe sangue e olio, riferisocno alcuni media libanesi. Il fenomeno è apparso in coincidenza con la presenza di Benedetto XVI nel Paese.

Leggi tutto: MADONNINA PIANGE A BIBLOS - LIBANO

   

MADONNINA PIANGE A BIBLOS - LIBANO

Arte Cultura e Spiritualità

 

La statua della Vergine nel santuario della Madonna dei Mari a Byblos, a nord di Beirut, lacrimerebbe sangue e olio, riferiscono alcuni media libanesi.

La statua della Vergine nel santuario della Madonna dei Mari a Byblos, a nord di Beirut, lacrimerebbe sangue e olio, riferisocno alcuni media libanesi. Il fenomeno è apparso in coincidenza con la presenza di Benedetto XVI nel Paese.

Secondo l'agenzia di informazione nazionale ANI, gocce di sangue e di una materia oleosa uscirebbero dall'occhio destro dela statua.

Secondo la radio Voce del Libano il fenomeno sarebbe cominciato verso le 20 di venerdì 14 settembre. Padre Charbel Beiruti, direttore del monastero della Madonna dei Mari, ha esaminato personalmente la statua. Fino ad ora nessuna commissione della Chiesa si è recata sul luogo per esaminare il fenomeno.

Marco Tosatti

 

   

ANALISI DELLE STIGMATE DI GIORGIO BONGIOVANNI PARTE 1

Arte Cultura e Spiritualità

Análisis de los estigmas - Giorgio Bongiovanni - 1994 - Parte 1

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

ANALISI DELLE STIGMATE DI GIORGIO BONGIOVANNI PARTE 2

Arte Cultura e Spiritualità

Análisis de los estigmas - Giorgio Bongiovanni - 1994 - Parte 2

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

IL CASO MONDIALE DI GIORGIO BONGIOVANNI STIGMATIZZATO A FATIMA - ANALISI DELLE STIGMATE PARTE 3

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Il Dott. Ceglie esegue una analisi ispettiva delle stimmate di Giorgio Bongiovanni. La visita è stata eseguita nel settembre del 2009. Fu chiesta dal giornalista messicano Jaime Maussan in occasione di un programma da lui mandato in onda nel ventennale della stimmatizzazione.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

 

 

   

IL CASO GIORGIO BONGIOVANNI STIGMATIZZATO A FATIMA

Arte Cultura e Spiritualità

SPIEGAZIONE DI JAIME MAUSSAN NOTO GIORNALISTA DI TELEVISA MESSICO RICERCATORE REPORTAGISTA SUL CASO GIORGIO BONGIOVANNI STIGMATIZZATO A FATIMA.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

GIORNATA ECUMENICA PER LA SALVAGUARDIA DEL CREATO

Arte Cultura e Spiritualità

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Comunicato stampa 6 settembre 2012

“Salvare ambiente e animali è un dovere di tutti,

cristiani e non”

Andrea Zanoni (IdV) plaude alla “Giornata ecumenica per la salvaguardia del creato” organizzata a Pian del Cansiglio dalle diocesi di Belluno e Feltre. “Per essere in pace con il creato, l'uomo deve rispettare ambiente e animali

Andrea Zanoni, europarlamentare IdV del gruppo ALDE (vice presidente dell’intergruppo per il benessere degli animali) plaude all’evento “Giornata ecumenica per la salvaguardia del creato” organizzato lo scorso 1 settembre a Pian del Cansiglio, una delle più belle aree del bosco bellunese, dalla diocesi di Belluno e Feltre. “Educare alla custodia del creato per sanare le ferite della terra”, questo il tema della settima edizione dell'iniziativa a cui hanno preso parte congiuntamente i rappresentanti di tutte le confessioni cristiane, dagli ortodossi ai luterani ai battisti. Ambientalista ed animalista da sempre, Zanoni nei mesi scorsi si è battuto con tutte le sue forze per fermare l’annunciata strage di cervi in Cansiglio portando questa strage sfiorata anche a Bruxelles.

Leggi tutto: GIORNATA ECUMENICA PER LA SALVAGUARDIA DEL CREATO

   

Pagina 5 di 8

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.