Martedì, Giugno 25, 2019
   
Text Size

IL POTERE ALLA RESA DEI CONTI CON NINO DI MATTEO, IL NUOVO GIOVANNI FALCONE

Antimafia Duemila & Terzo Millennio

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

(DA ANTIMAFIA DUEMILA)

 

 

di Saverio Lodato
Tremano i Palazzi del Potere. Come non mai. Perché Antonino Di Matteo appare sempre più agli italiani come il nuovo Giovanni Falcone. Inutile girarci attorno. E a noi stessi, che le scriviamo, queste parole suonano quasi lapalissiane e scontate. Vediamo perché.
E' il nervosismo spasmodico, covato per anni sotto pelle, che questa volta tradisce i denigratori di Di Matteo. E' un gran passo falso, il loro. E' il passo falso di chi è accecato dall'odio. E che non sappiamo, al momento, quali meccanismi potrà innescare e quali conseguenze determinare. Si addensano nuvoloni.
Per estromettere il giudice Nino Di Matteo dalla neocostituita "commissione stragi" della Procura Nazionale antimafia, non si è cercato un pretesto. E' stato inventato un pretesto. A freddo, appigliandosi a ghirigori da galateo, il che fa una gran bella differenza.
Il pretesto viene firmato dal Procuratore antimafia, Federico Cafiero de Raho, e la scelta sorprende. E non poco, visto che lui stesso, appena pochi giorni fa, aveva intelligentemente istituito il nuovo organismo, e aveva deciso che Di Matteo ne facesse parte a pieno titolo, per esperienza e curriculum. A cosa è dovuta un'inversione di marcia che suona, nei fatti, come una precipitosa, clamorosa, inspiegabile ritirata? Cosa è accaduto di cui non ci siamo accorti? Cosa ci eravamo persi?
Ognuno può farsi una sua opinione in merito a questa apparente incongruenza.
Resta il fatto che sulle stragi di Capaci, via D’Amelio, Roma, Firenze e Milano, i misteri che vanno ancora scoperti il patto sporco integralesono tantissimi. Diversamente sarebbe stato inutile creare nuovi organismi di indagine. Gli italiani lo sanno e lo hanno capito. E non da ora.
A fianco, trovate la minuziosa ricostruzione (Bongiovanni e Pettinari) dei fatti culminati nella sconcertante estromissione.
Ma è stranissimo, inquietante, che ciò accada all'indomani delle commemorazioni di Giovanni Falcone e della strage di Capaci. Mentre è ancora vivo il ricordo della schierata di tante personalità istituzionali pronte a brandire i vessilli dell'antimafia. Ma anche - ce lo si lasci dire - il ricordo del sangue.
Sorge il sospetto - legittimissimo, verrebbe da dire - che qualcuno che si muove in alto, e molto in ombra, avesse una gran fretta di chiudere la partita investigazioni Stragi '92 - '94 e di archiviare la "pratica Di Matteo".
E che sia riuscito - inspiegabilmente, o molto spiegabilmente: giudichi il lettore - a trovare porte spalancate per i suoi desiderata.
Ma ci permettiamo di dire che chi aveva paura prima, ha più paura adesso. È facile il mestiere dell’apprendista stregone, che però poi, molto spesso, è costretto a fare i conti con le forze che ha voluto evocare. Purtroppo si dà il caso che stiamo parlando del magistrato più a rischio vita in Italia.
Si percepisce in tutta questa storia un forte elemento di censura.
Di Matteo, nella sua intervista a Andrea Purgatori, per la puntata di Atlantide dedicata alla strage di Capaci, non ha svelato neanche lo straccio di un Segreto di Stato. Neanche una virgola, un dettaglio che già non fossero pubblici. Tutto ciò che ha detto, è contenuto in atti processuali e sentenze. Guardare per credere. Leggere per capire, e convincersi dell’inaudita gravità di quanto sta accadendo. Ecco perché più che di pretesto cercato, parliamo di pretesto inventato.
Certo. Non siamo ingenui. C’è un livore sordo rispetto al modo in cui si è concluso il primo grado del processo sulla Trattativa Stato-Mafia (Corte d’Assise presieduta da Alfredo Montalto, giudice a latere Stefania Brambille). Si ritiene Di Matteo il responsabile n°1, in quanto Pm simbolo dello stesso processo, delle condanne inflitte a Antonio Subranni (12 anni), Mario Mori ( 12 anni), Giuseppe De Donno (8 anni), carabinieri d’eccellenza, insieme a famigerati capi di Cosa Nostra.
D’altra parte, lo stesso Mori non aveva fatto mistero di “augurare la morte” ai suoi nemici con chiaro riferimento ai suoi accusatori. Ma sarebbe ingeneroso “tirare” su Mario Mori, come fosse l’unico “pianista” dell’orchestrina della vergogna. E' inaccettabile (infatti) "augurare la morte" a qualcuno. Soprattuto quando l'augurio viene da un uomo che è stato in divisa ed alamari. In questo, siamo all’antica. Giusto per non dimenticare.
Né lo fa diventare meno vergognoso il silenzio della grande stampa e delle grandi tv che di fronte a quelle parole non alzarono un sopracciglio. Convinte come sono che quando una cosa, da loro, non viene scritta non esiste. Dunque: l'orchestrina, a voler chiamare le cose con il giusto nome, è un'orchestrona.
Nino Di Matteo mette paura perché è diventato il nuovo Giovanni Falcone. È il pubblico ministero che riparte da lontano. Che sembra venire da un passato che molti speravano seppellito dalle macerie di Capaci e Via D’Amelio.
Di Matteo continua a cercare le Menti Raffinatissime che stavano dietro Cosa Nostra cui fece riferimento Giovanni Falcone dopo il fallito attentato contro di lui all'Addaura.
Questo non piace. Dà fastidio. Mette paura, accieca la vista.
Non fosse così, non si spiegherebbero i provvedimenti a lui sfavorevoli del Csm, la campagna denigratoria contro la sua persona di alcune testate giornalistiche, lo stillicidio al quale viene sottoposto da mesi e mesi, anni e anni, complice involontario persino qualche familiare di vittima di mafia.
Tutto quanto accadde a Falcone si sta ripetendo con Nino Di Matteo.
Né si perdona, infine, a Di Matteo di avere concesso un’intervista per un libro - "Il Patto Sporco" - dove sono riassunti, né più né meno che nell’intervista ad Andrea Purgatori che oggi gli viene contestata, i punti fermi già acquisti in materia di rapporti fra Stato e Mafia.
Si vuole cioè impedire che all’opinione pubblica arrivi un segnale forte e chiaro. Si capisce cosa intendiamo? Tutto qui.
La7 - ma è solo una nostra modestissima opinione - forse dovrebbe rimandare in onda la puntata di Andrea Purgatori. Nel giornalismo anglosassone si farebbe così.
È bene che se decidiamo di mandare al patibolo Nino Di Matteo gli italiani conoscano bene il "reato" che aveva commesso.

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. La rubrica di Saverio LodatoFoto © Imagoeconomica

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.