Sabato, Agosto 24, 2019
   
Text Size

RANUCCI: "CORPO NASCOSTO DELLO STATO? LA TRATTATIVA STATO - MAFIA E IL CASO MONTANTE DOVRANNO DARE LA RISPOSTA"

Antimafia Duemila & Terzo Millennio

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Il contributo video dell'autore e conduttore di Report
di AMDuemila
"Quello che mi chiedo è se una volta che si è dimostrato che si è stati vicini a scoprire un corpo nascosto dello Stato, che vive e si nutre all’interno delle istituzioni, non solo anche capace di rigenerarsi, sarà capace di processare se stesso?" E' questa la domanda dell'autore e conduttore del programma di RaiTre, Report, Sigfrido Ranucci, che si è posto nel contributo video proiettato in occasione del convegno "Strage di Capaci. Gli assassini di Stato del giudice Falcone. Il ruolo dell'informazione ieri e oggi" in corso alla Facoltà di Giurisprudenza di Palermo. "Io voglio pensare positivo perché i casi come la Trattativa Stato-mafia e il caso Montante - ha spiegato - hanno dimostrato che gli organi giudiziari funzionano. Bisogna vedere se questi colpiscono davvero il male o se ci sono delle metastasi ancora in giro". Il conduttore di Report ha poi parlato di quei sistemi di poteri che comprendono banchieri, politici, magistrati e imprenditori: "Hanno fatto il doppio gioco, lo hanno fatto solo per fare carriera o perché fanno parte di una vecchia strategia, che si è vista colorarsi nel tempo, dove sono seduti imprenditori, banchieri e mafiosi uno a sostegno dell’altro. La risposta? La dovrà dare la sentenza definitiva della Trattativa Stato-mafia e quella del caso Montante".
Ranucci ha poi parlato di una delle sue puntate in cui Report si è occupata del caso Ubi Banca. "I soldi si dice che non puzzano. Quando si tratta di fare dei conti con dei grandi fallimenti è ovvio che chi cura il passaggio da una società fallita al risanamento - adesso è più semplice perché c’è la bad company - prima non era così e quindi tutto quello che potevi racimolare lo hai portato dentro - ha detto - bisogna vedere se qualcuno spostando gli armadi da una società ad un’altra non abbia portato insieme gli scheletri e bisogna vedere se fosse consapevole di portargli da una parte all’altra - ha proseguito - E' abbastanza sintomatico ad esempio quando ci troviamo davanti a due suicidi sospetti come quello di Calvi e Sindona dove la sentenza dice che erano stati così abili da farlo sembra un suicidio".
Nel concludere l'intervista, l'autore di Report ha parlato del ruolo dell'informazione oggi: "Il ruolo dell’informazione è stato sempre vitale. Ci sono stati dei colleghi che pur di fare informazione, sono stati uccisi per mano della mafia o delegittimati dall’imprenditoria ed editori collusi affinché non parlassero dei rapporti tra mafia e potere. Ci sono colleghi che vengono allontananti e licenziati da alcune testate. Penso alle testate locali le quali sono quelle più sotto scacco da sponsor e imprenditori collusi o addirittura dove c’è il potere dei sindaci o degli enti locali". Nei casi come quello della Trattativa Stato-mafia e il caso Montante "è difficilissimo, quando le acque sono torbide, distinguere la mafia dall’antimafia e soprattutto capire cosa è diventata oggi la mafia"

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.