Giovedì, Ottobre 18, 2018
   
Text Size

Area Locale

MONTEPULCIANO INFO

COMUNE DI MONTEPULCIANO

Buongiorno,
riepiloghiamo gli appuntamenti in programma sabato 20 e lunedì 22 ottobre, a Montepulciano.

Sabato 20

Ore 9.30, Piazza Grande, Palazzo del Capitano, Sala Master, 2° piano, convegno "Il turismo di domani a Montepulciano e nella Valdichiana Senese"

Ore 15.00, Lago di Montepulciano, Area Centro visite "La Casetta", Inaugurazione palestra all'aperto

Ore 16.00, Lago di Montepulciano, Sala convegni del Centro visite,  convegno sul Lago

Lunedì 22

Ore 18.00, Piazza Grande, Palazzo del Capitano, Sala Master, 2° piano, incontro formativo "Le società a partecipazione pubblica: dagli obblighi normativi alle opportunità. Il percorso per la costituzione di una società in house della Valdichiana".

Alleghiamo gli inviti o i volantini realizzati per ciascuna iniziativa. Sono stati già diffusi e sono disponibili comunicati stampa e note informative sui diversi appuntamenti.

 

SARTEANO INFO

 

COMUNICATO STAMPA DEL 17 OTTOBRE 2018

Casa di riposo, nuova palestra per gli anziani

SARTEANO (SIENA - È stata inaugurata, di recente, la nuova palestra della residenza sanitaria assistita di Sarteano (ex Onpi). Questa struttura comunale, che offre servizi per 53 ospiti, è un punto di riferimento per la comunità. Il taglio del nastro, effettuato dal sindaco Francesco Landi, riguarda spazi per la riabilitazione fisioterapica, per camminare, per esercizi sulla manualità fine. “In questo modo – osserva il sindaco – migliora la qualità della nostra casa di riposo. E questa è una buona notizia, sia per gli ospiti attuali che per quelli futuri”. La palestra esisteva già, ma è stata rinnovata a cura della cooperativa Giuseppe Di Vittorio che gestisce la residenza sanitaria, su affidamento del Comune. Ora, con questo investimento, le attività miglioreranno ancora. L’inaugurazione si è trasformata in una festa (compresa una merenda), con tanti cittadini che hanno partecipato.

 

 

COMUNE DI MONTEPULCIANO INFO

COMUNE DI MONTEPULCIANO
Provincia di Siena

COMUNICATO STAMPA

Incontro organizzato dal Comune al Palazzo del Capitano, in Piazza Grande
Sabato 20 ottobre tavola rotonda sul turismo a Montepulciano e in Valdichiana
Intanto si impennano ancora, nell’area, i dati provvisori relativi ad arrivi e presenze

“Il turismo di domani a Montepulciano e in Valdichiana Senese”: questo il tema dell’incontro organizzato dal Comune di Montepulciano e programmato per sabato 20 ottobre, alle 9.30, alla Sala Master del Palazzo del Capitano, in Piazza Grande.

In scaletta gli interventi di rappresentanti dell’Istituzioni locali e di tecnici della materia. Prevista anche una tavola rotonda che sarà coordinata dall’ex-Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi, urbanista e Rettore dell’Università Telematica Pegaso, a cui parteciperanno esponenti di associazioni ed organismi impegnati nella materia turistica. Annunciata anche la presenza di studenti del Corso tecnici per il turismo dell’Istituto Tecnico “Redi” di Montepulciano.

Con 500.000 arrivi ed 1 milione e trecentomila presenze annuali, il comparto turistico della Valdichiana Senese costituisce una delle voci più importanti dell’economia dell’area, in costante ascesa.

Leggi tutto: COMUNE DI MONTEPULCIANO INFO

 

STRADA DEL VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO INFO

 

Turismo e avventura in Valdichiana Senese

Il territorio presenta la propria offerta turistica

all’Adventure Travel World Summit di Montecatini

 

Montecatini - Dal 15 al 18 ottobre la Valdichiana Senese approda all’Adventure Travel World Summit, un evento internazionale dedicato al turismo avventura, organizzato da Adventure Travel Trade Association (ATTA), il più importante network mondiale del settore, in collaborazione con Toscana Promozione Turistica. 

 

Con la partnership tra ATTA e Regione, la Toscana si candida ufficialmente come prima destinazione turistica italiana per il turismo avventura, e lo fa attraverso un progetto denominato Tuscany Adventure Time. Obiettivo? Proporre opportunità di vacanza legate ad esperienze attive e outdoor che si possono svolgere sul territorio toscano.

 

La Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese ha da subito colto questa opportunità per il territorio della Valdichiana Senese aderendo al progetto regionale con Valdichiana Living, l’agenzia di incoming interna, pronta ad incontrare in questi giorni i rappresentanti dell'adventure travel industry di tutto il mondo.

 

Tra questi un gruppo di operatori turistici americani ha preso parte, proprio nei giorni passati, alla prima esperienza di viaggio avventura in Valdichiana Senese: l’esplorazione in mountain bike di luoghi di interesse naturalistico come il lago di Chiusi, il lago di Montepulciano, i Sentieri della Bonifica, della Barlettaia, del Nobile e del Monte Cetona, combinati con la visita di borghi e degustazioni di prodotti locali, hanno permesso a Valdichiana Living di strutturare un programma di viaggio attivo in linea con le richieste degli Adventure Traveller stranieri. Ma questa è solo una piccola parte del menù di proposte avventura messe a punto da Valdichiana Living, “in cui si predilige una linea slow adventure (walking, biking, ecc.), dove la componente adrenalinica è data dall’emozione di scoperta complessiva del territorio, piuttosto che dal gesto sportivo in sé” - spiega Doriano Bui, presidente della Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese.

 

Secondo i dati di Toscana Promozione Turistica il prodotto “turismo avventura” va ad intercettare una domanda che dal 2009 ad oggi è cresciuta del 65% e che, a livello globale, vale oltre 300 miliardi di dollari. Un turismo di nicchia quello legato all'avventura, che interessa un pubblico dall'elevata capacità di spesa, attento all’ambiente e responsabile verso i territori ospitanti. “Si tratta di un settore che può avere rilevanti effetti positivi sul territorio ospitante, – continua Bui – soprattutto se l’offerta turistica è ben strutturata e coordinata con gli attori locali.”

 

 

Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese

Piazza Grande n.7, 53045 Montepulciano (SI)

Tel: 0578/717484

Fax: 0578/752749

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.stradavinonobile.it

 

 

Ufficio Stampa: Valdichiana Media

 

 

LAGO DI MONTEPULCIANO (SIENA)

 

COMUNE DI MONTEPULCIANO
Provincia di Siena
 
COMUNICATO STAMPA
 
Impegno di Regione e Comune per valorizzare la Riserva Naturale
Sabato 20 ottobre si fa il punto della situazione sul Lago di Montepulciano
Atteso incontro con esponenti del mondo scientifico e delle Istituzioni
 
Il Lago di Montepulciano, eccezionale risorsa naturale dell’area, sarà
al centro di un incontro programmato per sabato 20 ottobre, alle 16.00,
al Centro Visite del cosiddetto “Chiaro”. Il Comune di Montepulciano
intende infatti fare il punto della situazione, alla luce di importanti
(e positivi) mutamenti, anche normativi, intervenuti nella gestione del
lago.
 
Interverranno dunque al dibattito, aperto alla partecipazione di tutti,
sia autorevoli voci del mondo accademico, che esporranno i contenuti
della riserva dal punto di vista scientifico ed illustreranno le qualità
della zona per quanto riguarda la fauna (soprattutto l’avifauna) e la
flora, sia esponenti delle Istituzioni che delineeranno il ruolo del
lago in un contesto nazionale e internazionale e indicheranno le
strategie per la valorizzazione dell’area protetta.
 
Sono quindi previsti gli interventi del Prof. Alessandro Piazzini e
della Prof.ssa Claudia Angiolini, entrambi dell’Università di Siena,
dell’ornitologo Francesco Pezzo, del Prof. Alessandro Bianchi,
ex-Ministro dei Trasporti e Rettore dell’Università Telematica Pegaso, e
di due esponenti della Regione Toscana, Domitilla Nonis e Gilda Ruberti.
 
Com’è noto, infatti, la gestione delle Riserve naturali spetta all’ente
regionale con il quale, relativamente al lago, il Comune di
Montepulciano ha stipulato accordi sia per la gestione stessa sia per la
destinazione di nuove risorse economiche alla promozione e
valorizzazione. Il Comune è il “braccio operativo” della Regione nella
gestione del Lago e dunque le strategie di valorizzazione diventano
progetti condivisi.
 
Da parte sua, inoltre, l’Ente locale ha negli ultimi anni sempre più
incrementato il proprio impegno, sia utilizzando i fondi della Regione e
della Provincia sia destinando significative risorse del proprio
Bilancio al miglioramento dell’area dal punto di vista ambientale e
della ricettività.
 
Mentre vengono dunque effettuati lavori per restituire piena
funzionalità alla torretta di avvistamento che domina il Chiaro e per il
ripristino dei percorsi di bird watching, in prospettiva si
preannunciano il rifacimento della cartellonistica, ulteriore
valorizzazione della parte naturalistica del lago, maggiore fruizione
per la collettività e elementi di richiamo ancora maggiore per un
turismo consapevole e sostenibile.
 
Da una parte questi interventi sottolineano la considerazione del lago
come patrimonio della comunità e lo restituiscono dunque ai cittadini;
da un’altra al visitatore si presenteranno sempre maggiori opportunità
di svolgere attività a contatto con la natura senza ledere il
significato di riserva ed il suo valore.
 
Il Lago di Montepulciano costituisce così un punto di riferimento sempre
più significativo sia per gli abitanti di una zona che va ben oltre i
confini comunali, soprattutto per le famiglie, sia per chi cerca il
benessere psicofisico a contatto con la natura, praticando attività
sportive, effettuando il bird-watching o anche semplicemente
passeggiando e trattenendosi nell’area.
 
L’incontro è molto atteso anche dalla cittadinanza che dimostra un
legame con il lago che va al di là della semplice fruizione ma trova le
sue radici sia nelle attività che avevano lo specchio d’acqua come punto
di riferimento sia in antiche frequentazioni.
 
Ufficio Stampa
 

15 ottobre 2018

 

 

ARTISTI AD ARTEGNA - UDINE

 

concert de dessin

E TORNEREM A BAITA
di
Erica Boschiero - Paolo Cossi - Sergio Marchesini

20 ottobre 2018 ore 20:45

Teatro Lavaroni – Piazza Marnico n° 20 – Artegna (UD)

E tornerem a baita, spettacolo distribuito da Luisa Trevisi, va in scena nella provincia di Udine sabato 20 ottobre 2018 grazie ad un contributo di Fondazione FRIULI e alla preziosa ospitalità e collaborazione del comune di Artegna.

Il progetto “E tornerem a baita” nasce nel 2016 come seguito del fortunato spettacolo “Ballate di china”, che ha visto il fumettista Paolo Cossi e la cantautrice Erica Boschiero calcare in quattro anni, con più di 50 repliche, palchi di teatri, piazze, scuole e biblioteche di tutta Italia.

Nato come occasione per avvicinare due mondi apparentemente distanti ed incompatibili, il fumetto e la musica d’autore, il sodalizio artistico tra Erica e Paolo li riporta ora ai luoghi in cui sono nati e si sono incontrati, le Dolomiti.

La cantautrice veneta e il fumettista friulano, accompagnati questa volta dall’estro creativo del fisarmonicista Sergio Marchesini, raccolgono antiche leggende della tradizione orale dell’arco alpino, storie vere della Grande Guerra, mitologie lontane, piccole e grandi vicende umane ambientate tra le valli e le cime montuose.

Il racconto si snoda attraverso le canzoni, molte delle quali in dialetto (brani originali di Erica o brani tradizionali reinterpretati) e gli acquerelli, realizzati in diretta davanti agli occhi dello spettatore: un dialogo emozionante tra l’arte figurativa e quella musicale, tra lo sguardo e l’ascolto, a completarsi e richiamarsi reciprocamente nel descrivere il magico e straordinario mondo delle montagne e il rapporto tra uomo e natura, mai come oggi così compromesso, così imprescindibile.

Erica Boschiero

Nata in Cadore nel 1983, è cantautrice e cantastorie.

E' stata vincitrice del Premio d'Aponte 2008, dove ha vinto anche il premio Siae per il miglior testo, vincitrice del Premio Botteghe d'Autore 2009, Premio per il Miglior Testo a Musicultura e al Premio Parodi nel 2012, vincitrice Premio Corde Libere 2013 e del Premio Lunezia – future stelle 2015.

Ha in attivo due album: “Dietro ogni crepa di muro” e “Caravanbolero”. Si è esibita in diretta su Rai 2, Rai News 24, Radio 1, Radio 2 e molte altre radio nazionali e locali.

La sua canzone “Papavero di ferrovia” è stata inserita nella compilation del Premio Tenco 2013. A primavera 2016 vengono trasmesse alcune puntate della trasmissione “Anime Salve” realizzate da Erica per la Radio Svizzera.

Ha tenuto più di 500 concerti in tutta Italia, dai parchi naturalistici fino ai 3200 metri della vetta più alta delle Dolomiti, e all’estero (Francia, Svizzera, Norvegia, Islanda, Germania, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Ungheria, Kazakhstan e Nepal). Oltre agli spettacoli con Paolo Cossi e Sergio Marchesini, collabora con il percussionista napoletano Tony Cercola per lo spettacolo “Sottosopra”, con Gualtiero Bertelli, Patrizia Laquidara e L’Orchestra Jazz del Veneto per lo spettacolo “Tre voci una

terra”, con Vasco Mirandola per lo spettacolo “Alberi” e con il collettivo di Veneto Contemporaneo (Marco Iacampo, Gerardo Pozzi, Ricky Bizzarro, Alberto Gesù e altri) per “I blues delle Alpi”.

Ha aperto concerti e/o duettato con Gino Paoli, Danilo Rea, Paola Turci, Maria Gadù, Ron, Luca Barbarossa, Neri Marcorè, Elena Ledda, Canio Loguercio, Alessio Bonomo, Maria Pia De Vito, Andrea Satta, Alessandro Papotto (Banco del Mutuo Soccorso).

www.ericaboschiero.it

Paolo Cossi

Nasce a Pordenone nel 1980. Nel 2004 vince il premio “ALBERTARELLI” dell’ANAFI come miglior nuovo autore italiano, “Per aver messo in luce uno stile personale che attinge a un’elegante sintesi fra disegno classico e segno ironico”. Ha pubblicato: con Biblioteca dell’immagine: “CORONA, l’uomo del bosco di Erto” (2002), “Tina Modotti” (2003) “Mauro Corona, la montagna come la vita” (2004). Con Becco Giallo: “Unabomber” (2004), “Il terremoto del Friuli” (2005). Con Lavieri editore “La storia di Mara” (2006), “Anarchia per erbe bollite” (2008), “Lluis” (2010) e autore di testi in “E tu chi sei?” (2007) e “Gatto Stregatto” (2012). Con De Bastiani editore “1918, Destini d’ottobre” (2007).

Con Hazard Edizioni “Medz Yeghern, Il grande Male” (2007), “1432, il veneziano che scoprì il baccalà” e la trilogia “Un gentiluomo di fortuna, biografia di Hugo Pratt a fumetti” (2009, 2010, 2011), “Profili di donna” (2010), “Il burattinaio delle Alpi” (2013), “L’uomo più vecchio del mondo” (2012), “1914, io mi rifiuto” (2014). Con Segni D’Autore “Cloe, la fata verde” (2017). Vince il premio “Diagonale” in Belgio come miglior autore straniero (2009). Nel 2009 Il parlamento della comunità francese del Belgio gli conferisce il premio Condorcet Aron per la democrazia (la prima volta che questo premio viene assegnato ad un fumetto) I suoi libri sono stati tradotti in Francia, Belgio, Svizzera, Olanda, Corea, Norvegia e Spagna.

www.cossipaolo.blogspot.it

Sergio Marchesini

Sergio Marchesini suona pianoforte e fisarmonica. Da anni fa parte della Piccola Bottega Baltazar con cui ha registrato cinque dischi, ottenuto diversi riconoscimenti (Premio Musicultura 2011, partecipazione al Premio Tenco) e avuto occasione di esibirsi in Austria, Bahrein, Germania, Grecia, Italia, Messico, Spagna, Svizzera. Ha partecipato a corsi e seminari con Franco D’Andrea, Claudio Jacomucci, Giovanni Mancuso, Luca Piovesan. Ha scritto e registrato musica per il teatro, la danza, la televisione e il cinema collaborando con artisti come Mirko Artuso, Silvio Barbiero, Massimo Carlotto, Loris Contarini, Giuliana Musso.

Tra le colonne sonore spiccano il recente L'ordine delle Cose di Andrea Segre (evento speciale alla Mostra del Cinema di Venezia2017), Come un uomo sulla terra, finalista al David di Donatello nel 2009, Il sangue verde, premio Doc alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2010, La Prima Neve, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2013 e I sogni del lago salato presentato al Festival di Locarno e alla Mostra del Cinema di Venezia 2015.

Fa parte del collettivo Veneto Contemporaneo e collabora con i diversi artisti che lo compongono, tra cui Erica Boschiero, Alessandro Grazian, Marco Iacampo.

Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi 347/8217393 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Luisa Trevisi

 

   

CASTELMUZIO INFO

 

Sabato 13 e domenica 14 continua la festa dedicata al prodotto principe del territorio di Trequanda

Convegno sull'olio e tante iniziative

Due intensi fine settimana, rispettivamente, nella frazione di  Castelmuzio e nel capoluogo

CASTELMUZIO (TREQUANDA – SIENA) – La "Festa dell'olio novo" di Castelmuzio (nel comune di Trequanda), continua sabato 13 ottobre, con un convegno, al mattino (dalle ore 9,30), sui problemi dell'olivicoltura nell'annata in corso. Partecipano franco Fimiani dell'Università di Perugia insieme ai rappresentanti dei consorzi Igp Toscana e Dop Terre di Siena e al giornalista Luigi Caricato. Previsto anche un minicorso con gli assaggiatori Aico (ore 11), una visita guidata nel tratto da Castelmuzio alla Pieve di Santo Stefano a Cennano con presentazione del libro “Le Porte del Cielo” e bruschettata finale (ore 15). quindi, il Gioco dell’oca lungo le vie per grandi e piccini (ore 15,30), torneo di biliardo e tennis tavolo (dalle ore 16,30), spettacolo di giocolieri e trampolieri della Compagnia dell'Arnica (ore 17,30). In serata, viene riproposta la “cena con lo chef, Olio Novo e prodotti a km 0”, su prenotazione (ore 20) e, a seguire (ore 21,15 circa) spettacolo con fuoco della Compagnia dell'Arnica.La serata è con lo chef. Per le prenotazioni: t. 3387409245.

Domenica 14 è la giornata di chiusura, almeno per Castelmuzio. Si inizia con una passeggiata tra gli olivi di circa 5 chilometri (ore 8,30). Quindi, il concerto della corale Benvenuto Franci di Pienza a Belvedere (ore 11) e il torneo di tennis tavolo a eliminazione diretta (ore 15). Poco dopo Massimo Cenni (ore 15,30) curerà una rappresentazione sulla “Gelata dell’86”, subito prima di uno spettacolo dell’Antica falconeria toscana (ore 16). Poco più tardi l'apericena dei ragazzi del castello (ore 18) e, di nuovo, “A cena con lo chef, l’Olio Novo e i prodotti a km 0”, su prenotazione. Per finire (ore 21,15) spettacoli in piazza. Nel cartellone anche “Olio da strada” degustazione itinerante di piatti con l’olio “novo” e vino locale dalle 16.00 alle 19.00 di sabato e domenica con il concorso “l’olio novo più bono scelto dai consumatori”. Le degustazioni guidate sono a cura di Aicoo. Si potranno acquistare prodotti enogastronomici, cose del passato, mentre “AperOilBar” a cura dei ragazzi di Borgo salotto propone aperitivi all’olio extravergine e merende con bomboloni e panelle. Da segnalare infine animazioni, mostre personali di pittura noleggio bici con pedalata assistita a cura Urban Bikery e menù speciali a base di olio “novo” allo stand gastronomico. Sabato e domenica prossimi la Festa dell'olio novo si sposta a Trequanda.

 

   

MONTEPULCIANOLIVING.IT

 

La newsletter eventi di montepulcianoliving.it di giovedì 11 ottobre 2018

 

“Brancaleone da l’Orcia” al Teatro Poliziano
Sabato 13 (alle 21:15), e domenica 14 (alle 21:15) la Bottega Teatrale “Quelli di Collazzi” presenta Brancaleone da l’Orcia, una commedia che si prefigura divertente come nella tradizione di questa compagnia. E’ dedicata a tutti: bambini, adulti, famiglie. Con la partecipazione della scuola di danza Petite Ecole, della Corale Poliziana e della Synthagma Project. Ingresso gratutito. Info 3386779656

Autunno Bio alla Riserva del Lago di Montepulciano: “Il vino: biologico, biodinamico o naturale?”
Domenica 14 ottobre, alle 14,30, mercato biologico; alle 16,30, tavola rotonda con esperti; alle 19,30 apericena con prodotti freschi del mercato Bio. Al Centro Visite La Casetta.
Info tel. 0578767343 - 3348284762


Autunno in Fiera
Per l’intera giornata di domenica 21 ottobre, fiera merceologica straordinaria nel capoluogo (zona Giardini di Poggiofanti, Piazza Don Minzoni e Centro Storico). Info tel. 3493924612

Montepulciano e la Città Eterna. Paesaggi e vedute dall’estetica del Grand Tour alla metà del XX secolo: la mostra è prorogata fino al 6 gennaio 2019
Una mostra che mette a confronto Roma e Montepulciano attraverso le immagini che di esse hanno trasmesso protagonisti e comprimari del Grand Tour. L’allestimento, realizzato nel Museo Civico – Pinacoteca Crociani espone Roma e la campagna romana, come anche Montepulciano e i suoi dintorni.
Info e biglietteria www.museocivicomontepulciano.it   tel. 0578717300

Frezzart – Max Frezzato, antologica di un sogno
Ultimi tre giorni (termina domenica 14 ottobre) per visitare questa mostra, che ha preso avvio il 17 giugno scorso. A Palazzo Bracci sono esposte 900 opere di questo grande disegnatore italiano che hanno trovato splendida collocazione su 1.700 m.q. di superficie espositiva. Sono più di 20 i collezionisti che hanno messo a disposizione per questa mostra le opere di Frezzato di loro proprietà. 4 gli editori presenti con altrettante novità editoriali. E poi 1 concorso di disegno organizzato con la Scuola Internazionale di Comics proprio in occasione di Frezzart.   www.frezzart.com

ll tempio di S. Biagio a Montepulciano dopo Antonio da Sangallo: storia e restauri
Le celebrazioni del V centenario dell’edificazione del Tempio di San Biagio a Montepulciano, uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale itaiana, realizzato su un progetto di Antonio da Sangallo il Vecchio, danno vita a questa grande mostra di rilevanza internazionale. Fino al 4 novembre 2018.  Info Tel. 719526 – 7170621 www.tempiosanbiagio.it

E’ attivo il servizio Valdichiana Gran Tour: per andare alla scoperta del territorio
Per andare alla scoperta del territorio, in modo confortevole e impiegando al meglio il tempo disponibile, dal 2 agosto è attivo il servizio Valdichiana Gran Tour. Ogni giorno un pullman Gran Turismo, in versione “open deck” (con il tetto apribile, quindi estremamente panoramico), effettuerà 4 corse diverse, con fermate nei luoghi più belli e rappresentativi della Val di Chiana Senese.  I turisti potranno disporre di una audioguida in 6 lingue. Gli itinerari sono tre: il Tour Rosso (Tra la Val di Chiana e la Val d’Orcia), quello Giallo (Sulle tracce degli etruschi) e quello Blu (Tra vini e Vin Santo). Le località interessate sono: Montepulciano, Torrita di Siena, Montefollonico, Pienza, Monticchiello, Chianciano Terme, Sarteano, Trequanda, Castelmuzio e Città della Pieve. La durata di ogni tour è variabile, a seconda della distanza coperta, dai 90 ai 120 minuti. Il servizio è attivo 7 giorni su 7, fino al 31 dicembre 2018. Info costi e prenotazioni su www.valdichianagrantour.it


English Version

Newsletter events 11th October 2018  - www.montepulcianoliving.it

Autunno in Fiera
A Market in the chief town (zone Gardens of Poggiofanti, Don Minzoni Plaza and In historical Center). For the whole day of October 21.

 “Montepulciano and the Eternal City. Landscapes and views from the aesthetics of the Grand Tour to the mid-twentieth century”
An exhibition comparing Rome with Montepulciano through the images of the two cities conveyed by the protagonists and participants of the Grand Tour. Two cities under comparison, in the images conveyed by the protagonists and participants of the Grand Tour.  The exhibition, set up in the “Museo Civico - Pinacoteca Crociani” (Crociani Civic Museum and Picture Gallery) of Montepulciano from July 15th to October 7th, shows off Rome and the Roman countryside as well as Montepulciano and its rural outskirts, with more than one hundred oil paintings, drawings, watercolours and engravings by artists such as Labruzzi, Pacetti, Sartorio, Petrassi, Ranieri Rossi and Ettore Roesler Franz.

Frezzart, antologica di un sogno (Max Frezzato, anthology of a dream)
From 17 June to 14 October 2018 – Palazzo Bracci – Montepulciano. A comprehensive exhibition on one of Italy’s most famous illustrators. Max Frezzato (Turin, 1967) began having his artwork published in various magazines as early as 1985.
900 works on show across 1,700 square metres of exhibition space. More than 20 collectors who have loaned their works. 4 publishers present, each with a publishing exclusive. And then 1 drawing competition organised with the Scuola Internazionale di Comics (International School of Comics) on the occasion of Frezzart.

The Temple of San Biagio after Antonio da Sangallo: history and restoration
From 22nd April to 4th November, an important exhibition to fittingly celebrate the 5th centenary of the building of the Temple of San Biagio, one of the most renowned masterpieces of Italian Renaissance architecture. It presents an opportunity to revisit and bring back to life the original interior furnishings of the church created starting from the last quarter of the sixteenth century, with the new rules issued by the Council of Trento regarding liturgical paraphernalia and sacred art. The exhibition also has a documentary section that houses images, paintings, engravings, plans and perspective drawings of the interior, before the destruction of the altars that would later be replaced. Info tel.: +39 0578 719526 – 717062  www.tempiosanbiagio.it

The Valdichiana Gran Tour service is available: discover the territory
From the 2nd of August, the Valdichiana Gran Tour service is available to comfortably discover the territory by making the best use of your time. Every day, an open-top tour coach (to fully enjoy the panoramic view) will operate 4 different routes and stop in the most beautiful and picturesque places of the Val di Chiana Senese. Tourists will be provided with an audio guide, available in 6 languages. There are 3 trails available: the Red Tour (between Val di Chiana and Val d'Orcia), the Yellow Tour (on the tracks of the Etruscans) and the Blue Tour (among wines and Vin Santo). The following areas are covered: Montepulciano, Torrita di Siena, Montefollonico, Pienza, Monticchiello, Chianciano Terme, Sarteano, Trequanda, Castelmuzio and Città della Pieve. The duration of each tour may vary depending on the distance covered, ranging from 90 to 120 minutes. The service is available 7 days per week, up to 31st December, 2018. Prices and booking info at www.valdichianagrantour.it

 

   

SARTEANO INFO

 

COMUNE DI SARTEANO
COMUNICATO STAMPA DEL 10 OTT 2018

A Sarteano arriva Riccardo Lorenzetti con il suo libro “Il paese più sportivo del mondo”

Torna "VogliAmo leggere”, rassegna d’incontri con l’autore. Sabato prossimo (13 ottobre) alla Biblioteca Comunale, un libro sulla provincia, lo sport, la vita.

SARTEANO – Torna sabato prossimo, 13 ottobre, la rassegna d’incontri con l’autore “VogliAmo leggere”, a Sarteano. Protagonista dell’appuntamento sarà Riccardo Lorenzetti, scrittore e volto noto della tv locale, con il suo ultimo libro “Il paese più sportivo del mondo”, edito Absolutley Free Editore. L'appuntamento è per le 17.30 alla biblioteca comunale di Sarteano, nel gradevole contesto di Parco Mazzini. Ad intervistare l’autore sarà Mattia Nocchi, in veste di giornalista, oltre che di amministratore locale. Sarà presente anche l’assessore alla cultura del Comune di Sarteano, Flavia Rossi.

“Il paese più sportivo del mondo” è una raccolta di racconti che, con la scusa dello sport mette in scena un affollato mondo di antieroi di provincia: meccanici e fornai col vizio del ciclismo, improbabili squadre di terza categoria allenate dal prete, il ferroviere che si spaccia per amico intimo di Bartali, infinite partite a biliardo. La normalità dei protagonisti unita ai grandi momenti sportivi che si trovano ad assistere, anche solo davanti a una radio, a una televisione, a un maxischermo. Come quel tale che festeggiava i trent'anni di matrimonio e gli chiesero cosa ricordasse di quel giorno: "Praticamente nulla, se non che era domenica e che la Fiorentina vinse a Napoli. Segnò Antognoni, su punizione". Insomma, quegli episodi comuni eppure segnanti che hanno visto come teatro un bar, l’oratorio o il posto di lavoro. In cui la passione per lo sport si è confusa con la passione per la vita.

“La rassegna di presentazioni è stata fin qui molto partecipata – commenta l’assessore alla cultura Flavia Rossi – ci auguriamo che anche i prossimi appuntamenti siano altrettanto seguiti. Ringrazio ancora una volta Sarteanoviva e il circolo Arci di Sarteano, che stanno contribuendo a far tornare la curiosità di incontrarsi e dialogare attorno ad un libro.”.

“VogliAmo Leggere” è un’iniziativa organizzata dal Comune di Sarteano, in collaborazione con l’associazione culturale Sarteanoviva e il Circolo Arci, che conta cinque presentazioni dislocate in diversi luoghi della socialità e della cultura. Il  prossimo appuntamento si terrà al circolo la Costa di Piazza, con “Dopo la mezzadria: scelte lavorative e familiari nella valdichiana senese” con Alessio Banini  sabato 20 ottobre. Si chiude con “Le convenienze” con Lorena Fiorelli, sabato 27 ottobre, Biblioteca Sarteanoviva in corso Garibaldi. 

 

   

TREQUANDA INFO

COMUNE DI TREQUANDA

Comunicato stampa / 8 ottobre 2018

Da venerdì 12 ottobre si celebra il prodotto principe del territorio

L’Olio Novo a Trequanda

Due intensi fine settimana a Castelmuzio e nel capoluogo

CASTELMUZIO (TREQUANDA – SIENA) – Da venerdì 12 l’appuntamento con l’olio “novo” di Trequanda, ovvero l’extravergine di oliva che qui raggiunge vette di eccellenza. Si comincia con un primo fine settimana a Castelmuzio, si prosegue nel capoluogo comunale per quella successiva. Nel vecchio castello, lungo le vie del borgo si troveranno i produttori locali con il loro prodotto appena franto e vini eccellenti, lo stand gastronomico con piatti casalinghi in abbinamento agli olii, mercatini, mostre d’arte. Ci saranno un convegno sull’olio innovativo, degustazioni guidate in italiano e in inglese e visite al frantoio, aperitivi e cene, giochi, musica e la domenica un bellissimo spettacolo di falconeria. Ogni sera sarà possibile prenotare (t. 3387409245) una cena speciale a base di olio novo preparata da Gaetano Di Benedetto.

Questo il programma, in dettaglio, partendo da venerdì 12 ottobre. Visita al frantoio e degustazione guidata d'olio in italiano e in inglese (ore 17), “A cena con lo Chef, Olio Novo e prodotti a km 0”, su prenotazione (ore 20), torneo di biliardo individuale a eliminazione diretta (ore 20,30).

Sabato 13, sempre a Castelmuzio: convegno tecnico al Centro servizi per l’olivicoltura (ore 9,30), visita guidata da Castelmuzio alla Pieve di Santo Stefano a Cennano con presentazione del libro “Le Porte del Cielo” e bruschettata finale (ore 15), Gioco dell’oca lungo le vie per grandi e piccini (ore 15,30), torneo di biliardo e tennis tavolo (dalle ore 16,30), spettacolo di giocolieri e trampolieri della Compagnia dell'Arnica (ore 17,30). In serata, “A cena con lo chef, Olio Novo e prodotti a km 0”, su prenotazione (ore 20) e, a seguire (ore 21,15 circa) spettacolo con fuoco della Compagnia dell'Arnica.

Domenica 14 è la giornata di chiusura, almeno per Castelmuzio. Si inizia con una passeggiata tra gli olivi di circa 5 chilometri (ore 8,30). Quindi, il concerto della corale Benvenuto Franci di Pienza al "belvedere" (ore 11) e il torneo di tennis tavolo a eliminazione diretta (ore 15). Poco dopo Massimo Cenni (ore 15,30) curerà una rappresentazione sulla “Gelata dell’86”, subito prima di uno spettacolo dell’Antica falconeria toscana (ore 16). Quindi, apericena dei ragazzi del castello (ore 18) e, di nuovo, “A cena con lo chef, l’Olio Novo e i prodotti a km 0”, su prenotazione. Per finire (ore 21,15) spettacoli in piazza. Nel cartellone anche “Olio da strada” degustazione itinerante di piatti con l’olio “novo” e vino locale dalle 16.00 alle 19.00 di sabato e domenica con il concorso “l’olio novo più bono scelto dai consumatori”.

 

   

GAIOLE IN CHIANTI INFO

 

Viaggio tra i vini di Gaiole in Chianti: in degustazione 100 etichette di 25 aziende

Sabato 27 ottobre, ore 11-19,30 a Gaiole in Chianti ex Cantine

Il vino, a volte, offre occasioni di conoscenza straordinarie. A Gaiole in Chianti sarà così sabato 27 ottobre, nella prestigiosa ambientazione delle ex Cantine, con la prima edizione di “Degustazione Terre di Gaiole”, promossa dall’associazione Viticoltori di Gaiole, in collaborazione con il Comune e con il sostegno del Consorzio Vino Chianti Classico. Un viaggio tra i vini di Gaiole in Chianti con la degustazione, per la prima volta in assoluto, di 100 etichette prodotte da 25 aziende vitivinicole del territorio e un seminario dal titolo “L’annata 2016. Viaggi tra i vini di Gaiole”.

Obiettivo dell’iniziativa è raccontare la ricchezza e la varietà delle produzioni vinicole di un’area ben delimitata, per una migliore comprensione del territorio dal punto di vista vinicolo ed enologico. Qui la produzione di vino vanta una tradizione millenaria, che oggi si esprime nella denominazione “Chianti Classico”,conosciuta in tutto il mondo e riconoscibile per il famoso logo del Gallo Nero. L’associazione Viticoltori di Gaiole, nata circa un anno fa, su impulso di Francesco Ricasoli ed Emanuela Stucchi Prinetti, mette in rete aziende grandi e piccole che garantiscono un quadro più completo possibile della produzione del Chianti Classico nella terra di Gaiole.

“E' indubbiamente un evento – commenta il sindaco di Gaiole in Chianti, Michele Pescini –  promuovere in un’unica degustazione le produzioni di un’area intera e ben definita dal punto di vista enologico, come quella di Gaiole, in grado di esprimere vini di grande personalità. Valorizzare la storia vinicola del Chianti è un’opportunità di sviluppo e promozione turistica importante per tutto il Chianti Classico e, contemporaneamente, un salto di qualità dei produttori stessi che confermano così il loro legame di appartenenza a questo territorio. Un legame di appartenenza sentito da tutti gli abitanti di Gaiole, che ci rende comunità e rappresenta elemento di attrazione nei confronti dell’esterno. Con Terre di Gaiole i nostri produttori hanno fatto ciò che in questi tempi pare sempre più difficile: unirsi in un interesse comune.”

“La nostra prima degustazione pubblica  - afferma Francesco Ricasoli - vuole mostrare la ricchezza di forme espressive dei nostri vini, ed in particolare del sangiovese, dovute alla grande varietà di suoli, altitudini e microclimi insiti nel territorio del Comune di Gaiole ed abbiamo quindi raggruppato in  areeomogenee il nostro territorio individuando 4 gruppi distinti. Invitiamo gli eno-appassionati a scoprire più in dettaglio questo grande territorio chiantigiano.”

La degustazione alle Ex Cantine sarà aperta dalle ore 11 del mattino fino alle 19,30. L’ingresso: 12 euro.

Sarà presente all'interno anche un punto ristoro.

 “Il territorio del Chianti storico – spiega l’enologo Maurizio Castelli - (Gaiole, Radda, Castellina e piccole parti di Greve e Castelnuovo Berardenga) presenta delle caratteristiche per clima e terreno peculiari della zona, che rendono i vini in essa prodotti unici e inconfondibili. In particolare il Gaiolese in genere può vantarsi di avere un comune denominatore nel terreno e nel clima che rendono i vini prodotti in questa zona riconoscibili. Ciò non vuol dire facili, spesso sono austeri e difficilmente addomesticabili, incontrano successi solo presso un pubblico attento e conoscitore di una zona a volte impervia, con clima la cui variabilità incide profondamente sulle caratteristiche dei suoi vini. Sopratutto il Sangiovese, da secoli rappresenta il carattere peculiare di questo piccolo mondo antico”.

Le aziende in degustazione: Agricola Matteoli; Badia a Coltibuono; Borgo Casa al Vento; Cantalici; Capannelle; Casanova di Bricciano; Castello di Ama; Castello di Cacchiano; Castello di Lucignano;  Castello di Meleto; Fietri; I Sodi; Il Palazzino; La Casa di Bricciano; Le Miccine; Monterotondo; Podere Ciona; Ricasoli; Riecine; Rocca di Castagnoli; Rocca di Montegrossi; San Giusto a Rentennano; San Martino; Tenuta Perano; Tenuta San Vincenti.

Il seminario in programma alle ore 14 e 30, al titolo “L’annata 2016- Viaggio tra i vini di Gaiole” sarà condotto da Roberto Bellini, vice presidente Ais. Interverranno: Francesco Ricasoli, dell’azienda Ricasoli; Massimiliano Biagi, direttore tecnico dell’azienda Ricasoli; gli enologi Maurizio Castelli e Federico Staderini.

 

   

NEVE, DI GIOVANNI BETTO

 

COMUNICATO STAMPA

(con gentile preghiera di pubblicazione)

Spettacolo teatrale

NEVE

di e con GIOVANNI BETTO

regia MIRKO ARTUSO

12 ottobre 2018 ore 20:45

Centro Polivalente Don Antonio Possamai

Via Giuseppe Mazzini 8/c – Orsago (TV)

Neve, lo spettacolo di Giovanni Betto con la regia di Mirko Artuso e distribuito da Luisa Trevisi, torna in scena nella provincia di Treviso venerdì 12 ottobre 2018.

Quarto posto al Festival di Teatro IN-BOX 2018 e spettacolo selezionato da Visionari Kilowatt Festival 2018

Lo spettacolo andato in scena sabato scorso nella provincia di Bolzano, toccherà nei prossimi mesi anche le province di Milano, Vicenza, Livorno, Trento, Verona, Siena.

Si tratta di uno spettacolo intimo, delicato, percorso dalla voce dell’anima di un nonno dato per disperso nella campagna di Russia del gennaio 1943.

Dalle foto di famiglia, e in particolare da quella del nonno disperso, scaturisce il “dialogo” a una sola voce col nipote presente.

Sappiamo che il dolore, se non elaborato, si tramanda ai viventi, continuando così nel suo ostinato lavoro di rinnovo della sofferenza.

Ma se qualcuno prende in mano quel dolore, ecco che la neve può sciogliersi alla vita, per una nuova primavera.

21 gennaio 1943. Ritirata di Russia. Neve. Tanta.

Nell’insensata tragicità della guerra, un uomo, poi dato per disperso, fa la sua scelta fra la vita e la morte.

Ma la sua scelta segnerà il destino di molti.

Quest’uomo in qualche maniera ritorna, come ombra portata dal vento del tempo. Ma l’eco di quella scelta primigenia ha nel frattempo travolto prima una moglie, poi una figlia, poi un nipote.

E il nipote, oggi, esige risposte.

Un monologo/dialogo che spoglia la guerra della sua storicità, per farne invece un paradigma della condizione umana, fragile e illusoria. Ma anche una voce alta, che tutti noi, in qualche modo nipoti, non vogliamo dimenticare. Una voce che grida l’attaccamento alla vita, istintivo, viscerale e che ci invita a gioire, ad amare e a inseguire il nostro essere di felicità. Per scioglierla la neve. Tutta.

Giovanni Betto: Attore e formatore.

Giovanni Betto si è formato con diversi attori e registi, fra cui Mirko Artuso, Andrea Pennacchi, Ramiro Besa, Giacomo Rossetto, Anna Tringali, sulla drammaturgia col regista e drammaturgo Giorgio Sangati, sulla commedia dell’arte con l’attore Fabrizio Paladin e il Teatro del Norte di Oviedo, sull’uso della voce con la coach Chiara Veronese.

Ora si dedica al teatro, alla lettura scenica e alla formazione sulla lettura espressiva.

Con Effetti Personali Teatro debutta nel 2010 con “Un principe, una volpe, una rosa”, liberamente ispirato a “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry e nel 2012 porta in scena il monologo “Una colomba”, di Luciano Colavero, testo finalista al Premio Riccione, per la regia di Vincenzo Ercole.

Nel 2016 è nel cast del film “Finché c’è prosecco c’è speranza”, nelle sale dal 31 ottobre 2017, di Antonio Padovan, con Giuseppe Battiston, Rade Serbedjia, Liz Solari, Roberto Citran, Silvia D’Amico.

Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi 347/8217393 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

--

Luisa Trevisi

347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://luisatrevisi.altervista.org/

 

   

MONTEPULCIANO INFO

 

COMUNE DI MONTEPULCIANO

Provincia di Siena

 

COMUNICATO STAMPA

Molto apprezzato il percorso tra vigne e palazzi rinascimentali

Con Laquattordici e Laventicinque, riservate agli agonisti,

In forte crescita le iscrizioni, con aumento notevole anche delle “quote

rosa”

Il quarantenne biellese Alberto Mosca concede il bis e vince la

MontepulcianoRun sulla distanza dei 25 km. In campo femminile si impone

sulla distanza maggiore la riminese, quarantaseienne, Federica Moroni.

LaQuattordici vede invece le affermazioni di Mirko Refi, 45 anni, di

Castiglion Fiorentino, e della quarantasettenne Monika Tomaszun, di

Lucignano.

Questo, in estrema sintesi l’esito sportivo della 3.a edizione della

MontepulcianoRun, disputata domenica mattina. Rilevante anche il numero

degli atleti al via, ben 215, equamente divisi tra le due distanze, un

successo di partecipanti, in netta crescita rispetto alle prime due

edizioni, che premia gli sforzi degli organizzatori Comune di

Montepulciano e La Chianina – La Chianina Running e segna la definitiva

affermazione della manifestazione in campo agonistico.

Dopo le abbondanti piogge di sabato pomeriggio ed il clima ancora

piovoso, con nebbia ed umidità, nelle prime ore di domenica, la

condizioni meteo si sono evolute verso ampie schiarite, con sole anche

caldo. Il tracciato si è presentato quindi con fondo pesante ma

perfettamente praticabile. Impeccabile, a giudizio dei partecipanti e

degli addetti ai lavori, l’organizzazione con percorsi ben segnalati.

Mosca, biellese, 40 anni, commercialista e sommelier AIS (“ieri –

sabato, n.d.r., ha raccontato – ho visitato tre cantine con annesse

degustazioni: il Vino Nobile di Montepulciano non solo non fa male agli

atleti ma fa anzi bene!”), si è imposto con il tempo di 1’39” precedendo

Dario Turchetto e Daniele Brezzi.

Il campione piemontese, 23° nel 2017 alla Maratona di New York e 25° a

quella di Londra 2018, in preparazione ad una nuova partecipazione a

quella newyorkese, che si disputerà il 4 novembre, è scivolato do un

chilometro e mezzo circa, infangandosi vistosamente e riportando

numerose escoriazioni ma è ripartito ed ha vinto nettamente. Emblematica

la testimonianza di Marco Mariani, staffetta ciclistica della Cerro

Bike: “E’ un fenomeno, a momenti morivo per stargli davanti!” (e infatti

è anche incappato in una scivolata). “E’ stata una cara durissima – ha

commentato Mosca – molto impegnativa per i saliscendi e per la terra

argillosa che, nei passaggi nelle vigne, impediva di fare presa e di

spingere con forza. Ma io vengo dai cross di montagna, sono abituato a

questo tipo di difficoltà, non ho avuto problemi”.

Emozionata, commossa, raggiante la quarantaseienne Federica Moroni,

riminese, portacolori della Golden International Rimini. La vincitrice

de LaVenticinque in campo femminile è, per intenderci, quella che ha

trionfato nella 6 Ore di San Giovanni in Lupatoto, battendo anche gli

uomini. Ma all’arrivo in Piazza Grande è apparsa quasi sorpresa ed

intimidita da tanta bellezza e dalla folla che la festeggiava. I suoi

primi pensieri sono stati per i suoi scolari (“sono insegnante

elementari, i miei bambini sono anche i miei primi tifosi”), per l’amica

e collega Eva Ciaroni, che a sua volta non si è tirata indietro,

partecipando alla Montepulcianonfoot, passeggiata di 6 km, e per il suo

allenatore, l’aretino Vittorio Polvani, che l’ha convinta a partecipare

alla MontepulcianoRun. “Ed ha fatto bene – ha detto Federica tenendo a

stento le lacrime di gioia – perché correre in una meraviglia così fa

stare bene. Percorso stupendo – ha poi commentato – ho rischiato con le

scarpette leggere, ci sarebbero volute le trail ma è andata bene; ho

ormai definitivamente superato la frattura alla tibia che mi ha tenuto

ferma per un po’”.

Di lei le persone del suo entourage dicono che è una straordinaria

professionista, per impegno e meticolosità, ma è anche estremamente

umile, ogni arrivo per lei è un nuovo arrivo.

Come detto ne LaQuattordici maschile si è imposto Mirko Refi, (La

Podistica Il Campino), 45 anni, operaio agricolo di Castiglion

Fiorentino. Refi, che pratica agonismo sportivo da 12 anni, ha fermato

il cronometro su 1’04”55 precedendo due spingitori del Bravìo delle

Botti, Cesare del Pasqua, 32 anni, di Bettolle, e Matteo Paganelli,

vittorioso nel 2017, 32 anni, di Chianciano Terme. Altri spingitori

rilevati all’arrivo – per loro particolarmente significativo – di Piazza

Grande, Luca Benassi, Diego Luculli e Giovanni Mariotti, quest’ultimo

componente a pieno titolo del gruppo “di elite” formato dai reduci della

Tor de Géants.

Refi, per la prima volta alla Montepulciano Run, ha parlato di

bellissimo percorso, molto bene segnalato ed ha aggiunto “il fango mi ha

creato problemi solo nei primi chilometri poi ho trovato gli appoggi

giusti e ho rimontato sui primi”.

Debutto (nella MR) anche per Del Pasqua che ha rivolto un lusinghiero

complimento a Montepulciano: “paesaggi così belli aiutano anche a

superare le difficoltà”. Soddisfatto Paganelli, due volte vincitore del

Bravìo, nel 2016 e 2017, con Voltaia, a corto di allenamenti: “sono

fermo da due settimane per motivi di lavoro, non pensavo di poter salire

sul podio”.

Monika Tomaszun, 47 anni, portacolori dell’Atletica Sinalunga, non è un

volto sconosciuto per le platee agonistiche poliziane. E’ stata infatti

Dama della Botte per S. Donato e, stando a quanto ha lasciato intendere

Alessio Betti, rettore biancorosso, lo sarà anche nel 2019. La

vincitrice de LaQuattordici femminile non si aspettava un risultato del

genere per lo stato di forma non eccezionale che sta attraversando. “E’

stata una gara molto dura, muscolare, ma anche molto bella. Ben

organizzata, con un percorso mai prevedibile”.

Ufficio Stampa

7 ottobre 2018

Scarica tutti gli allegati come un file zip

 

   

MONTEPULCIANO INFO

 

COMUNE DI MONTEPULCIANO
Provincia di Siena

COMUNICATO STAMPA

Al Teatro Poliziano di Montepulciano anche due proiezioni mattutine
Domenica, ultima delle tre giornate di studio dedicate a Federico Zeri
Attesa conferenza di Anna Ottani Cavina su Zeri uomo e studioso

Con la conferenza di Anna Ottani Cavina, esplicitamente intitolata “Federico Il Grande”, si conclude domenica 7 ottobre a Montepulciano “Nel segno di Zeri 2018”, la tre giorni dedicata a Federico Zeri, a venti anni dalla sua scomparsa.
Anna Ottani Cavina, storica dell’arte dell’Università di Bologna, con un eccezionale curriculum accademico ma anche di divulgatrice culturale, ha aperto e diretto fino al 2014 la Fondazione Zeri di cui è attualmente presidente onorario.
La conferenza esaminerà Federico Zeri “tutto intero”, raccontando l’uomo e lo studioso: il suo lavoro, i suoi viaggi, le sue amicizie, le sue letture, i suoi capricci.
Il programma della giornata conclusiva dell’iniziativa si snoderà ancora interamente nel Teatro Poliziano e si aprirà alle 10.30 con la proiezione del video “La Divina Commedia”, trasmesso da Rai 3 nel 1988.
Seguirà, alle 11.00, l’intervento dell’autorevole relatrice; alle 12.00 sarà proiettata una preziosa e rara testimonianza documentaristica, l’intervista che a Zeri fece nel 1993 il grande storico dell’arte francese Pierre Rosenberg, già direttore del Museo del Louvre, per l’editore Umberto Allemandi: un dialogo tra due studiosi, con Zeri al tavolo di lavoro nella sua villa di Mentana.   

Ufficio Stampa

6 ottobre 2018

 

   

MONTEPULCIANO INFO

 

“Nel segno di Zeri”:

le conversazioni proseguono anche sabato e domenica

Al Teatro Poliziano, sabato 6 e domenica 7 ottobre, proseguono gli appuntamenti a celebrazione del ventennale della scomparsa del grande storico dell’arte, amico di Montepulciano

Sabato 6 e domenica 7 ottobre, a Montepulciano, saranno Andrea Bacchi, Alessandro Angelini, Mauro Natale e Anna Ottani Cavina a ricordare, nel ventennale della sua scomparsa, l’impegno civile di Federico Zeri a difesa del patrimonio culturale universale. Lo faranno supportati da filmati d’epoca in cui si potrà vedere Zeri parlare della sua attività di  profondo conoscitore dell’arte perennemente in lotta per una giusta tutela e valorizzazione dei musei italiani. Fu Zeri, infatti, a dire, nel corso di una intervista, che a poco vale andare in giro per il mondo a vedere musei stranissimi, “quando poi non si conosce bene il museo di Montepulciano”.

 

Grazie a queste conversazioni, che si svolgeranno al Teatro Poliziano sabato 6 ottobre, a partire dalle 10.00 fino alle 19, e domenica 7, dalle 10.30 alle 12, si potrà avere così uno spaccato dello Zeri storico dell’arte, dalla cultura vastissima, quasi infinita - che molti almeno in parte già conoscono - ma anche dello Zeri uomo, sanguigno e appassionato difensore dell’arte in ogni sua sfaccettatura.

 

Queste giornate seguono idealmente quelle del 1994, durante le quali Zeri fu ospite di Montepulciano, che definì “città colta, bella e piena di opere raffinatissime”. E di queste giornate si conserva ancora un ricordo carico di emozioni per questi suoi sinceri apprezzamenti, che in qualche modo costituiscono un valore aggiunto e prestigioso al valore artistico di Montepulciano.

 

“Nel segno di Zeri”, promosso dal Comune di Montepulciano, dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte e dalla Fondazione Musei Senesi, a cura di Nino Criscenti e Roberto Longi, ha visto la collaborazione di Rai Teche e della Fondazione Federico Zeri, nonché il prestigioso patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

 

 

                       

                                                                                                                               Ufficio Stampa

5 ottobre 2018

 

   

BUONCONVENTO INFO

 

Comunicato stampa 5 ottobre 2018

Stretta collaborazione tra Unicef e Comune

"Sportivamente insieme"

Iniziativa il 7 ottobre: convegno, attività sportive per i giovani

BUONCONVENTO (SIENA) – Il Comune di Buonconvento ha iniziato un percorso per diventare “Città amica dei bambini e degli adolescenti” dell’Unicef. E dopo aver realizzato vari progetti, che hanno coinvolto i ragazzi delle scuole, per domenica 7 ottobre ha organizzato "Sportivamente insieme. Lo sport incontra i diritti". Sarà una giornata ricca di iniziative, grazie alla collaborazione dell'Unicef e delle associazioni sportive locali (con vari patrocini e sostegni, come quelli di Coni e Regione Toscana).

In programma un convegno e, nel pomeriggio, varie attività sportive, con i bambini protagonisti, per per dare un esempio di alcuni concetti chiave: inclusione, educazione, partecipazione, correttezza, divertimento, integrazione. In mattinata (dalle ore 10,30) sono previsti filmati e un dibattito sul ruolo delle associazioni sportive sul territorio. Sarà anche presentato il volume “Manuale tecnico educativo Scuola di calcio. Scuola di vita" a cura dell’Associazione italiana calciatori. La seconda parte della giornata sarà dedicata allo sport come gioco. Piazza Garibaldi (dalle ore 14,30) verrà suddivisa in sette spazi, in cui le diverse associazioni sportive faranno sperimentare ai partecipanti il calcio, il karate, la pallavolo, la danza, la ginnastica artistica, oltre a un'area dedicata alla libera espressione e una alla psicomotricità. I partecipanti verranno suddivisi in quattro fasce di età (dai 3 ai 14 anni) in modo che i gruppi siano sufficientemente omogenei per sviluppo psicomotorio e cognitivo, per peso ed altezza. A ciascun bambino, bambina, ragazzo e ragazza verrà assegnato un braccialetto di colore diverso, in modo che sia possibile identificare con facilità a quale gruppo appartiene, che rimarrà come ricordo della partecipazione alla manifestazione. Al termine, una sana merenda sarà offerta dai ristoratori locali.

Dimostreremo – afferma il vicesindaco Costanza Monaci – quali sono le possibilità di inclusione offerte dallo sport all’interno dei progetti che l’Unicef promuove nel mondo”. La stessa Monaci ha curato l'iniziativa, insieme a Valentina Zerini del Comitato Italiano per l’Unicef Onlus. Tutto inizia nel 2015, con la collaborazione tra Comune e Unicef, organizzazione non governativa che ha ricevuto mandato di rappresentare sul territorio nazionale il Fondo delle Nazioni unite per l'Infanzia, per promuovere e tutelare i diritti di bambine, bambini e adolescenti. Il contesto dell'evento di Buonconvento è il Programma nazionale ed internazionale “Città amiche dei bambini e degli adolescenti”, per tradurre i principi della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in azioni e utili a migliorare la vita di bambini e adolescenti nelle città. Il gioco e le attività ricreative sono essenziali: favoriscono lo sviluppo di creatività, immaginazione, autostima ed autonomia così come di abilità fisiche, sociali, cognitive ed emotive. Lo sport rientra tra le attività ricreative sancite dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Una corretta informazione – aggiunge Costanza Monaci - degli adulti sul valore educativo dello sport e la loro partecipazione in progetti e iniziative a questo dedicate sono un obiettivo del coinvolgimento delle associazioni sportive locali nell’organizzazione della giornata del 7 ottobre, dedicata allo sport, al gioco, al divertimento e anche alla promozione dei diritti”. Un fatto non scontato, e significativo, è proprio questo: le associazioni sportive buonconventine hanno dato dimostrazione di unità preparando insieme, da mesi, l’evento.

 

   

TERRA E AQUA ECOISTITUTO VENETO, PROF. MICHELE BOATO

Ciao, se clicchi qui:

 

ti compare il numero 101 di TERA e AQUA ottobre-novembre 2018

ci trovi un lungo servizio sul Cansiglio (pag 1, 4 e 5) dove saliamo domenica 11 novembre
speriamo anche con te!
La pag.2 è dedicata al consumo di suolo in Italia e nel Veneto (maglia nera)
Pag 3 sui morti e feriti umani (oltre che di animali selvatici) provocati dalla caccia,
la scuola di danza di Luciana de Fanti e  una birreria No Slot 
Pag.6 Il "modello Benetton" ai raggi x, e la rivolta degli studenti contro
la proposta di legge della leva obbligatoria maschile e femminile. 
Pag.7 Strage di rane e rospisui Colli euganei
Pag.8 Cosa significa "Decoro" per le città, 
Banca del tempo, Presentazioni del libro Si può fare!

 

   

MONTEPULCIANO INFO, FESTA DEI NONNI

 

Ottava edizione della Festa dei Nonni, a Montepulciano

Domenica 7 ottobre, grande Festa dei Nonni al Centro Visite “La Casetta” del Lago di Montepulciano

Dopo numerose edizioni che si sono svolte nel capoluogo, quest’anno i nonni tornano ad essere celebrati nel bellissimo contesto della Riserva Naturale del Lago di Montepulciano

 

MONTEPULCIANO –  Domenica 7 ottobre, dalle 16 in poi, dopo numerose edizioni che si sono svolte per lo più nella Sala degli Ex Macelli, quest’anno Montepulciano torna a celebrare i “suoi” nonni in un contesto molto particolare: quello del Centro Visite della Riserva Naturale del Lago di Montepulciano, che è spesso teatro di eventi di ogni genere. Come sempre, il programma ha una scaletta in grado di mettere insieme anziani e nipoti, per un pomeriggio di festa all’insegna dello spettacolo, della riflessione e dell’affetto per i nonni, inestimabile patrimonio di umanità, di esperienze e di memoria storica.

Come per le precedenti edizioni, sono previsti i saluti istituzionali, da parte di rappresentanti dell’amministrazione comunale, dell’Auser Montepulciano e delle Organizzazioni Sindacali, che sono organizzatori dell’evento. E anche quest’anno saranno colonne portanti del programma l’intrattenimento musicale degli allievi dell’Istituto di Musica “H. W. Henze” di Montepulciano, quello degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Iris Origo” di Montepulciano e l’esibizione della Scuola di Danza “Petite Ecole”  di Cristina Peruzzi.  Giovanna Vivarelli, come sempre animatrice instancabile di questa festa, intratterrà il pubblico con letture sui nonni.

La serata proseguirà con giochi, ai quali potranno partecipare grandi e piccoli, e un rinfresco a base di specialità tradizionali offerto dai nonni. Sarà inoltre possibile effettuare un giro sul lago di Montepulciano a bordo del battello elettrico (a pagamento).

Questa festa, dedicata ai nonni, è naturalmente aperta a tutti; e si auspica, come per le precedenti edizioni, una grande partecipazione per celebrare come si conviene questa figura, che nella società moderna occupa sempre di più un posto di rilievo non solo come punto di riferimento per tutta la famiglia, ma anche come vero e proprio ammortizzatore sociale. Dati ufficiali, infatti, ci dicono che in Italia i nonni sono circa 12 milioni; e che oltre il 30% di loro aiuta i figli prendendosi cura dei nipoti, contribuendo così, più o meno direttamente ma in modo comunque importante, al bilancio familiare.

 

   

ASCIANO INFO

 

Ad Asciano, il Concorso nazionale del caseario a latte crudo: “CRUDI IN ITALIA”

‘Crudi in Italia’, il concorso nazionale del caseario a latte crudo, ha scelto Asciano per la sua vocazione all’allevamento ovino. Il concorso si svolgerà domenica 7 ottobre 2018 presso il museo civico, Archeologico Palazzo Corboli di Asciano

Asciano – Il concorso prenderà il via alle 10.00 di domenica 07 ottobre 2018 presso il museo Civico, Archeologico Palazzo Corboli ad Asciano (SI), dove verranno svelati i nomi dei vincitori, con la consegna dei premi. La valutazione dei campioni ha impegnato per tre settimane il gruppo di valutazione scientifico-organolettica dei prodotti di eccellenza.

Il concorso realizzato dall’Associazione Cuochi Alta Etruria assieme a Comune di Asciano, Regione Toscana, Presidenza del Consiglio della Regione Toscana, Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Siena, Azienda USL Toscana Sud Est ed il supporto pratico della FIC (Federazione Italiana Cuochi) e dell’URCT (Unione regionale Cuochi Toscani), dell’Associazione Cuochi Senesi e dell’Azienda di food service Sapori di Toscana, ha visto la partecipazione di Azienda casearie di tutte le regioni d’Italia.

Con il termine latte crudo si intende latte che non ha subito trattamenti termici di conservazione ed è stato mantenuto a temperatura massima di 38°C (più o meno 2°C.) nel rispetto delle normative igienico sanitarie. Per cui se il latte non è di alta qualità, il formaggio ne risente e non è possibile apportare modifiche migliorative al prodotto. Quindi, per essere un buon formaggio a latte crudo, il formaggio ha bisogno di un latte di alta qualità e ottenerlo dipende molto anche dall’ambiente di allevamento, dal nutrimento e quindi dalla qualità dei pascoli e del territorio.

I partecipanti hanno inviato un campione dei loro prodotti che successivamente è stato collocato nelle categorie di appartenenza e reso completamente anonimo attraverso un codice alfanumerico casuale. Successivamente il “gruppo di valutazione scientifico-organolettica dei prodotti di eccellenza” ha analizzato ogni campione per mezzo di schede di valutazione che prendendo in considerazione struttura esterna presenza e caratteristica dell’occhiatura oltre ai requisiti organolettici. Per ogni parametro analizzato ogni giurato ha espresso un voto e la somma di tutti i risultati ha dato la classifica finale.

Il concorso è stato organizzato ad Asciano per la vocazione all’allevamento ovino. Successivamente gli organizzatore hanno deciso di aprire la partecipazione anche ad altre tipologie di prodotti caseari e quindi al latte, vaccino e caprino perché la qualità del formaggio a latte crudo non poteva esimerci dal comprendere tutte le produzioni.

Le categorie sono state determinate inizialmente dalla tipologia di latte utilizzato, ovino, vaccino, caprino, bufalino, misto; successivamente dal grado di maturazione del prodotto caseario. L’elevato numero di formaggi presentati e la loro varietà ha portato la commissione ad istituire oltre alle categorie classiche fresco, semi-stagionato e stagionato, due “nuove tipologie” Freschissimo, per i prodotti caseari (mozzarella, crescenza ecc.) che esprimono il meglio se consumati entro pochi giorni dalla produzione e la categoria Stravecchio, per i formaggi a lunga maturazione, oltre i 365 giorni.

La decisione di premiare solo il primo di ogni categoria in gara ha purtroppo escluso chi per pochi punti (talvolta uno o due) non ha visto riconosciuto il frutto del proprio lavoro con un secondo od un terzo piazzamento.

“Giorni intensi e di grande soddisfazione, in considerazione della qualità dei prodotti presentati, dal Fiore Sardo al Pecorino toscano dalla Vastedda di Vastogirardi al Bra di Cuneo, passando per Parmigiano Reggiano. Una testimonianza di culture di qualità che ci ha fatto viaggiare per tutta la Penisola.” – è il commento degli organizzatori.

Programma

- ore 10.00 Museo Corboli Convegno “Formaggio Alimentazione e Benessere” (latte crudo valore per ambiente e salute)

- 0re 11.30 Premiazione dei formaggi a concorso

- ore 13.00 Pausa pranzo

- ore 15.30 Cooking show “I piaceri del latte”

Rassegna “50 sfumature di bianco” interpretate dagli Chefs dell’Unione Regionale Cuochi Toscani, Laboratori didattici per i piccoli aspiranti casari

Madrina della giornata Alice Volpi, Campionessa mondiale di Fioretto 2018

 

Ufficio Stampa

Valdichiana Media srl 

www.valdichianamedia.com

Piazza Nazioni Unite, 10 - 53049 Torrita di Siena (SI)

 

   

SARTEANO INFO "VOGLIAMO LEGGERE"

 

Torna "VogliAmo leggere”, rassegna d’incontri con l’autore

"La bellezza del poco. Il cibo sparito dei contadini”, un libro sulla cultura contadina sarà presentato sabato 6 ottobre

SARTEANO (SIENA) – Torna sabato prossimo, 6 ottobre, la rassegna d’incontri con l’autore “VogliAmo leggere” a Sarteano. Protagonista dell’appuntamento sarà Giuseppina Pieragostini, psicologa, scrittrice e studiosa di tradizioni contadine con il suo libro “La bellezza del poco. Il cibo sparito dei contadini”, edito da Pentagora. Il libro sarà presentato alla biblioteca di SarteanoViva, in corso Garibaldi (ore 17.30). Insieme all’autrice saranno presenti Giuseppina Mostardi dell’associazione SarteanoViva e l’assessore alla cultura del Comune di Sarteano, Flavia Rossi.

Attraverso il racconto di un'infanzia trascorsa nella campagna ai piedi dei monti Sibillini, durante gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, il libro si propone di incoraggiare a riflettere sulla tavola di quel tempo, in rapporto a noi, oggi, che mettiamo l’abbondanza del cibo al centro della nostra vita, talvolta riproponendo un'immagine ideale di un passato dal quale abbiamo rimosso la penuria. Con questa consapevolezza, l'autrice Giuseppina Pieragostini racconta la cucina contadina tradizionale, descrivendo ciò che sulla tavola c'era e ciò che non c'era: i piatti, le preparazioni, lo spirito e la cultura.

VogliAmo Leggere” è un’iniziativa organizzata dal Comune di Sarteano in collaborazione con l’associazione culturale Sarteanoviva e il Circolo Arci, che conta cinque presentazioni dislocate in diversi luoghi della socialità e della cultura.

"Siamo molto contenti dell'inizio di questa rassegna - dice l'assessore alla cultura Flavia Rossi - con la presentazione di ‘Moro, il caso non è chiuso’ sabato scorso al teatro con la giornalista ed autrice Maria Antonietta Calabrò e Monsignor Fabio Fabbri, uno dei protagonisti delle vicende svelate dal libro. Ci auguriamo che si confermi la partecipazione e la curiosità attorno ai volumi che verranno presentati".

I prossimi appuntamenti saranno:“Il paese più sportivo del mondo” con Riccardo Lorenzetti (sabato 13 ottobre, biblioteca comunale), “Dopo la mezzadria: scelte lavorative e familiari nella Valdichiana senese” con Alessio Banini (sabato 20 ottobre, circolo la Costa di piazza) e “Le convenienze” con Lorena Fiorelli, (sabato 27 ottobre, biblioteca Sarteanoviva).

 

   

Pagina 1 di 28

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.