Sabato, Novembre 25, 2017
   
Text Size

TERRENO SALVATO

Triveneto Oggi

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

www.andreazanoni.it

Andrea Zanoni, deputato al Parlamento europeo

Comunicato stampa del 13 gennaio 2014

A Montebelluna (TV) 34 famiglie salvano 3 ettari di terreno sottraendolo ai cavatori

A Montebelluna, il gruppo di acquisto solidale Campilonghi ha acquistato tre ettari di terreno per avviare coltivazioni biologiche e fare attività didattica e ricreativa. L’eurodeputato PD Andrea Zanoni ha affermato: «Sostengo fortemente questi cittadini che in una terra massacrata da cave e zone industriali hanno dato un segnale forte di amore e attaccamento del proprio territorio. Mi auguro che cittadini di altri Comuni seguano questo innovativo esempio»

A Montebelluna (TV), il Gruppo d’Acquisto Solidale “Gast Campilonghi”, costituito da 34 famiglie ha depositato 10 mila euro a testa per acquistare 3 ettari di terreno in località Campilonghi a sud di via Schiavonesca Nuova e a sud della cava “Campilonghi”. È il primo caso in Italia di un Gruppo d’Acquisto Solidale che diventa proprietario di un terreno per sottrarlo alle ruspe dei cavatori e per avviare coltivazioni biologiche e fare attività didattica e ricreativa.

A febbraio inizierà la coltivazione e a maggio si prevede il primo raccolto. Nell’area esiste già un rustico che, una volta ristrutturato, sarà il punto vendita dei prodotti a chilometri zero. Tra Montebelluna e Trevignano (TV), dunque, è nato questo progetto iniziato quasi due anni fa, appoggiato e condiviso dai proprietari dell’area. Hanno partecipato architetti, medici, impiegati e imprenditori, oltre ad un agricoltore di professione che è diventato il referente tecnico del gruppo.

L’eurodeputato PD Andrea Zanoni membro della Commissione ENVI Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo ha affermato: «Voglio fare i miei complimenti a questi cittadini che sono riusciti a lanciare un segnale forte di tutela, amore e salvaguardia del proprio territorio. Mi auguro che cittadini di altri Comuni seguano questo innovativo esempio. Sono le persone spinte dall’amore per l’ambiente e il desiderio di tutelare il territorio e la propria salute che insieme possono cambiare la situazione. Ancora più importante è che questo progetto sia stato avviato a Montebelluna, un’area purtroppo massacrata da cave e insediamenti industriali e che sia stato pensato anche con fini didattici: è dalle giovani generazioni che possiamo sperare che arrivi il cambiamento di rotta definitivo».

BACKGROUND

Sabato 14 dicembre 2013, a Nanto (VI) presso la sala Celotto in Piazza Simposio, l’europarlamentare Andrea Zanoni ha partecipato all’incontro dal titolo “Nuovo Piano Cave e Tutela dell’Area Berica”, organizzato dal Partito Democratico.

Il 9 ottobre 2013, la Commissione regionale Ambiente presieduta dal leghista Luca Baggio ha dato il via libera alla nuova legge sulle cave che dovrà essere approvata dal Consiglio veneto. Il Disegno di legge elaborato dalla Giunta del Veneto lo scorso anno e recante le nuove Norme per l’attività di cava andrebbe a sostituire, una volta approvato dal Consiglio, la Legge Regionale 44/1982 attualmente in vigore.

L’eurodeputato Zanoni ha portato più volte all’attenzione dell’Europa la “questione cave”, che lo vede da sempre impegnato nella tutela del territorio e della salute pubblica. Solo per fare degli esempi, il 7 maggio 2012, Zanoni ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea affinché venisse fermato il progetto dell’ulteriore escavazione tra i comuni di Ponzano Veneto e Paese (TV) e per verificare se il progetto di nuova escavazione della cava Morganella mettesse a rischio la tutela delle acque superficiali e sotterranee della zona destinate al consumo umano, violando in questo modo la Direttiva Acque 2000/60/CE.

Il 28 giugno 2012, il Commissario all’Ambiente UE, Janez Potočnik, in risposta, ha sottolineato l’obbligo per gli Stati membri di “adottare misure volte a prevenire il deterioramento dello stato dei corpi idrici sotterranei e di superficie” e il deterioramento “dovuto alla realizzazione di nuovi progetti è tollerato soltanto se si rispettano le condizioni stabilite dall’articolo 4, paragrafo 7 della Direttiva Quadro sulle Acque” tra le quali un prioritario interesse pubblico dell’opera (TESTO RISPOSTA).

A dicembre 2013, Zanoni è intervenuto sul progetto di ampliamento in profondità della cava di proprietà della società Biasuzzi Cave SpA nella frazione di Padernello di Paese (TV), dove si prevederebbe un nuovo volume di scavo per 3.723.922 metri cubi in 11 anni. L’eurodeputato PD ha nell’occasione sottolineato che «l’attuale superficie di 332 mila 400 metri quadrati è impressionante se si pensa che l’area potrebbe contenere la cattedrale di San Pietro ben 30 volte. La percentuale di territorio comunale agricolo escavato, pari a circa il 16%, supera abbondantemente il limite previsto del 3% delle zone agricole in totale spregio alla norma regionale sulle attività di cava».

Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni
Email
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Tel. (Bruxelles)
+32 (0)2 284 56 04
Tel. (Italia)
+39 0422 59 11 19
Sito
www.andreazanoni.it
Twitter Andrea_Zanoni
Facebook ANDREA ZANONI
Youtube AndreaZanoniTV

 

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.