Mercoledì, Maggio 22, 2019
   
Text Size

Triveneto Oggi

AGORA' PER LA DEMOCRAZIA

Triveneto Oggi

AGORA' sulla DEMOCRAZIA  

INCONTRI per INFORMARCI e DISCUTERE LIBERAMENTE

a partire da eventi storici

in Via Dante 9, a Ri-LIBRI, sede dei consumatori, 

(nei portici tra P.le Da Vinci e via Fusinato) 

              SABATO, ORE 17

Questo Sabato 18 maggio PALESTINA E ISRAELE. QUALE DEMOCRAZIA?

con Pina Fioretti, laureata in arabo, docente nelle scuole primarie a Venezia

 

sabato 25 maggio IL CAMMINO DELLA DEMOCRAZIA IN INDIA (Gandhi) 

con Massimo (Mao) Valpiana presidente naz. Movimento Nonviolento

 

sabato giugno  MANCANZA DI DEMOCRAZIA NEI PARTITI POLITICI ITALIANI 

con l'avv. Federica Corte-Coi di Conegliano

inoltre:   

QUALE FUTURO PER MESTRE?

ASSEMBLEA PUBBLICA  

Domenica 26 maggio ore 16

presso Centro culturale CITTA' APERTA

in via Col Moschin 20 ( 400 m da Fs, tra v.Sernaglia e Felisati)

continua l’ASSEMBLEA PUBBLICAdel 5 maggio

sulle 15 proposte per fare di Mestre una città giardino

(vedi inserto di Tera e Aqua 104 di aprile scorso)

 

 

PER MESTRE CITTA' GIARDINO DI MICHELE BOATO

Triveneto Oggi

PER MESTRE CITTA’ GIARDINOdi  Michele Boato  Ecoistituto del Veneto

Mestre ha una storia antichissima, Contesa nei secoli tra Treviso e Venezia, nel 1900 è decaduta a dormitorio delle nuove industrie di P.Marghera e assorbita nel 1936 nel Comune di Venezia. Nel secondo dopoguerra è stata oggetto di una spaventosa speculazione edilizia, che l’ha trasformata, da graziosa  cittadina murata, a periferia zeppa di anonimi palazzoni. L’azzeramento di Parco Ponci (con varie complicità pubbliche) ne è un triste esempio.

Il sacco di Mestre è continuato: interrato il ramo del Marzenego di via Poerio per far posto al traffico automobilistico, piazza Ferretto era diventata una camera a gas, in cui si “passeggiava” in mezzo ad un mare di tubi di scappamento.

Con le nostre “bici-festazioni”, che, all’arrivo, bloccavano l’accesso alle auto per vari sabati successivi, siamo riusciti a svegliare un Comune addormentato e a farla pedonalizzare grazie anche al sorprendente risultato del sondaggio giornalistico del quotidiano locale che finalmente dava un po’ di voce alla cittadinanza: 79% per la pedonalizzazione totale, 21% i contrari o chi la voleva pedonale solo di domenica. Era un primo passo per uscire dal disastro urbanistico, ma non è bastato. Ne è uno spaventoso esempio il “Mostro col buco” che (nonostante la durissima protesta di 7200 abitanti assieme ad Amico Albero) ha raso al suolo anche il piccolo ma preziosissimo Parco di via Pio X.

Ora sono cresciuti 7 Hotel-Carceri (senza un albero!) a 100 m dalla stazione a cui si aggiunge il pazzesco progetto (accordo Comune-GrandiStazioni) di altri due Hotel-condominio da oltre 90 metri , per soffocare la già invivibile area della stazione, occupando più di metà della striminzita piazzetta dei taxi!  E sul lato Marghera, sono in progetto altri 4 grattacieli e la cementificazione di buona parte del verde, abbandonato da decenni tra gli alveari della Cita e la stazione, dove da sempre è previsto il (mai realizzato) Parco di Marghera.

Si può invertire questa folle deriva?

Sì, ma solo se gli abitanti di Mestre e Marghera si scrollano la rassegnazione che, per esempio, ha permesso che il “Museo del 900 di Mestre e Marghera” diventi il quasi fallimentare M9, che nulla ha a che fare con la storia novecentesca della nostra città.

Da parte delle associazioni AmicoAlbero, Ecoistituto, Amici della bicicletta, Italia Nostra, Lipu, Movimento dei Consumatori, MestreMia e VeneziaCambia, sono state messe sul tavolo 16 concrete proposte, per fare di Mestre una Città Giardino: 

1 Una vera piazza della stazione di Mestre, che è la più importante del NordEst, usata da 85mila persone al giorno. Ma è la più congestionata e la meno funzionale per la mancanza di spazi pubblici: non si riesce a parcheggiare per accompagnare un parente al treno o aspettarlo; nelle ore di punta bisogna sgomitare per arrivare ai binari, hanno tolto le sale d’attesa e addirittura non c’è più una panchina: ci sono spesso giovani (e non) che aspettano i treni seduti per terra! I passeggeri sono considerati massa da far passare nei nuovi negozi.

La proposta: non diminuire i pochi spazi liberi, anzi, recuperarne altri per la sosta dei mezzi pubblici, revocando le recentissime concessioni gratuite di aree demaniali date agli hotel Bologna e Plaza, recintate e quasi sempre vuote,.

I nuovi edifici vanno ridotti o eliminati, ci sono già troppi alberghi nell’area stazione: va cancellata l’occupazione dello spazio antistante la Polizia (piazzetta taxi):

Le auto dalla Tangenziale vanno indirizzate sul lato Marghera, allontanate dall’area davanti la stazione dove va ridotto il traffico con un nuovo collegamento tra v.Cappuccina (rotatoria) e v. Piave, dietro i park e gli hotel, con piccole zone di sosta breve ai margini (per es. al posto del park a fianco delle Botti). Pensiline e portici per i pedoni tra stazione, taxi, fermate bus, hotel, aree verdi, park, fino agli inizi di via.Capuccina e Piave, pista ciclabile, verde, servizi, pubblici, esercizi.

2 Sicurezza per pedoni e ciclisti: auto a 30 Km/ora

Troppo spesso non danno la precedenza e corrono troppo veloci. 50 Km all’ora sono troppi nelle vie di quartiere ma anche nelle vie Piave, Cappuccina, Corso del Popolo, Bissuola, Cà Rossa e San Donà. E i passaggi ciclabili (segnati spesso a fianco di quelli pedonali) non sono neppure conosciuti.

3 Museo civico di Mestre nell’ex scuola De Amicis in via Pio X,

Da 40 anni si parla di dare una dignitosa collocazione ai molti reperti archeologici della Mestre paleo Veneta, Medioevale, i quadri come il Canaletto con la scalinata del Canal Salso in Piazza Barche o  Piazza Maggiore di Felisati e le foto del tram nel primo 1900; le fabbriche storiche di Mestre e quelle di P.Marghera, il Campo trincerato dei Forti che fanno corona a Forte Marghera.

E poi:

4 Riportare il Canal Salso in Piazza Barche, riscoprendo la scalinata

5 Un ponte ciclo-pedonale tra via Torino e Forte Marghera

6 Riaprire e potenziare l’Emeroteca di via Poerio, funzionava benissimo, ora è chiusa

7 Un parco (scuole e tanto altro) nel “buco nero” dell’ex Ospedale Umberto I

8 La rinascita di Parco Bissuola e del suo Centro Civico,

9 Anche Marghera può avere il suo Parco tra la stazione e la Cita

10 Non permettere alla Save di continuare a desertificare Tessera

11 Niente cemento, più alberi al Parco di San Giuliano

12 Liberare la Torre dalla scala-ghigliottina e Piazzale Sicilia dai ferri arrugginiti

13 Poter andare a Venezia (anche) in bici

14 Eliminare le barriere architettoniche, come alle poste di P.le Sicilia e in quasi tutti i binari della stazione

15 Dare voce alle/agli abitanti con sedi pubbliche e gratuite e nelle Municipalità.

16 Il Parco del Marzenego,con gli argini ciclopedonali tra piazzale Olimpia e Forte Gazzera

 

Insomma realizzare il sogno del compianto prosindaco di Mestre, Gaetano Zorzetto: Mestre bella.

 

 

COMUNE DI PORTOGRUARO INIZIATIVE

Triveneto Oggi

 

COMUNICATO STAMPA

(con gentile preghiera di pubblicazione)

Evento musicale

Carlo Colombo 5et Swing Party live Show

18 maggio 2019 ore 21:00

Piazza della Repubblica, Portogruaro (VE)

Il Comune di Portogruaro in collaborazione con Luisa Trevisi – Idee che danno spettacolo organizza concerto con il “Carlo Colombo Quintet" e la partecipazione di Dj Daniela Belfatto (DaniElla)

Durante la serata si esibiranno i ballerini dei gruppi: The Great Coconut Club, Trieste Swing e Udine Swing Zoo

Il gruppo è formato da Carlo Colombo piano, voce; Stefano Gajon clarinetto, glockenspiel, cori; Renato Peppoloni batteria, cori; Mattia Magatelli contrabbasso, cori; Dario Zennaro chitarra, cori.

Il progetto Carlo Colombo Quintet propone canzoni originali e cover in chiave jazz-swing dove Carlo Colombo, pianista e cantante, racconta storie di vita quotidiana accompagnato da stimati musicisti jazz a livello nazionale.

Questo tipo di spettacolo crea un’atmosfera d’altri tempi. La sonorità proposta è acustica, raffinata ed accattivante,

Si spazia dal suono classico swing anni '40-50 fino a sonorità anni '30.

Questa operazione vuole essere una scoperta o per alcuni una riscoperta delle sensazioni legate ad un genere immortale come lo swing.

Il repertorio è pensato per il ballo di coppia swing e lindyhop, nell'ultimo disco è presente la prima versione italiana autorizzata dall'editore originale di "Tain't what you do" (sigla universalmente riconosciuta dei ballerini di lindyhop).

Oltre al repertorio originale, si affiancano celebri cover in italiano ed inglese.

Grande spazio è dato alla musica ed ai musicisti che dialogando tra loro con i loro strumenti diventano veri protagonisti in questo spettacolo e non soltanto dei semplici accompagnatori, assicurando uno spettacolo godibilissimo anche dai non ballerini.

Il Progetto Carlo Colombo nelle sue varie formazioni ha suonato in diversi festival e rassegne jazz tra cui: Arezzo Jazz, Veneto jazz, Jazz & Wine a Gorizia, SanGiezz Festival a Termoli, e numerosi Jazz Club tra cui il "Chet Baker" a Bologna, Il "Vapore" a Marghera(Ve), "Jazz Club 900" a Venezia, "Osteria del jazz" e "Jumpin'Jazz Ballroom" a Milano.

Inoltre ha suonato nel Festival Treviso Street - Food & Jazz nelle edizioni 2016, 2017, 2018; MusicaViva a Cison di Valmarino nel 2017; Suoni Di Marca Treviso nel 2013 e 2018, Swing on the Beach - The italian "Swing Craze" Festival a Pescara nel 2018, Bassano sotto le stelle nel 2018, evento legato ai festeggiamenti di capodanno in un’isola privata delle Maldive nel 2019.

La parola all'artista:

"Lo swing è un genere musicale che trasversalmente riesce a colpire dai bambini agli anziani perché è una musica energica, acustica, non ha bisogno di amplificazione, di aiuti, di elettronica, per cui le vibrazioni che ne scaturiscono sono sempre delle vibrazioni positive.

Da bambino volevo fare il disegnatore, mi piaceva, sono passato alla musica perché con quest'ultima riuscivo ad avere una tridimensionalità e un’astrazione che con il disegno non riuscivo ad esprimere.

Il pianoforte è bello perché è uno strumento completo. Tu praticamente hai sotto le mani tutta l'orchestra. Il pianoforte è importante, è un po' considerato il re degli strumenti per questo motivo...perché tu puoi imitare l'orchestra

La necessità di creare non è cambiata nel tempo, la molla è sempre la stessa, trovare dei lati umani o quantomeno romantici da raccontare a cose, persone o situazioni che gli altri non considerano.

Per le influenze musicali devo ringraziare soprattutto i miei due fratelli maggiori, ascoltavano gran bella musica: Rolling Stones, Bowie, Talking Heads, Cure, e tantissimi altri, poi ho capito che per comprendere bene la musica moderna bisognava andare alle origini, musica classica, blues e jazz, e lì ho ascoltato di tutto.

Da mio padre ho ereditato le canzoni anni 40-50 fino a Carosone e Buscaglione, da parte di mia madre il concerto per pianoforte e orchestra di Tcaikovsky ed il film Disney “Fantasia”

Documentario di presentazione di Carlo Colombo: https://vimeo.com/311409326

Sito internet: www.carlocolombo.net

CURRICULUM ARTISTI:

CARLO COLOMBO

Musicista autore e pianista trevigiano, classe 1970, si avvicina al pianoforte all'età di quattordici anni iniziando lo studio della musica classica.

Verso la fine degli anni 80 inizia con delle formazioni rock come tastierista e fonda nel 1989 l'H.S.H. band, formazione di rock sperimentale con la quale vince il primo premio al festival del video indipendente di Monza, sez. Videoclip, con il brano "Televideo".

Per un anno è stato pianista del duo di cabaret "Caffè Sconcerto" che lo ha portato in giro per l’Italia in svariati spettacoli.  Parallelamente al rock sperimentale e al cabaret, Colombo continua lo studio del pianoforte e si avvicina al jazz grazie ad una borsa di studio vinta nel 1992 che lo porta ad una full-immersion di quattro mesi studiando con musicisti jazz di livello mondiale quali Harold Danko, Mark Egan, Vic Juris, Maurizio Caldura, Ares Tavolazzi, Bruno Cesselli ed altri.

Alla fine dei 90 inizia la carriera di autore, pubblica cinque cd e vince nel 2003 la "Gondola d’argento" a Venezia con il brano "L’intellettuale ad agosto".

Oggi oltre al progetto swing italiano d’autore, collabora come pianista e compositore in diverse formazioni che spaziano dallo swing alla musica elettronica, pop ed altro.

Dal 2013 al 2015 è direttore ed arrangiatore della "Portobuffolè Swing Orchestra".

Con il marchio "Officine Golob" produce nel suo studio colonne sonore e sonorizzazioni.

Il suo catalogo musiche è presente in numerosi portali di sonorizzazioni: Pond5, Getty Images Music, Crucialmusic, Intervox, ecc.

Nel 2015 entra nel team compositori della "Pong Ping", libreria finlandese di musiche interattive per videogiochi.

Nello stesso anno compone le musiche e sound design per il gioco per visore oculus Vrasteroid prodotto dalla Spinvector Spa, per la stessa azienda cura il sound design per l'installazione "Torre San Mauro" a San Mauro Forte-MT.

Dal 2016 entra a far parte del team sviluppo videogiochi"Bat Meeting" come creativo, compositore e sound designer.

Nel 2018 due canzoni tratte dall'album "Vai" sono inserite nella colonna sonora di due film americani: "Pizza siciliana" nel film "The Honor list" di Elissa Down e "Din don dan" nel film "Book club" di Bill Holderman con Diane Keaton e Jane Fonda.

MATTIA MAGATELLI

Contrabbassista, bassista elettrico e compositore, ha studiato dal 2001 al 2003 ai Civici Corsi di Jazz con sede a Milano per poi proseguire gli studi come autodidatta.

Vanta numerose collaborazioni nazionali e internazionali, soprattutto nell'ambito del jazz, e si è esibito in tutta Europa, Stati Uniti e Asia.

Ha inciso più di 50 dischi con artisti del calibro di Franco Cerri, Guido Manusardi, Gianni Cazzola e Ivan Segreto.

Ha vinto una borsa di studio per lo Jasi nel 2007, che frequenta nel 2008 a Riga.

Vince ancora il primo premio al concorso Bergamo jazz di Treviglio con Dienno e Rebulla, il secondo premio al festival Getxo in Spagna con Vitale e Windfield e vince con il Kaja Draksler Acropolis Quintet il 12 Points Plus Program a Dublino.

Tra gli altri ha suonato con Billy Cobham, Alex Sipiagin, Fabrizio Bosso, Fabio Morgera, Massimo Manzi, Pietyro Tonolo…solo per citarne alcuni.

RENATO PEPPOLONI

Batterista e percussionista di Perugia frequenta il conservatorio F. Morlacchi tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 dove studia con il M° Vincenzo Restuccia.

Apprezzato didatta insegna batteria e musica d’insieme in diverse scuole dell’Umbria (“Scienza come Arte” di Perugia, Scuola comunale di Gubbio, come titolare della cattedra di batteria, ed altre).

Batterista raffinato e meditativo, conosciuto per il tocco delicato e al tempo stesso carico di swing, vanta collaborazioni in Big Band dirette da Giancarlo Gazzani, Ramberto Ciammarughi, Mario Raja (Perugia Big Band, Arkestra Jazz Big Band, Big Band di Padova).

Numerose presenze in Festivals italiani e stranieri con diversi musicisti (Gabriele Mirabassi, Fabio Zeppetella, Sandro Satta, Lello Pareti, Stefano Cantini, Stefano Travaglini, Maurizio Giammarco, Cerri, Enrico Intra, Renato Sellani, Pietro Condorelli, John Mosca, Umberto Fiorentino, Rita Marcotulli, Ermanno Signorelli, Pietro Tonolo, Marcello Tonolo, Michele Polga, Leo Brower)

STEFANO GAJON

Nasce a Venezia nel 1976.Studia al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia sotto la guida del M. Giovanni Bacchi diplomandosi in "Clarinetto" con il massimo dei voti nel 1995. Successivamente si diploma in "Jazz" (2003) studiando con artisti quali Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino, Enrico Fazio. Frequenta tre masterclasses tenuti dal M. Fabio Di Casola, e si perfeziona sotto la guida del M. Corrado Orlando.

Interessato a numerosi e differenti linguaggi musicali, intraprende vari percorsi nell'ambito della musica jazz, balcanica, popolare, classica, contemporanea colta e del teatro di prosa. Nel suo cammino musicale ha la fortuna di incontrare e collaborare con artisti quali: Heinz Holliger, Antonio Pappano, Bruno Canino, Carlo Boccadoro, Mariangela Melato, Caterina Caselli, Franco Fasano, Vince Tempera, Fabrizio Berlincioni, Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino, Saverio Tasca, Daniele Labelli, Ivan Tibolla, Carlo Colombo, Pino Bifano, Tiziano Chiappelli, David Boato, Cheryl Porter, Marco Carlesso, Massimo Tagliata.

Nel 2000 fonda assieme a Dario Zennaro alle chitarre, Andrea Zennaro alla tuba e Davide Michieletto alla batteria il quartetto Quartoinfolio, un ensemble-laboratorio nel quale convergono diverse idee musicali unite dal linguaggio jazzistico alla base. Nel 2006 esce il primo cd, "QIF" prodotto da Caligola Records.

DARIO ZENNARO

Chitarrista classico, jazz e di musica moderna, compositore e arrangiatore. Ha studiato al Conservatorio “B.Marcello” di Venezia diplomandosi col massimo dei voti sotto la guida del M°Tommaso De Nardis, ed ha conseguito il diploma di Jazz studiando con importanti musicisti italiani quali Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino. Nel 2007 ha partecipato ai seminari internazionali di “Siena Jazz” studiando con Tommaso Lama (chitarra jazz) e Bruno Tommaso (musica d’insieme). Nel 2011 ha suonato nel gruppo diretto dal pianista jazz Stefano Battaglia nell’ambito dei corsi invernali di Siena Jazz.

Come solista ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali ed internazionali piazzandosi più volte al primo posto. Con il DVT trio è arrivato in finale al concorso nazionale per nuovi talenti del jazz italiano “Chicco Bettinardi 2010”, con Gianluca Chiarini sextet è arrivato in finale al concorso “Barga Jazz Contest”.

Tra i diversi cd ai quali ha partecipato si ricordano: “Quartoinfolio” (2006 Caligola Records) “No signal” con il Daniele Vianello Trio (2011 Caligola Records) “Jazz seven”, con musiche originali del sassofonista Gianluca Chiarini “Samburinha” e “Freve da Samba” con il gruppo di musica brasiliana “Freve da Samba” “Circus” come leader e compositore del Dario Zennaro Trio (2012 Videoradio).

Sono attualmente in produzione un disco di chitarra classica e flauto “Danse Joiose” ed il secondo disco del quartetto di Daniele Vianello. Si è esibito in diverse formazioni nell’ambito di rassegne jazzistiche nazionali come “Ubi Jazz”, “Terramossa”, “Veneto Jazz”, “Festival Jazz di Volterra”, “Jazz e dintorni” di Feltre. Ha suonato in tourneè con Tony Pagliuca e David Jackson. Per il “Festival Jazz di Cison di Valmarino” ha aperto il concerto del celebre chitarrista Sylvain Luc. Nell’estate del 2009 è partito per una tournée con “l’Orchestra Italiana Napoletana” suonando nei più importanti teatri (tra cui il Tokio Opera City Hall) del Giappone.

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://www.luisatrevisi.com/

 

 

ANDREA ZANONI INFO

Triveneto Oggi

 

Comunicato stampa
 

Zanoni (PD): “All’Aeroglass di Ospedaletto di Istrana emissioni di sostanze cancerogene oltre i valori di legge. La Regione si faccia parte attiva per tutelare salute di cittadini e lavoratori e ambiente”

Venezia, 10 maggio 2019

“L’Arpav ha certificato che all’Aeroglass Filtri ci sono emissioni di formaldeide, sostanza considerata cancerogena, superiori ai limiti di legge. Cosa intende fare la Giunta Zaia per tutelare la salute di lavoratori e cittadini nonché l’ambiente?”. La domanda è di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, che ha presentato un’interrogazione indirizzata all’assessore regionale alla Sanità Lazzarin e all’assessore all’Ambiente Bottacin, in seguito ai monitoraggi effettuati dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale, su richiesta della Provincia di Treviso, presso la ditta di Ospedaletto di Istrana che produce filtri per l’aria in fibre di vetro.

“Stando alle rilevazioni - sottolinea ancora Zanoni - i valori supererebbero di ben 15 volte i parametri massimi fissati dalla legge, 303mg/Nm3 contro 20mg/Nm3. Ho chiesto i documenti ufficiali ad Arpav e sentito le rappresentanze sindacali della Femca Cisl in merito all’allarme lanciato da quest’ultima. Un allarme che ritengo più che giustificato, specialmente per i lavoratori dell’impianto di essiccazione dove sono state registrate le concentrazioni massime delle sostanze cancerogene. Nella relazione di Arpav, inoltre, viene evidenziata una violazione della legge in materia di tutela dell’aria e riduzione delle emissioni in atmosfera; Non possiamo accontentarci delle rassicurazioni generiche da parte dell’azienda che parla di anomalia, pur avendo commissionato ulteriori accertamenti. Servono ulteriori analisi sulla qualità dell’aria e visite mediche per monitorare la salute dei 50 dipendenti a carico dell’Aeroglass. Anche la Regione - il sollecito finale del vicepresidente della commissione Ambiente - faccia la propria parte e dica come intende agire per tutelare la salute dei lavoratori, dei residenti  e dell’ambiente”.

 

 

ANDREA ZANONI INFO

Triveneto Oggi

 

Maltrattamento animali e randagismo, venerdì 10 a Treviso  incontro con il consigliere regionale Zanoni sulla nuova legge
 

Venezia, 8 maggio 2019

La nuova legge regionale contro il randagismo e il maltrattamento di animali sarà al centro dell’incontro di venerdì prossimo, 10 maggio, a Treviso a cui parteciperà il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni, primo firmatario del Pdl 348 sulla tutela degli animali d’affezione, sottoscritto dall’intero gruppo e poi unificato con il Pdl 160 presentato dalla Lega Nord in un unico testo e licenziato il 4 aprile scorso dalla Quinta commissione, che lo ha trasmesso alla Prima commissione e alla Conferenza permanente Regione-Autonomie Locali.

“Un testo assolutamente necessario in quanto i casi di maltrattamento e abbandoni, in particolare di gatti, sono in forte aumento ma che deve essere modificato poiché, per esempio, elimina il divieto di detenere i cani alla catena - afferma Zanoni – Inoltre l’attuale legge, essendo vecchia di 26 anni, non prevede quelle tutele che le norme nazionali e comunitarie hanno introdotto nel tempo. Nel corso della serata illustreremo le novità positive e innovative e le criticità che vanno cambiate della nuova normativa che nelle prossime settimane, presumibilmente dopo le elezioni europee, sarà all’esame del Consiglio regionale”. L’appuntamento, organizzato da Iams-Impegno e Azione per un Mondo Sostenibile è per le ore 20.45, a Treviso presso Binario 1 in Piazzale Duca D'Aosta, 7/B (sotto il cavalcavia a lato della stazione dei treni – vicino alla rampa delle scale). Insieme al consigliere regionale Andrea Zanoni ci saranno Andrea Zamengo (coordinatore regionale guardie eco-zoofile Oipa), il presidente dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali) di Treviso Adriano De Stefano, Daniela Musocco della Lav (Lega antivivisezione) Area Animali Familiari, Tamara Scaggiante delegata Dingo Venezia per i rapporti istituzionali e Giovanni Tonelotto responsabile del rifugio San Francesco di Piazzola sul Brenta e coordinatore regionale Lega nazionale per la difesa del cane.

 

 

NANE OCA A SPRESIANO

Triveneto Oggi

 

Reading teatrale

NANE OCA
dal libro di Giuliano Scabia
con GIOVANNI BETTO

e con le canzoni a cappella e gli “effetti speciali”

del coro maschile CODE DI BOSCO

11 maggio 2019 ore 21:00

Cinema Teatro Lux – Spresiano (TV)

 “Nane Oca” è un capolavoro. Assoluto.

È una storia che prende i fili guardando l’acqua del Fosso Scavo limpidocorrente, stando fermi ascoltanti in qualche osteria in Pava, fermandosi in Piazza dei Frutti davanti agli abbaini lucenti, quando le amiche fate e l’Uomo Selvatico vengono a vedere come sta la notte. Tutti i personaggi, e sopra tutti Giovanni (Oca), sono alla ricerca del momòn e alcuni, alla fine, lo trovano. Ma a chi sente la storia e, preso dal suo tremito, arriva fino in fondo, chiediamo per gentilezza di non rivelare i tre segreti di Nane Oca: qual è la vera identità della fata Aura, qual è la lingua del Magico Mondo, cos’è il vero momòn. Poetico. Comico. Quasi erotico.

Giovanni Betto: Attore e formatore.

Giovanni Betto si è formato con diversi attori e registi, fra cui Mirko Artuso, Andrea Pennacchi, Ramiro Besa, Giacomo Rossetto, Anna Tringali, sulla drammaturgia col regista e drammaturgo Giorgio Sangati, sulla commedia dell’arte con l’attore Fabrizio Paladin e il Teatro del Norte di Oviedo, sull’uso della voce con la coach Chiara Veronese.

Ora si dedica al teatro, alla lettura scenica e alla formazione sulla lettura espressiva.

Con Effetti Personali Teatro debutta nel 2010 con “Un principe, una volpe, una rosa”, liberamente ispirato a “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry e nel 2012 porta in scena il monologo “Una colomba”, di Luciano Colavero, testo finalista al Premio Riccione, per la regia di Vincenzo Ercole.

Nel 2016 è nel cast del film “Finché c’è prosecco c’è speranza”, nelle sale dal 31 ottobre 2017, di Antonio Padovan, con Giuseppe Battiston, Rade Serbedjia, Liz Solari, Roberto Citran, Silvia D’Amico.

https://www.giovannibetto.it/

Coro CODE DI BOSCO – 30 anni di attività

Il coro Code di Bosco nasce nell’ottobre del 1988 ad Orsago, per iniziativa di una decina di appassionati di canto popolare e di montagna, coordinato da Gilberto Buriola.

L'interesse spazia fin da subito dal canto tradizionale al canto d'autore di ispirazione popolare, fino ad arrivare all'esecuzione di brani della tradizione trevigiana, dei nostri vecchi, e anche della tradizione scoutistica, riarmonizzati in maniera originale.

Fin dagli esordi, il coro si è contraddistinto per la grande voglia di stare insieme, di condividere fra coristi le emozioni che il canto inevitabilmente suscita e di riportarle con semplicità all’esterno, esibendosi, dapprima spontaneamente, in qualche suggestiva osteria o intorno al fuoco del “panevin”, fino ai primi concerti alla sagra di Villa di Villa, nelle case di riposo piuttosto che nelle scuole elementari.

https://www.codedibosco.it/

 

   

PIANETA OGGI REPORTER

Triveneto Oggi

"AUSER VOLONTARIATO, FOSSALTA DI PIAVE"

INCONTRO CON ANGELO BIONDO "RESPONSABILE PROGETTO BAMBINI AUTISTICI"

FRANCESCO FONTANINI "PRESIDENTE AUSER VOLONTARIATO FOSSALTA DI PIAVE"

PROGRAMMA SETTIMANALE DI APPROFONDIMENTO GIORNALISTICO IN ONDA IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RTV INTERREGIONALE.

SI COMUNICA CHE AUSER ORGANIZZA LO SPETTACOLO COMICO "RISO FA BUON SANGUE" PRESSO AUDITORIUM LEONARDO DA VINCI PIAZZA INDIPENDENZA, 13 - SAN DONA' DI PIAVE (VE). DOMENICA 12 MAGGIO A PARTIRE DALLE ORE 15.00

 

 

   

ENRICA BOSCHIERO E MICHELE DOTTI

Triveneto Oggi

 

DOMANI E’ BELLO
con ERICA BOSCHIERO E MICHELE DOTTI

11 maggio 2019 ore 21:00

Teatro Jean Antiga Via L. Sturzo, 13 Miane (TV)

Pur legati, nelle rispettive attività, dalla medesima spinta alla condivisione, al rispetto, all’accoglienza in ambito sociale, culturale, ambientale ed artistico, Erica Boschiero e Michele Dotti si trovano, grazie a questo progetto, a poter unire i rispettivi linguaggi e bagagli artistici insieme per la prima volta.

L’IDEA:

Nel corso degli ultimi anni, siamo andati accrescendo sempre di più la consapevolezza che la condizione di rassegnazione, sconforto, inesorabile senso d’impotenza in cui ci immette la percezione dell’andamento della realtà attuale (a livello sociale, economico, ambientale) non trovi riscontro nel reale stato delle cose.

Bensì, nella percezione che dello stato delle cose si vuole far avere.

La conseguenza di una precisa volontà che, della realtà, ha tutto l’interesse di occultare l’altra metà. Quella fatta di eventi positivi di concretezza e proporzioni incredibili.

Di possibilità di cambiamento.

Di miglioramenti.

Di risoluzione di problemi e dell’apertura di prospettive oltre la soglia di ciò che si crede possibile.

Ma che - dati alla mano -  lo è.

C’è un’enorme necessità di raccontarla, questa metà nascosta, senza la quale la nostra visione del mondo - e soprattutto del futuro - rimane menomata.

Ed è proprio sulla spinta di questa pressante urgenza che nasce “DOMANI È BELLO”.

IL PROGETTO:

Avvalendosi dei linguaggi universali del teatro e della musica - supportati, rispettivamente, da rigoroso lavoro di ricerca delle fonti e profonda cultura etica e sociale - lo spettacolo si propone di ampliare la visione sulla realtà odierna che alimenta il nostro quotidiano e, soprattutto, le nostre prospettive sul futuro. Lo fa, non, ricorrendo ad un generico (per quanto, sempre apprezzabile) slancio di ottimismo attuato nonostante il fragore dell'albero che cade, bensì, attraverso il concreto e documentato realismo imposto da una foresta che sta costantemente crescendo.

I PROTAGONISTI: Tutti i presenti in sala.

Coloro che, nonostante tutto e tutti, hanno sempre pensato - da qualche parte in cuor loro - che il mondo fosse un posto di gran lunga migliore di quello che veniva loro costantemente presentato per tale.

Ingresso Unico € 5,00; Info e prenotazioni: Martino 328.2211839 / Paola 348.9220652; Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Michele Dotti - EducAttore

Sono un educAttore, scrittore, formatore.

Fin da bambino ho imparato l’amore per la natura, il valore dell’amicizia, il piacere del gioco e il dispiacere degli sbuccioni nelle ginocchia.

Da quando avevo 18 anni sono impegnato nella solidarietà internazionale in Africa, dove sono stato più di 20 volte, seguendo come volontario tanti progetti di cooperazione, per l’autonomia alimentare, per i diritti dell’infanzia, per le donne… questa esperienza ha cambiato profondamente il mio modo di vedere il mondo e mi ha portato a capire che le cose possono cambiare!

Ho compreso così -praticandoli- i valori della giustizia, della solidarietà, della pace, dell’intercultura e maturato una empatia verso tutti i fratelli, vicini e lontani.

Sono questi i valori che cerco di promuovere ogni giorno nella mia intensa attività educativa e culturale.

Incontro infatti ogni anno migliaia di alunni negli spettacoli e centinaia di insegnanti nei corsi di formazione che tengo in tutta Italia. È un impegno che porto avanti con spirito giocoso (e contagioso!), convinto che sia questo il segreto della felicità e dell’eterna giovinezza.

In parallelo all’attività di solidarietà concreta in Africa, ho sempre cercato di portare avanti un lavoro di ricerca e di approfondimento culturale in Italia, lavorando in particolare sugli stereotipi e sui pregiudizi e proponendo sempre una visione propositiva rispetto ai problemi.

Gestisco un blog personale (www.micheledotti.it) e una ricca pagina di Facebook (www.facebook.com/micdotti) e collaboro con diverse riviste educative e del mondo della solidarietà.

Ho scritto una dozzina di saggi sulle tematiche della mondialità, dell’intercultura, dell’impegno civile, fra i quali “La tela del ragno”, “Non è vero che tutto va peggio” (con Jacopo Fo), “L’anticasta” (con Marco Boschini), “Dudal Jam: a scuola di pace” e “Sbagliando non s’impara”, editi dalla EMI di Bologna e “Educare, amare e saltare nelle pozzanghere” per l’editrice Kaleidos.

Da qualche anno sono attivo anche nel campo della produzione video, con inchieste e reportage. Fra queste una “Una scuola diversa è possibile”, per RaiNews24 e una miniserie di tre reportage su Legalità, Intercultura ed Energie rinnovabili per TV2000.

Mi definirei un “sognatore instancabile”!

Erica Boschiero

Nata ad Auronzo di Cadore nel 1983, è cantautrice e cantastorie. E' stata vincitrice del Premio d'Aponte 2008, dove ha vinto anche il premio Siae per il miglior testo, vincitrice del Premio Botteghe d'Autore 2009, Premio per il Miglior Testo a Musicultura e al Premio Parodi nel 2012, vincitrice Premio Corde Libere 2013 e del Premio Lunezia – future stelle 2015.

Oltre a “E tornerem a baita” ha in attivo altri due album: “Dietro ogni crepa di muro” e “Caravanbolero”.

Si è esibita in diretta su Rai 2, Rai News 24, Radio 1, Radio 2, Radio 3 e molte altre radio nazionali e locali.  La sua canzone “Papavero di ferrovia” è stata inserita nella compilation del Premio Tenco 2013.A primavera 2016 vengono trasmesse alcune puntate della trasmissione “Anime Salve” realizzate da Erica per la Radio Svizzera. Ha tenuto più di 500 concerti in tutta Italia, dai parchi naturalistici fino alle vette più alte delle Dolomiti (Marmolada, Tofana, Monte Piana) e all’estero (Francia, Svizzera, Norvegia, Islanda, Germania, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Ungheria, Repubblica Ceca, Kazakhstan e Nepal).

Oltre agli spettacoli con Paolo Cossi e Sergio Marchesini, collabora con Gualtiero Bertelli e l’Orchestra Jazz del Veneto per lo spettacolo “Tre voci una terra”, con Vasco Mirandola per lo spettacolo “Alberi” e con il collettivo di Veneto Contemporaneo (Marco Iacampo, Gerardo Pozzi, Ricky Bizzarro, Alberto Gesù e altri) per “I blues delle Alpi”. Ha aperto concerti e/o duettato con Gino Paoli, Danilo Rea, Paola Turci, Maria Gadù, Ron, Luca Barbarossa, Neri Marcorè e molti altri.

L’8 marzo 2017 il Sindaco della Città di Treviso le conferisce il Premio “Riflettore Donna”, Civica Onorificenza che premia ogni anno una donna della città distintasi per senso civico e professionalità. Da marzo 2017 è direttrice del coro dell’Università Popolare di Treviso.  www.ericaboschiero.it

 

 

Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi 347/8217393 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Luisa Trevisi

 

   

UFFICIO STAMPA LUISA TREVISI INFO

Triveneto Oggi

 

GINETTACCIO
storia di un uomo giusto
di e con GIOVANNI BETTO e PAOLO PERIN

04 maggio 2019 ore 21:00

c/o Aula Magna del Seminario Vescovile

Largo del Seminario, 2, Vittorio Veneto (TV)

Organizzato dal Gruppo genitori della scuola dell'infanzia SINITE PARVULOS di Colle Umberto in collaborazione con Luisa Trevisi e con il patrocinio dei comuni di Colle Umberto e Vittorio Veneto: GINETTACCIO, storia di un uomo giusto; di e con Giovanni Betto e Paolo Perin.

INGRESSO: 10 euro adulti - 5 euro ragazzi fino ai 13 anni.

PREVENDITA: Edicola Grillo, Via Caronelli, 5 Colle Umberto

PRENOTAZIONI: 333/9541029

Il ricavato sarà devoluto alla scuola dell'infanzia SINITE PARVULOS di Colle Umberto

In “Ginettaccio”, spettacolo scritto a quattro mani da Paolo Perin e Giovanni Betto, si vuole raccontare come nei momenti più bui della storia, anche se fievole, rimane accesa la fiammella della compassione umana grazie a donne e uomini giusti.

Partendo dal racconto dell’infanzia e dell’ascesa sportiva di Gino Bartali si arriva a raccontare la storia (sconosciuta fino alla sua morte) del suo straordinario e silenzioso lavoro, speso per salvare la vita di centinaia di ebrei.

In Ginettaccio la straordinaria storia del ciclista toscano, viene recitata e cantata con tinte leggere e poetiche, intrecciando vicende sportive e umane e raccontando il complesso contesto storico degli anni quaranta del secolo scorso. Viene raccontata la sua straordinaria storia non tanto mettendolo in scena in prima persona, ma raccontandola attraverso la voce di Giorgio Goldenberg, ebreo, che durante la guerra era ancora un ragazzino e se ne stava nascosto nella cantina di una delle case di Gino Bartali, insieme ai genitori e alla sorella più piccola.

Commento dell’ex campione del mondo di ciclismo Maurizio Fondriest:

È stato un piacere essere presente alla vostra serata.

Mi è piaciuta moltissimo, nonostante conoscessi già la storia di Bartali lo spettacolo ha suscitato il mio interesse e quello del pubblico in sala.

Siete riusciti a raccontare le sue gesta sia sportive ma soprattutto quelle umane in maniera forte e coinvolgente.

Grazie anche a compagnie teatrali come la vostra, mi auspico che venga divulgato sempre più questo lato della vita del Ginettaccio che in pochi conoscono.

La parola agli autori:

Giovanni Betto: “Da 9 anni portiamo in giro "La notte" di Elie Wiesel, ma sia io, sia Paolo, stavolta volevamo fare una svolta di 180 gradi: non più parlare del male, bensì volgersi al bene. Nella convinzione che volgere lo sguardo al bene sia più fecondo che concentrarsi sul male. E allora abbiamo cercato una storia, forte, che andasse in quella direzione. E abbiamo incontrato Gino.”

Durante gli anni del secondo conflitto mondiale il regime fascista inizia la persecuzione nei confronti degli ebrei italiani e porta l’Italia intera nel buio più nero della guerra. Donne e uomini giusti, tra i quali Gino Bartali tennero viva la compassione umana e in svariati modi traghettarono il paese intero verso un nuovo e lungo periodo di pace.

Paolo Perin: “Dopo anni di spettacolo che parla dell’orrore dei campi di concentramento volevamo affrontare la stessa questione però da un lato diverso, da un lato che mettesse in evidenza la corresponsabilità in tutta questa vicenda del popolo italiano e anche che la analizzasse un po’ dalla parte di coloro che hanno tenuto la speranza accesa: la speranza che si poteva ripartire in un modo diverso per un periodo di pace. E Bartali è stato uno di questi. Noi pensiamo sia un messaggio che valga anche per adesso che siamo in un periodo un po’ conflittuale, c’è bisogno di gente che non si schieri con le bandiere ma che abbia sempre al centro la compassione tra gli uomini.”

GIOVANNI BETTO

Attore, si è formato con diversi attori e registi, fra cui Mirko Artuso, Andrea Pennacchi, Ramiro Besa, Giacomo Rossetto, Anna Tringali, sulla drammaturgia col regista e drammaturgo Giorgio Sangati, sulla commedia dell’arte con l’attore Fabrizio Paladin e il Teatro del Norte di Oviedo, sul cinema con l'attrice Maria Roveran e sull'uso della voce con la vocal coach Chiara Veronese.

Ora si dedica al teatro, alla lettura scenica e alla formazione sulla lettura espressiva.

Con Effetti Personali Teatro debutta nel 2010 con “Un principe, una volpe, una rosa”, liberamente ispirato a “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry e nel 2012 porta in scena il monologo "Una colomba", di Luciano Colavero, testo finalista al Premio Riccione, per la regia di Vincenzo Ercole.

Nel 2017 è nel cast del film "Finché c'è prosecco c'è speranza", di Antonio Padovan, con Giuseppe Battiston, Rade Serbedjia, Liz Solari, Roberto Citran, Silvia D'Amico.

Sempre nel 2017 porta in scena il monologo “Neve”, da lui scritto e interpretato, per la regia di Mirko Artuso, dedicato al nonno disperso in Russia e a tutti coloro che avrebbero potuto esserci, ma non ci sono stati. Spettacolo finalista al Premio Teatrale In-Box 2018 e Premio Teatrale L'Italia dei Visionari 2018.

PAOLO PERIN

Cantautore, dal 1995 al 2000 suona l’armonica con il gruppo Paludi Magiche. Dal 2000 è una delle quattro colonne portanti dei Lunatici, gruppo swingante protagonista di concerti ed eventi culturali come la famigerata festa di Alovin!

Nel 2015 nascono i Calzini Clandestini (Paolo Perin, Nicola De Pellegrin, Paolo Callegaro, Mattia Magatelli) gruppo che suona le canzoni scritte da Paolo Perin.

Nel 2009 inizia le sue incursioni nel teatro. Scrive delle canzoni originali che vanno ad integrare ed ampliare la storia raccontata dagli attori.

Con Giovanni Betto, attore coneglianese, mette in scena “la Notte”, “L’ammmore”, “Rigore è quando arbitro fischia”, “La Crisi”, “Reading Buffet” e “Libera nos a Malo” (con Marina De Carli).

Con l’attore Franziskus Vendrame, rappresenta i reading “Vita e morte della montagna”, “Cartongesso” e gli spettacoli di varietà “Piripipì piripipà” e “Aven Tori”.

Con il gruppo teatrale “Effetti personali” (Simone Carnielli e Marina De Carli) partecipa allo spettacolo “La Gigia” in veste di chitarrista. Con Simone Carnielli mette in scena lo spettacolo “Storie Paurosissime”.

Con Simone Carnielli e Marica Zanchetta, realizza lo spettacolo “Le streghe di Lenzavacche”.

In veste di armonicista partecipa allo spettacolo del Teatro dei pazzi (con gli attori Giovanni Giusto e Bruno Lovadina e i musicisti Filippo Tantino e Alejandro Vaillant) “Disertori”.

Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi 347/8217393 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Luisa Trevisi

 

   

PIANETA OGGI REPORTER

Triveneto Oggi

Dalla laguna Veneta incontro con il Dott. Pino Sartori "Presidente dell' Associazione La salsola"

in occasione della pulizia dell' isola di Campalto.

Programma in collaborazione con il circuito RTV interregionale.

   

PIANETA OGGI REPORTER

Triveneto Oggi

Repubblica della Serenissima, incontro con Edoardo Rubini esperto di storia e legislazione Veneta, con il Prof. Michele Boato Ecoistituto Veneto di Mestre.

In collaborazione con il circuito RTV interregionale .

   

CARLO COLOMBO A SILEA (TV)

Triveneto Oggi

 

Concerto

CARLO COLOMBO TRIO
Caffetteria Centrale Zanatta Caffè, Via Roma, 57   Silea (TV)

12 aprile 2019 ore 19.00

Aperitivo Swing organizzato da Luisa Trevisi in collaborazione con Caffetteria Centrale Zanatta con Carlo Colombo Trio formato da Carlo Colombo pianoforte e voce, Renato Peppoloni batteria e cori, Giorgio Panagin contrabbasso e cori.

Il progetto Carlo Colombo propone canzoni originali e cover in chiave jazz-swing dove Carlo Colombo, pianista e cantante, racconta storie di vita quotidiana accompagnato da stimati musicisti jazz a livello nazionale.

Questo tipo di spettacolo crea un’atmosfera d’altri tempi. La sonorità proposta è acustica, raffinata ed accattivante,

Si spazia dal suono classico swing anni '40-50 fino a sonorità anni '30.

Questa operazione vuole essere una scoperta o per alcuni una riscoperta delle sensazioni legate ad un genere immortale come lo swing.

Il repertorio è pensato per il ballo di coppia swing e lindyhop, nell'ultimo disco è presente la prima versione italiana autorizzata dall'editore originale di "Tain't what you do" (sigla universalmente riconosciuta dei ballerini di lindyhop).

Oltre al repertorio originale, si affiancano celebri cover in italiano ed inglese.

Grande spazio è dato alla musica ed ai musicisti che dialogando tra loro con i loro strumenti diventano veri protagonisti in questo spettacolo e non soltanto dei semplici accompagnatori, assicurando uno spettacolo godibilissimo anche dai non ballerini.

Il Progetto Carlo Colombo nelle sue varie formazioni ha suonato in diversi festival e rassegne jazz tra cui: Arezzo Jazz, Veneto jazz, Jazz & Wine a Gorizia, SanGiezz Festival a Termoli, e numerosi Jazz Club tra cui il "Chet Baker" a Bologna, Il "Vapore" a Marghera(Ve), "Jazz Club 900" a Venezia, "Osteria del jazz" e "Jumpin'Jazz Ballroom" a Milano.

Carlo Colombo.

Musicista autore e pianista trevigiano, classe 1970, si avvicina al pianoforte all'età di quattordici anni iniziando lo studio della musica classica.

Verso la fine degli anni 80 inizia con delle formazioni rock come tastierista e fonda nel 1989 l'H.S.H. band, formazione di rock sperimentale che ha ottenuto un discreto successo nei locali del triveneto; vince anche il primo premio al festival del video indipendente di Monza, sez. Videoclip, con il proprio brano "Televideo".

Per un anno è stato pianista del duo di cabaret "Caffè Sconcerto "che lo ha portato in giro per il Nord Italia in svariati spettacoli. Parallelamente al rock sperimentale e al cabaret, Colombo continua lo studio del pianoforte e si avvicina al jazz grazie ad una borsa di studio della C.E.E. vinta nel 1992 che lo porta ad una full-immersion di quattro mesi studiando con musicisti jazz di livello mondiale quali Harold Danko, Mark Egan, Vic Juris, Maurizio Caldura, Ares Tavolazzi, Bruno Cesselli ed altri.

Ora oltre al progetto swing italiano d’autore collabora come pianista e compositore in diverse formazioni che spaziano dallo swing alla musica elettronica.

Dal 2013 è direttore ed arrangiatore della "Portobuffolè Swing Orchestra".

SITO DI RIFERIMENTO: www.carlocolombo.net

PROFILO FACEBOOK: www.facebook.com/carlocolomboswing

GIORGIO PANAGIN

Dopo gli inizi da chitarrista jazz, folgorato dall’ascolto di Ray Brown, Charlie Haden e Ron Carter, decide alla fine degli anni 90 di dedicarsi allo studio del contrabbasso, conseguendo il diploma accademico di secondo livello in jazz presso il Conservatorio di Adria, con la supervisione del maestro Paolo Ghetti. Suona regolarmente con molti musicisti dell’area triveneta ed emiliana, spaziando dal dixieland allo swing, dal mainstream jazz, alla musica brasiliana, con incursioni nella musica tradizionale italiana e nel klezmer. Nel 1999 partecipa alla tournée in varie località dell’Italia e della Croazia con il quartetto jazz del chitarrista Guido Foddis. Nel 2002 ha suonato in Germania con la band dixieland “The Wonderbrass” mentre in luglio dello stesso anno ha accompagnato in tournè in Italia, Slovenia e Croazia la cantante americana di Jazz e gospel Tammy McCann, già corista di Ray Charles. Ha lavorato inoltre in una big band patrocinata dalla provincia di Verona proponendo arrangiamenti e sotto la direzione del trombettista americano Mike Applebaum, noto arrangiatore RAI. Nel 2003 ha effettuato ad una lunga tournée estiva in Spagna e Portogallo con il gruppo etno-Rock emiliano Bonifica Emiliana Veneta (BEV) per il festival “sete sois sete luas. Ha partecipato a numerose incisioni tra cui “Quadri di Escher” (2004) del pianista ferrarese Gianluca Taglietti patrocinato dalla Provincia di Ferrara con la partecipazione del sassofonista Carlo Atti e i cd “You” (2005), “X” (2008) e Giant Moon (2010) del sassofonista Massimo Salvagnini assieme al chitarrista Sandro Gibellini per l’etichetta Velut Luna. Ha inciso inoltre nel Cd d’esordio del clarinettista Klezmer Francesco Socal, (2010) e nel Cd del fisarmonicista Enzo Moretto “Lifting” (2012), che conta la partecipazione di Leo Di Angilla alle percussioni e Flavio Davanzo alla tromba.

RENATO PEPPOLONI

Batterista e percussionista di Perugia frequenta il conservatorio F. Morlacchi tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 dove studia con il M° Vincenzo Restuccia.

Apprezzato didatta insegna batteria e musica d’insieme in diverse scuole dell’Umbria (“Scienza come Arte” di Perugia, Scuola comunale di Gubbio, come titolare della cattedra di batteria, ed altre).

Batterista raffinato e meditativo, conosciuto per il tocco delicato e al tempo stesso carico di swing, vanta collaborazioni in Big Band dirette da Giancarlo Gazzani, Ramberto Ciammarughi, Mario Raja (Perugia Big Band, Arkestra Jazz Big Band, Big Band di Padova).

 Numerose presenze in Festivals italiani e stranieri con diversi musicisti (Gabriele Mirabassi, Fabio Zeppetella, Sandro Satta, Lello Pareti, Stefano Cantini, Stefano Travaglini, Maurizio Giammarco, Cerri, Enrico Intra, Renato Sellani, Pietro Condorelli, John Mosca, Umberto Fiorentino, Rita Marcotulli, Ermanno Signorelli, Pietro Tonolo, Marcello Tonolo, Michele Polga, Leo Brower)

Promozione e organizzazione: Luisa Trevisi 347/8217393 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://luisatrevisi.altervista.org/

 

   

CAPANNONI VENETI IN PREDA ALLA MAFIA

Triveneto Oggi

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Zanoni (PD): “Capannoni abbandonati preda della mafia per stoccare rifiuti pericolosi. Ennesimo caso nel Vicentino, la Regione effettui un monitoraggio di queste strutture”

Venezia, 19 marzo 2019

“La Regione si decida a fare un monitoraggio sui troppi capannoni vuoti del Veneto su cui sta mettendo le mani la mafia. Quanto scoperto ad Asigliano Veneto è praticamente identico ai casi di Fossalta di Piave e Fiesso Umbertiano. 900 tonnellate d rifiuti, provenienti dalla Campania, sono una quantità importante, movimentata da quasi un centinaio di mezzi pesanti. Siamo già a tre sequestri nel giro di poche settimane, se non è questa un’emergenza…”. A ribadirlo è il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni e vicepresidente della commissione Ambiente, che da tempo sta denunciando gli episodi di traffico, stoccaggio e smaltimento illegale di rifiuti in Veneto dopo l’ultima operazione della Guardia di finanza in provincia di Vicenza. “Ringrazio le forze dell'ordine intervenute e ricordo all’assessore Bottacin che la videosorveglianza è sicuramente una delle attività preventive ma da sola non sufficiente.

Leggi tutto: CAPANNONI VENETI IN PREDA ALLA MAFIA

   

LUISA TREVISI INFO

Triveneto Oggi

 

PRESENTAZIONE NUOVO DISCO

TRA LA POLVERE E IL SOLE
QUARTO PROFILO

24 marzo 2019 ore 18.00

Nasty Boys

Via Marco Pellicciaio, 4 Treviso (TV)

Domenica 24 Marzo alle ore 18.00 al Nasty Boys di Treviso i Quarto Profilo presenteranno il loro nuovo disco di inediti, il decimo, intitolato “Tra la polvere e il sole”.

Il locale aprirà in quest’orario insolito appositamente per ospitare quella che si preannuncia una bellissima festa.

L’uscita del disco sarà anticipata dal video della canzone: “Quanto vale la felicità?” diretto e registrato da Michele Pastrello.

Le parole di Edoardo Giommi, autore e chitarrista della band:

“Questo è un disco che ha visto la collaborazione di Simone Chivilò che ha svolto il ruolo di produttore artistico, sentivamo la necessità dopo gli ultimi dischi interamente autoprodotti di “sentire il parere” di un musicista esterno alla band e Simone è un ottimo produttore e musicista.

Oltre alle chitarre che contraddistinguono la nostra musica da sempre, in questo disco abbiamo utilizzato anche strumenti per noi abbastanza nuovi: pianoforte, archi e suoni campionati.

Ne è uscito un disco nuovo, fresco, con sonorità diverse da quelle che usiamo abitualmente.

Le tematiche affrontate da me nei testi hanno invece mantenuto la stessa connotazione.

Il riferimento è l’uomo, i suoi sentimenti, la vita in generale ma anche quello che viviamo e sentiamo tutti i giorni.

I riferimenti poi vanno anche alle esperienze vissute con tutti i nostri amici e conoscenti, in particolare sono state e continuano ad essere fonte di ispirazione, la Lilt Giocare in Corsia e I Bambini delle Fate di Franco Antonello, associazioni umanitarie con cui collaboriamo sia artisticamente che umanamente.”

Quarto Profilo

Nascono a Treviso nel 1995. Dopo le cover, cominciano a dedicarsi alla produzione di musica propria. Il loro è un rock ispirato al sound degli anni '70, accompagnato da testi semplici e diretti ma non banali. Tra il primo demotape del 1996 e il decimo album ora in lavorazione, sono protagonisti live in concerti (nel 2000 sono opening band per i Deep Purple) e festival, sono ospiti nei locali e in radio, ma nel 2000 anche a Sanremo Rock dove vincono con la canzone "Cento parole". Tra le varie iniziative intraprese, i Quarto Profilo e i volontari della LILT Giocare in Corsia, associazione che dona ai minori ricoverati presso gli ospedali di Treviso e Conegliano animazione e attività ricreative, portano in scena il Concerto “L' Amore entra senz' avvisare” tra Rock e Poesia in cui raccontano a modo loro, con la musica e le parole: la vita, i sentimenti, le passioni, le gioie e i dolori di ognuno di noi. Raccontano di come si sono conosciuti e della collaborazione che ne è nata (“Soltanto di te “è la canzone dei Quarto Profilo che è oggi inno ufficiale della LILT Giocare in corsia), dell’incontro con Franco e Andrea Antonello, un padre e suo figlio autistico protagonisti dei libri: “Se ti abbraccio non aver paura”, “Sono graditi visi sorridenti” e “Baci a tutti”, a cui i Quarto Profilo hanno dedicato nei loro dischi 3 canzoni.

La band attualmente è composta da: Giuseppe Pinarello (Voce), Edoardo Giommi (Chitarre), Alberto Marenco (Basso), Andrea De Marchi (Batteria).

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

 

   

ECOISTITUTO VENETO, PROF. MICHELE BOATO INFO

Triveneto Oggi

 

AGORA' sulla DEMOCRAZIA - INCONTRI PER CAPIRE ed AGIRE  Sabato 16 alle ore 17 

Presso la nuova sede dei consumatori, Di Tasca Nostra, in via Dante 9, a Mestre, nei portici di piazzale L. Da Vinci - vedi mappa

ci incontriamo (con qualche dolce) dsabato, dalle ore 17 alle 19

per informarci e discutere liberamente, a partire dai fatti storici, sul tema della DEMOCRAZIA.

Sono incontri gratuiti, rivolti a chi (giovane o adulto, donna o uomo, italiano o straniero) vuole capire meglio la società e il mondo in cui viviamo 

e poi decidere come impegnarsi per migliorarli.

Ecco i prossimi appuntamenti:

Sabato 16 marzo GUERRE, DISERTORI, OBIETTORI E ALTERNATIVE NONVIOLENTE
con Matteo Soccio, autore di vari saggi, Movimento Nonviolento e Casa per la pace di Vicenza

(ATTENZIONE, si salta sabato 23 marzo)

Sabato 30 marzo LA RIVOLUZIONE RUSSA (Lenin) con Lucia Lombardo docente di storia negli istituti superiori di Mestre

Vedi il calendario completo degli incontri cliccando qui

a sabato!Michele Boato

 

   

ANDREA ZANONI INFO

Triveneto Oggi

 

Smog, dall’Ue nuovo processo contro l’Italia. Zanoni (PD): “Incentivi per auto ibride ed elettriche e, soprattutto, priorità al trasporto pubblico

Venezia, 7 marzo 2019

“Un deferimento annunciato. L’Unione Europea aveva mandato segnali chiari, rimasti inascoltati per troppo tempo visto che i primi ‘avvisi’ risalgono al 2015. L’Italia, purtroppo, è in testa alla classifica degli sforamenti sia di Pm10 che di biossido di azoto, No2, con la Pianura Padana che è una vera e propria camera a gas. Finora però si è fatto poco o niente, a partire dal Veneto”. Così Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e vicepresidente della commissione Ambiente a Palazzo Ferro Fini, commenta il deferimento dell’Italia per violazione della Direttiva sulla qualità dell’aria in merito al biossido di azoto. “Troppi sforamenti e mancata adozione di misure appropriate per garantire la conformità e mantenere il periodo di superamento il più breve possibile” le ragioni alla base del provvedimento.

“Serve un cambiamento culturale e l’ammissione che siamo di fronte a un’emergenza. La Regione dovrebbe stanziare più soldi per rottamare le vetture inquinanti e incentivare il passaggio ad auto ibride o elettriche invece anche nell’ultimo bilancio ci sono solo briciole. Ci vorrebbero colonnine per la ricarica elettrica in ogni Comune: la Regione assuma un ruolo di regia e coordinamento, garantendo adeguati finanziamenti. Così come dovrebbero essere aiutate quelle eccellenze industriali locali che investono per la produzione di tecnologia utile ai veicoli elettrici ed ibridi e al fotovoltaico. Ma non c’è solo il trasporto privato - sottolinea Zanoni - Un servizio pubblico efficiente è infatti uno dei migliori alleati per combattere l’inquinamento da biossido di azoto. Invece la Regione guarda altrove: dopo anni attese e ritardi, il Sistema ferroviario metropolitano regionale (Sfmr) è stato accantonato, mentre tutti i fondi sono stati dirottati sulla Pedemontana”, protesta Zanoni.

Leggi tutto: ANDREA ZANONI INFO

   

ASSOCIAZIONE "MANDI DL CIL" INFO

Triveneto Oggi

 

Buja, 05 marzo 2019

 

 

OGGETTO:  Invito all’evento “SULLA PELLE DEI BAMBINI”

 

 

Con la presente, l’Associazione Culturale “Mandi dl Cil” e il Movimento Culturale Giovanile Internazionale “Our Voice” 

 

Sono lieti  di invitarLa alla serata:

 

SULLA PELLE DEI BAMBINI

 

All’evento saranno presenti come relatori:

GIORGIO BONGIOVANNI, esperto in teologia, il dottor STEFANO LAUTIERI, esperto in medicina Ayurvedica e ROSSELLA ASSANTI, giornalista freelance.

 

Il Movimento Culturale Giovanile Internazionale “OUR VOICE”, farà da collante tra i vari interventi dei relatori mediante degli inediti artistici creati appositamente per la serata.

 

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Culturale “Mandi dal Cil” in collaborazione con il Movimento Giovanile “Our Voice”, per far luce sulle varie ingiustizie che toccano ai giorni nostri la pelle dei bambini in varie parti del mondo.

 

Troppe sono le violenze da loro subite e troppe sono le persone che ancora oggi scelgono di rimanere in disparte, indifferenti alle tragedie che si stanno compiendo davanti ai nostri occhi. Questo è il tempo di agire!

 

 

L’appuntamento è per :

 

DOMENICA 10 MARZO ALLE ORE 16.00

 

Presso il CENTRO S. VALENTINO

PIAZZA MADONNA A BUJA (UD)

 

Di seguito inviamo allegato della locandina dell’evento

Distinti saluti

 

 

La segreteria dell’associazione culturale

“MANDI DAL CIL

 

0.jpg

 

   

ARTEGNA - UD

Triveneto Oggi

 

EVAROSSELLA BIOLO

SIAMO NOI, DONNE
Teatro Lavaroni, Piazza Marnico n° 20, Artegna (UD)

09 marzo 2019 ore 20.45

Organizzato dal Comune di Artegna in collaborazione con Associazione Amici del teatro il Reading Teatrale SIAMO NOI, DONNE con Evarossella Biolo

Una lettura-spettacolo che dà voce a diversi personaggi femminili e alle loro vicende con le amiche, con gli uomini e da sole davanti allo specchio. Lo sguardo con cui sono interpretati i personaggi è ironico e pieno d’amore e i testi sono leggeri e intelligenti, di autrici quali Franca Rame, Franca Valeri, Lella Costa, Dorothy Parker che hanno saputo rappresentare la donna in tutte le sue meravigliose sfumature.

EVAROSSELLA BIOLO

Laureata in Sc. dell’Educazione e Dottoressa in Sc. Storiche specializzata in ricerche su teatro e territorio.

Attrice professionista e formatrice.

Nell’ambito del teatro si è formata principalmente con Eugenio Allegri, Carlos Alsina, Enrico Bonavera, Cristina Pezzoli sul lavoro d’attore.

Ha approfondito per diversi anni il clown con alcuni insegnanti della scuola francese di stampo lecoquiano tra cui Giovanni Fusetti, Paola Coletto, Ted Kaijser, Andres Casaca.

Ha costantemente lavorato sul corpo approfondendone le possibilità espressive con la danza di Carolin Carson, attraverso il teatro-danza e il canto con la compagnia il Balletto Civile diretto da Michela Lucenti e, negli ultimi anni, con il danzatore butoh Atsushi Takenouchi.

Ha approfondito il lavoro sul racconto e sulla scrittura con Laura Curino, Roberto Anglisani ma soprattutto con Ascanio Celestini e Giuliana Musso, due artisti che uniscono ricerca e teatro, seguendoli e studiando anche da un punto di vista accademico il loro approccio.

Collabora con l’Università di Padova (Dipartimento di Geografia): l’ambito di ricerca è il teatro e le relazioni con il territorio.

Fa parte di Manonuda Teatro. Manonuda Teatro è un contenitore nel quale sviluppano i propri progetti, in costante dialogo e confronto ma in autonomia, il danzatore e formatore Alberto Cacopardi e l’attore e formatore Mirco Trevisan.

Ha collaborato con La Piccionaia-I Carrara al progetto di compagnia giovane La Piccionaia- Tradimenti, con la quale ha prodotto spettacoli sia come attrice sia come ideazione e regia.

Produce spettacoli di clown con il C’art (Castelfiorentino - FI) e di teatro con Matàz (Dueville - Vicenza).

In ambito formativo si occupa di racconto a diversi livelli: sia con professionisti che all’interno di scuole e progetti di teatro sociale. Il filo conduttore è la persona, posta al centro del percorso: fare teatro è un’occasione di scambio e di messa in gioco che non può risolversi nella costruzione di forme estetiche.

Ha da poco debuttato insieme ai suoi compagni di viaggio della compagnia Matàz Teatro con lo spettacolo SOGNO DI MEZZ'ESTATE scritto e diretto da Andrea Pennacchi.

Distribuzione/Organizzazione:

LUISA TREVISI - Idee che danno spettacolo; 347/8217393 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://luisatrevisi.altervista.org/.

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://luisatrevisi.altervista.org/

 

   

FRANCENIGO DI GAIARINE (TV)

Triveneto Oggi

 

Viaggio Musicale

PRINCIPESSE UN CORNO!
CORO DELL’UNIVERSITÀ POPOLARE DI TREVISO
DIRETTO DA ERICA BOSCHIERO
CON LA PARTECIPAZIONE DI
GERARDO POZZI CANTAUTORE
DANIELA BARZAN VOCE NARRANTE
Sala Damiano Chiesa – Via per Brugnera 1 – Francenigo di Gaiarine (TV)

09 marzo 2019 ore 20.45

Organizzato da Associazione la Corrente e Pro Loco Primavera

PRINCIPESSE UN CORNO! Un viaggio musicale negli stereotipi femminili alla ricerca di una vera uguaglianza di genere.

Il 20 gennaio 2018 le Nazioni Unite lanciano l’allarme: “le donne guadagnano il 23% meno degli uomini, è il più grande furto della storia”. E non è che l’ultimo dato di una serie lunga millenni, che conferma come, dopo il lungo percorso di emancipazione femminile, ancora oggi le donne vengano sistematicamente discriminate, stigmatizzate, caricate di ruoli a cui corrispondere, pena la pubblica gogna o la violenza verbale e fisica, dentro e fuori le mura domestiche.

Attraverso un excursus storico e sociologico sulla figura e il ruolo della donna dal medioevo ad oggi, passando per la rivoluzione femminista, snodandosi tra letture, canzoni popolari e canzoni d’autore, il coro accompagnerà il pubblico a riflettere sul ruolo della donna oggi, sulla sua posizione nella società e sugli stereotipi che ancora gravano su di essa.

Ad accompagnare il coro e le letture sarà presente anche il cantautore Gerardo Pozzi, che darà voce al vissuto di uomini che a loro volta cercano di muoversi in un contesto che cambia. Perché una vera emancipazione potrà avere luogo soltanto se uomini e donne cammineranno insieme, guardandosi e riconoscendosi nella loro diversità e facendo di quest’ultima un valore, garantendosi uguali diritti ed opportunità, verso il futuro.

Biglietto intero 6 euro, biglietto tesserati 4 euro

Info: 331/2602913 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Prossimo appuntamento in provincia di Treviso:

29/03/19 ore 20.30 Auditorium Scuole Medie Via Vittorio Veneto, 94 Casale Sul Sile (TV)

Coro dell’Università Popolare di Treviso

Il coro nasce nell’ autunno 2006 su iniziativa dell’allora Presidente dell’Università Popolare Auser di Treviso Luisa Tosi e della cantautrice Rosanna Trolese, che per molti anni si è occupata di canti a tema sociale e popolare, per creare un’occasione di socializzazione tra persone prevalentemente ultra-sessantenni e di riflessione su particolari contenuti di carattere storico e sociale.

Tra gli spettacoli realizzati in questi anni ricordiamo quello nato in occasione del 150° anniversario dell’Unità di Italia, che propone una ventina di canti rappresentativi di tutte le regioni d’Italia eseguiti in italiano e nei vari dialetti locali, e “La storia siamo noi”, excursus storico-sociologico sul tema della grande emigrazione veneta del periodo di fine ‘800 e prima metà del ‘900 e sulla storia dei lavori tipici locali dell’epoca, spettacolo che prevede accanto ai canti una sequenza di letture a cura dell’associazione SelaLuna e una proiezione di oltre 200 immagini e filmati a tema.

Gli spettacoli sono stati presentati nei diversi circoli Auser, in auditorium e piazze della provincia di Treviso e del Veneto, spesso arricchiti dalla presenza di cantautori locali come Erica Boschiero, Francesca Gallo, Giorgio Barbarotta, Davide Camerin, Alberto Cantone, Alberto Cendron, Leo Miglioranza e Gerardo Pozzi.

Nella primavera del 2017 la maestra Rosanna Trolese passa il testimone della direzione alla cantautrice Erica Boschiero.

Attualmente il coro è composto una trentina di donne, fortemente motivate a ritrovarsi non solo per amore della musica, ma anche per i contenuti affrontati attraverso le canzoni e per la funzione di integrazione, conoscenza del territorio e socialità che i vari concerti hanno favorito.

Non secondario è l’aspetto di ricerca artistica del coro, di condivisione delle esperienze personali delle coriste soprattutto in relazione ai temi trattati, dell’effetto benefico che la musica corale produce in chi la pratica in una situazione di ascolto reciproco e di rispetto dell’altro.

ERICA BOSCHIERO

“La nuova Joni Mitchell”, “una delle voci più interessanti della canzone d’autore al femminile nel panorama italiano”, così i giornalisti descrivono Erica Boschiero, cantautrice e cantastorie veneta.

E’ stata vincitrice del Premio d’Aponte 2008, del Premio Botteghe d’Autore 2009, del Premio Corde Libere 2013, del Premio Lunezia – Future Stelle 2015, Premio per il Miglior Testo a Musicultura e al Premio Parodi nel 2012 e finalista l’Artista che non c’era e altri premi per musica d’autore.

Ha tenuto concerti in Islanda, Norvegia, Francia, Germania, Svizzera, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Ungheria, Nepal e Kazakhstan. Si è esibita in diretta su Rai 2 e Rai News 24, su Radio 1, Radio 2, RSI e molte altre radio nazionali e locali.

Ha in attivo tre album, “Dietro ogni crepa di muro”, “Caravanbolero” e “E tornerem a baita”.

Ha aperto concerti e/o duettato con Gino Paoli, Danilo Rea, Paola Turci, Maria Gadù, Ron, Luca Barbarossa, Neri Marcorè, Mariella Nava, Elena Ledda, Canio Loguercio, Gualtiero Bertelli, Alessio Bonomo, Maria Pia De Vito, Andrea Satta. Collabora regolarmente con il fumettista Paolo Cossi, con Sergio Marchesini ed Edu Hebling.

L’8 marzo 2017 il Sindaco della Città di Treviso le conferisce il Premio “Riflettore Donna”, Civica Onorificenza che premia ogni anno una donna della città distintasi per senso civico e professionalità. www.ericaboschiero.it

GERARDO POZZI

Gerardo Pozzi scrive canzoni da sempre, ma trova il coraggio di pubblicarle solo alla soglia dei quarant’anni.

Ha all’attivo due album autoprodotti (“Sconosciuti e imperfetti” e “Tigrecontrotigre”).

Nel 2014 vince il Premio Fabrizio De André.

Nel 2015 apre il concerto di Roberto Vecchioni, a Treviso, per Suoni di Marca.

Nel 2016 vince il Premio Botteghe d’Autore (come miglior testo). Pur restando uno sconosciuto, riceve critiche positive e sproni da parte di Paolo Conte, Giorgio Conte, e molti altri artisti che ama. Ha in preparazione un nuovo album (“Sono una brava persona”).

DANIELA BARZAN dell’associzioane SeLALUNA

SeLALUNA è un’Associazione che, attraverso progetti di scrittura, lettura, espressione corporea, iniziative legate al campo della letteratura, dell’editoria, dell’arte e manualità, mette a disposizione del sociale un’offerta culturale, ricreativa e di sostegno alla persona.

Mira al benessere e a una migliore qualità di vita soprattutto delle fasce deboli: gli anziani, i soggetti con disabilità, le donne straniere, i carcerati, i bambini ospedalizzati e le loro famiglie, ma si rivolge anche a tutte le persone che trovano- nell’incontro con la parola variamente intesa-occasione di crescita personale.

Distribuzione/Organizzazione:

LUISA TREVISI - Idee che danno spettacolo; 347/8217393 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://luisatrevisi.altervista.org/.

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://luisatrevisi.altervista.org/

 

   

DAL FRIULI STEFANO BOSCARIOL INFO

Triveneto Oggi

BRUGNERA 28 FEBBRAIO SCUOLA PRIMARIA N.SAURO

 
Alla presenza del Sindaco di Brugnera Renzo Dolfi e delle insegnati della scuola primaria N.Sauro e per iniziativa di Roberto Bazzo, da sempre vicino al mondo della solidarietà  e del volontariato sono stati consegnati ufficialmente ad AIL PORDENONE  1.000, 00 euro per lASSISTENZA DOMICILIARE PEDIATRICA rappresentata dalla dott.ssa Silvia Vaccher del reparto pediatrico dell' Ospedale Civile di Pordenone. 
 
Davanti agli alunni delle classi della primaria ( vedi allegate foto) hanno ringraziato, prendendo la parola , gli artefici e collaboratori di questa preziosa e vicina iniziativa realizzata dopo mesi di raccolta fondi anche attraverso  diversi momenti solidali e di puro volontariato.
 
Stefano Boscariol Responsabile Comunicazione Eventi AIL

 

   

Pagina 1 di 14

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.