Domenica, Ottobre 22, 2017
   
Text Size

Ambiente e Società

IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

Comunicato stampa

11 gennaio 2013

 

Cane legato su un tetto muore impiccato: le guardie zoofile OIPA Pesaro denunciano il proprietario

 

Episodio di incredibile negligenza e crudeltà a Montecopiolo(PU)

 

 

Durante un sopralluogo destinato a un controllo pre-affido a Montecopiolo (PU), i volontari della sezione OIPA di Pesaro-Urbino hanno notato il corpo di un cane impiccato a una catena che pendeva dal tetto dell’edificio al quale era stata fissata. Il cane, ormai senza vita, era morto da alcune ore e sono quindi state immediatamente allertate le guardie zoofile OIPA e i carabinieri.

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

 

ASSOCIAZIONE OIPA ONLUS INFO

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Comunicato stampa
7 gennaio 2013

 

DODICI MESI IN PRIMA LINEA PER I DIRITTI ANIMALI: ECCO IL 2012 DELL’OIPA

 

Dagli aiuti agli animali terremotati alla campagna contro l’uccisione dei cani in Ucraina,
l’OIPA ha scandito l’anno passato con interventi a favore dei diritti animali

Leggi tutto: ASSOCIAZIONE OIPA ONLUS INFO

 

ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE INFORMA

www.andreazanoni.it

Andrea Zanoni deputato al Parlamento europeo

 



Comunicato stampa 7 gennaio 2012

Andrea Zanoni sempre presente al Parlamento europeo nel 2012

 

Andrea Zanoni (Eurodeputato IdV) nel 2012 primo nella classifica delle presenze dei deputati italiani a al Parlamento europeo di Strasburgo. Primo anche tra tutti i deputati del gruppo ALDE. “L'assenteismo per un politico è una colpa gravissima. Siamo pagati per fare gli interessi dei nostri elettori, il minimo è partecipare alle sessioni del parlamento”

Leggi tutto: ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE INFORMA

 

TRADIZIONI INQUINANTI - COMUNICATO STAMPA DI ANDREA ZANONI

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

www.andreazanoni.it

Andrea Zanoni, deputato al Parlamento europeo        

 

Comunicato stampa del 4 gennaio 2013

“Panevin”, no alle tradizioni che avvelenano l'aria, meglio vino e frittelle

 

Andrea Zanoni sta con il WWF e condanna i roghi dell'Epifania: “NO anche ai roghi con la patente. Viene bruciato di tutto, sono pericolosi, inquinano l'aria e i nostri polmoni”. Italia condannata il 19 dicembre per i limiti di Pm10. “Oltre che la salute rischiamo anche una multa dall'Europa.

Leggi tutto: TRADIZIONI INQUINANTI - COMUNICATO STAMPA DI ANDREA ZANONI

 

CAPODANNO RISPETTANDO GLI ANIMALI

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

www.andreazanoni.it
Andrea Zanoni, deputato al Parlamento europeo       

Comunicato del 31 Dicembre 2012
Capodanno, fuochi d’artificio solo lontano dagli animali
L’Europarlamentare IdV Andrea Zanoni: «Serve una norma statale che vieti i botti nel raggio di 500 metri dai luoghi in cui sono detenuti animali e da dove riposano uccelli e mammiferi selvatici. Chi ama gli animali non compra e non utilizza i fuochi artificiali ed a Capodanno preferisce il botto della bottiglia di spumante». 


Con l’approssimarsi della notte di San Silvestro si avvicina anche il momento in cui lo scoppio di ogni genere di fuoco artificiale provocherà incidenti e traumi da stress agli animali d’affezione e alla fauna selvatica. Ogni anno i botti causano la morte ed il ferimento di migliaia di animali che, spaventati, fuggono all’impazzata da recinti, giardini, tane, rifugi, dormitoi. La soglia uditiva degli animali, infatti, è molto più sensibile di quella umana. L’uomo ha una percezione del suono compresa tra le frequenze denominate infrasuoni intorno ai 15 Hertz e quelle denominate ultrasuoni sopra i 15 mila Hertz. Il cane, invece, arriva fino a circa 60 mila Hertz ed il gatto addirittura a 70 mila Hertz. I danni per lo scoppio dei fuochi di artificio si registrano anche tra gli animali degli allevamenti: qui le esplosioni possono provocare l’aborto nelle femmine gravide. Per quanto riguarda gli uccelli, poi, il fragore li costringe

Leggi tutto: CAPODANNO RISPETTANDO GLI ANIMALI

 

LA QUALITA' DELL'ARIA: L'ITALIA CONDANNATA PER AVER VIOLATO I LIMITI DELLE POLVERI SOTTILI

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

www.andreazanoni.it
Andrea Zanoni deputato al Parlamento europeo

 

 

Comunicato stampa 23 dicembre 2012

 Qualità dell'aria, l'Italia condannata per aver violato i limiti delle polveri sottili

La Corte di Giustizia Ue respinge il ricorso dell'Italia: limiti di Pm10 non rispettati nel 2006 e 2007. Sotto accusa l'aria in ben 55 zone e agglomerati urbani. Zanoni: "Sotto l'albero l'ennesima figuraccia ed evidenza che tutti noi respiriamo veleno. Le autorità italiane intervengano una volta per tutte in nome della nostra salute"

 

"Le autoritá italiane continuano a fare orecchie da mercante sulla qualità dell'aria. Nel frattempo gli italiani continuano a respirare veleno". È il commento di Andrea Zanoni, eurodeputato IdV e membro della commissione ENVI Ambiente al Parlamento europeo, al respingimento del ricorso dell'Italia sulla qualità dell'aria di fronte alla Corte d Giustizia Ue che accoglie in questo modo quello della Commissione europea. "Si tratta dell'ennesimo richiamo europeo che spero non resti inascoltato come accade spesso. In alcune zone d'Italia, come in pianura padana, la percentuali degli inquinanti presenti nell'atmosfera è da allarme rosso e purtroppo molte amministrazioni locali, come la Regione Veneto di Zaia ,continuano a negare l'evidenza tradendo così il mandato affidatogli di fare il meglio per i cittadini che rappresentano".

Leggi tutto: LA QUALITA' DELL'ARIA: L'ITALIA CONDANNATA PER AVER VIOLATO I LIMITI DELLE POLVERI SOTTILI

   

NOTIZIARIO AMBIENTALE ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE

Newsletter n°50 del 18-12-2012

 

(per scaricare il Pdf clicca qui)

 

 

Colgo l'occasione di questa ultima newsletter dell'anno per augurarti  feste serene e un felice anno nuovo.

Andrea Zanoni

 

 

Andrea Zanoni relatore della nuova direttiva VIA per il Parlamento europeo
Bruxelles, 17-12-2012
Andrea Zanoni (IdV) nominato relatore del dossier sull'aggiornamento della Direttiva VIA 2011/92/UE alla base dei requisiti ambientali di tutte le grandi opere con un impatto sul territorio. “Il mio unico faro guida sarà la tutela dell'ambiente e

Leggi tutto: NOTIZIARIO AMBIENTALE ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE

   

ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE INFORMA

Comunicato stampa 17 dicembre 2012

Andrea Zanoni relatore della nuova direttiva VIA per il Parlamento europeo

 

Andrea Zanoni (IdV) nominato relatore del dossier sull'aggiornamento della Direttiva VIA 2011/92/UE alla base dei requisiti ambientali di tutte le grandi opere con un impatto sul territorio. “Il mio unico faro guida sarà la tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini

Leggi tutto: ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE INFORMA

   

SILVIA PREMOLI ANIMALISTA INFO

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Questa è la dichiarazione di Peter Young davanti al tribunale: Peter Young è stato accusato e ritenuto colpevole di 6 liberazioni in allevamenti di visoni.



"Questo è il momento in cui normalmente un imputato esprime il suo pentimento per i crimini commessi. Permettete che vi dica il perché io non sono pentito. Sono qui per essere processato per aver partecipato alla liberazione di visoni da 6 all

Leggi tutto: SILVIA PREMOLI ANIMALISTA INFO

   

IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

 

Comunicato stampa
6 dicembre 2012

Corna recise e fiumi di sangue: le guardie zoofile OIPA Brescia sequestrano un allevamento con 348 vitelloni mutilati

La prassi aziendale era tagliare gli abbozzi corneali dei bovini
ben oltre le tre settimane di vita previste dalla legge

 

A seguito di una segnalazione, le guardie zoofile OIPA Brescia hanno effettuato un sopralluogo per un controllo amministrativo in una cascina agricola nel comune di Chiari (BS).  All’interno dell’azienda erano presenti in totale 348 vitelloni, 10 dei quali si trovano

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

   

L'ITALIA DI OGGI

 

ISABELLA, 34 ANNI, MORTA DI FATICA

Quattro figli, un marito disoccupato, si alzava all’alba per attraversare Roma e lavorare

di Enrico Fierro

Isabella Viola è morta, undici giorni fa da sola nelle turbolente viscere di Roma. Il suo cuore è stato spezzato da una vita difficile. Dovevano essere dieci righe in cronaca (giovane donna colpita da malore muore su una banchina della metro A) di quelle che si leggono di mattina distratti dal dilemma del cappuccino (con o senza schiuma?), e invece la sua si è trasformata in una morte che parla all’Italia. Racconta di un popolo intero, una moltitudine ignota e ignorata. Di loro sanno poco i dotti professori di economia, gli accigliati ministri-tecnici sempre pronti a giudicare “gli italiani”, per loro non c’è mai posto nelle poltroncine dei talk-show che al massimo, quando vogliono parlare della “gente” la fanno raccontare da chi non prende una scassatissima metro da secoli . Sono uomini e donne, bianchi, gialli e neri, che si svegliano all’alba per raggiungere precarissimi posti di lavoro, guadagnano quattro soldi e lottano con mezzi di trasporto affollati, puzzolenti, è una umanità che tira tardi fino a sera lavorando e si porta il panino da casa per risparmiare.

Leggi tutto: L'ITALIA DI OGGI

   

ANDREA ZANONI EUROPARLAMENTARE INFORMA

 

Comunicato stampa 28 novembre 2012

Ripuliamo l'Europa dall'amianto

La Commissione Ambiente del Parlamento europeo approva una relazione sulla protezione dall'amianto e sulla sua futura abolizione in tutta Europa. Passano gli emendamenti di Andrea Zanoni (IdV): “Basta conferire l'amianto in discarica, ci vogliono seri processi di inertizzazione in vista della messa al bando entro il 2023”. E poi uno sguardo a Treviso: “Si tratta di un primo passo per sbarrare definitivamente la strada a progetti dissennati come quello della discarica amianto di Terra che il gruppo Mosole vuole riaprire a Paese (TV)

Un passo avanti verso l'abolizione dell'amianto in tutta Europa e misure concrete per ripulire tutti i siti, a partire dalle discariche fino alle abitazioni e luoghi di lavoro”. E' il commento di Andrea Zanoni all'approvazione di oggi (presenti 50, favorevoli 49, contrari 1 e astenuti 0) da parte della Commissione ENVI Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo della relazione dell'eurodeputata Sabine Wils (tedesca, sinistra unita) sulle “minacce alla salute dei lavoratori dovute all'amianto e prospettive di abolizione totale di tutto l'asbesto esistente”.

Zanoni: “L'irresponsabile abitudine di conferire l'amianto in discarica deve cessare quanto prima. Per questo ho presentato gli emendamenti alla relazione, oggi approvati, ribadendo che queste pericolosissime fibre devono essere inertizzate attraverso le nuovissime tecnologie oggi a disposizione evitando il ricorso alle discariche. Il percorso di pulitura di tutta Europa dall'amianto è lungo, con il voto di oggi abbiamo voluto dare un chiaro segnale dell'intenzione del Parlamento europeo di esigere un futuro libero da questa mortale sostanza”.

La relazione sarà adesso votata anche dalla commissione EMPL Occupazione e affari sociali (24 gennaio 2013) dove Zanoni ha presentato gli stessi emendamenti.

Nel dettaglio, ecco i punti introdotti da Zanoni alla relazione Wils:

Divieto dell'amianto entro il 2023. Invita la Commissione e gli Stati membri ad accettare il termine del 2023, proposto dai sindacati, per un divieto totale dell'amianto in tutta l'Ue e ad abbassare al minimo il valore limite di esposizione dei lavoratori alle fibre di amianto previsto nella direttiva 2009/148/CE.

Bonificare tutte le discariche e prevedere processi di inertizzazione. Invita la Commissione e gli Stati membri ad adoperarsi per la bonifica di tutti i siti pubblici e privati interessati, comprese le discariche di rifiuti di amianto non sicure e a promuovere processi alternativi ecocompatibili e sicuri, come l'inertizzazione, per la trasformazione di rifiuti contenenti amianto e per il successivo riciclaggio del materiale risultante utilizzabile nel settore delle costruzioni.

L'Ue vigili sulla direttiva relativa alle discariche. Invita la Commissione, in considerazione della persistente insufficienza di controlli da parte di molti Stati membri, a vigilare sulla corretta applicazione della direttiva 1999/31/CE affinché qualsiasi rifiuto contenente amianto sia classificato come rifiuto pericoloso e pertanto smaltito solo ed esclusivamente in specifiche discariche per rifiuti pericolosi in modo da evitare la contaminazione dell'aria e delle sottostanti falde acquifere.

Raccolta dati sulle malattie professionali dovute all'amianto. Gli Stati membri devono garantire che tutti i casi di asbestosi e di mesotelioma siano registrati in una raccolta sistematica di dati sulle malattie professionali da amianto per fornire una mappatura attendibile della presenza di amianto attraverso l'istituzione di un registro obbligatorio esistente in edifici pubblici e privati, navi, treni, bunker, tunnel, gallerie, tubazioni delle reti acquedottistiche pubbliche e private, e che in detto registro siano anche chiaramente segnalate le discariche di rifiuti di amianto, in modo da evitare la movimentazione inconsapevole di questi materiali.

BACKGROUND

La magistratura italiana, il 13 febbraio 2012 a Torino, ha ritenuto responsabili il precedente proprietario e l'ex direttore della filiale italiana della società Eternit dei circa 3.000 decessi legati all'amianto, condannati a risarcire i danni alle vittime e ai loro familiari, e alle organizzazioni della società civile;

Secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il numero di casi di malattie legate all'amianto nella sola Unione europea è compreso tra i 20.000 e 30.000 all'anno. Tutti i tipi di amianto sono riconosciuti come pericolosi per la salute dell'uomo e gli effetti nocivi a seguito dell'inalazione delle fibre di asbesto, come il tumore al polmone e il mesotelioma pleurico, possono manifestarsi addirittura dopo alcuni decenni (anche dopo quarant'anni)

L'amianto è ancora presente nell'ambiente interno ed esterno a stretto contatto con la popolazione ovvero negli edifici pubblici e privati (in particolare tetti in cemento-amianto, pavimento, linoleum, amianto-vinile), in navi, treni, bunker, tunnel e gallerie, tubazioni delle reti acquedottistiche pubbliche e private e in alcuni lavori di ristrutturazione, demolizione e trattamento rifiuti, nonché in diverse discariche la cui posizione esatta è spesso sconosciuta e, di conseguenza, l'asbesto può avere un impatto non solo sui lavoratori esposti, ma anche su tutti i cittadini in generale.

Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Sito www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Youtube AndreaZanoniTV

 

   

OIPA ONLUS INFO

 

Comunicato stampa
28 novembre 2012

L’ombra dei combattimenti tra cani nel casertano: le guardie zoofile OIPA Caserta sequestrano quattro pitbull combattenti

Gli animali erano abbandonati e avevano vistose ferite aperte su tutto il corpo

 

A seguito di una segnalazione sulla presenza di alcuni pitbull abbandonati e feriti,   le guardie zoofile OIPA Caserta hanno effettuato un sopralluogo presso un rudere abbandonato in un agro nel Comune di Orta di Atella (CE).

Leggi tutto: OIPA ONLUS INFO

   

IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

Comunicato stampa
23 novembre 2012


Le guardie zoofile OIPA Brescia sequestrano un allevamento con 41 cani di razza maltrattati

Gli animali erano detenuti tra le feci, in box angusti e fatiscenti, per poi essere venduti.

 

A seguito di una segnalazione il nucleo di guardie zoofile dell’OIPA Brescia ha effettuato un controllo presso un allevamento di cani nel bresciano. Tuttavia, quello che doveva essere un semplice controllo amministrativo sullo stato di benessere degli animali, si è rivelato un vero e proprio salvataggio di 41 cani destinati alla vendita e detenuti in condizioni pessime.

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO, OIPA ONLUS INFORMA

   

IN PRIMO PIANO LA PROFONDA DISISTIMA PER QUESTO PIANETA

 

“GIORNATA MONDIALE DELL’INFANZIA”. QUALCHE DATO PER RIFLETTERE

di Sabrina Ancarola – 20 Novembre 2012

Sono più di 150.000.000 i bambini impiegati in lavori spesso pericolosi per la loro salute mentale e fisica di cui circa 1.000.000 sfruttati sessualmente (dati UNICEF), alcuni di questi bambini vengono rapiti (come i 50.000 che ogni anno spariscono in India) e venduti al mercato nero proprio per questi scopi.

600.000.000 sono le bambine costrette a sposarsi per sopravvivere e che spesso subiscono vari tipi di violenza.

 

Si stima che ci siano 250.000.000 di bambini coinvolti nei vari conflitti nel mondo,

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO LA PROFONDA DISISTIMA PER QUESTO PIANETA

   

IN PRIMO PIANO, NEMESI ANIMALE INFO

 

Da: Nemesi Animale < Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. >

 

Date: 21 novembre 2012 17:11

L'INFERNO DELLE FABBRICHE DI CARNE

Sabato 17 novembre a Brescia abbiamo organizzato una protesta dal forte
impatto visivo ed emotivo. I corpi di 20 piccoli

Leggi tutto: IN PRIMO PIANO, NEMESI ANIMALE INFO

   

ARGENTINA NO AL NUCLEARE

Dall'Argentina, intervista a Giorgio Bongiovanni.

Programma in lingua spagnola.

In collaborazione con l'Associazione culturale Giordano Bruno.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

   

RIFORMA URGENTE PER LE FORZE DELL'ORDINE

 

Comunicato stampa del 13 novembre 2012

Serve una riforma urgente per le Forze dell’Ordine

Dalla conferenza organizzata ieri sera lunedì 12 novembre a Treviso dall’Eurodeputato IdV Andrea Zanoni è emersa la situazione di difficoltà nella quale operano ormai da troppo tempo le Forze dell’Ordine In Italia. «È necessario procedere immediatamente ad una revisione dell’organizzazione delle Forze di Polizia: ridurre i costi, evitando gli sprechi e presidiare il territorio e non le caserme»

Leggi tutto: RIFORMA URGENTE PER LE FORZE DELL'ORDINE

   

NOTIZIARIO DI ANDREA ZANONI AMBIENTALISTA

 

Newsletter n°44 del 8-11-2012

“Seguimi su Facebook”

Suonata la campana a morto della caccia in deroga

Bruxelles, 06-11-2012

Addio alla caccia in deroga. Il Dipartimento per le Politiche Europee certifica l'illegittimità della delibera regionale. Zanoni (IdV): “Messa la pietra tombale sulla caccia in deroga 2012-2013. Salvi milioni di uccelli migratori. Trionfo della legalità”.

Leggi tutto: NOTIZIARIO DI ANDREA ZANONI AMBIENTALISTA

   

TRAFFICO ILLEGALE DI UCCELLI - ZANONI IN EUROPA

 

Comunicato stampa 8 novembre 2012

Traffico illegale di uccelli e contraffazione degli anelli in Veneto e Lombardia. Denuncia con VIDEO di Zanoni in Europa

Un VIDEO in esclusiva mostra come delinquenti senza scrupoli applicano anelli identificativi a uccelli catturati illegalmente in un laboratorio clandestino in Veneto. Zanoni: “Commercio criminale. Le autorità locali ne prendano atto e l'Ue prenda le giuste misure per contrastare questo traffico

Si tratta di uno dei traffici di animali più atroci mai esistiti. Ecco un VIDEO dove si vede l'applicazione fraudolente di anelli identificativi a uccelli migratori catturati illegalmente che poi vengono rivenduti a caro prezzo sul mercato. Chiedo con urgenza all'Ue di prendere le giuste misure per contrastare questo fenomeno purtroppo frequente in Veneto e Lombardia e molto probabilmente anche in altre parti d'Italia”. E' il commento di Andrea Zanoni, eurodeputato IdV e vice presidente dell'intergruppo Benessere degli animali al Parlamento europeo, che ha presentato un'interrogazione alla Commissione europea per chiedere azioni urgenti per contrastare questo commercio illegale e garantire il rispetto dell'articolo 66 del Regolamento CE 865/2006.

Zanoni spiega: “Nei laboratori clandestini allestiti da queste associazioni a delinquere, vengano applicati degli anelli alle zampe degli uccelli catturati illegalmente, anelli che a norma di legge si possono applicare solo agli uccelli nati in allevamento nei primi giorni di vita. Si tratta di una pratica fraudolenta che tra l'altro infligge a questi uccelli indicibili sofferenze” (VIDEO). Per questo l'Eurodeputato chiede alla Commissione di “prevedere l'obbligo di anelli di acciaio al posto di quelli usati oggi in alluminio per evitare ogni tipo di contraffazione”.

VIDEO IN ESCLUSIVA !!

Nel video pubblicato da Zanoni, registrato con telecamera nascosta in uno di questi laboratori, si vede come individui senza scrupoli applicano gli anelli (il cui diametro viene prima manomesso allargandolo e poi ridotto in modo da renderlo inamovibile) alle zampe degli uccelli catturati illegalmente, spesso con reti da uccellagione nei roccoli e nelle prodine, anelli che a norma di legge si possono applicare solo agli uccelli di allevamento nei primi giorni di vita come previsto dall'articolo 66, punto 8 del Regolamento CE 865/2006. Questa operazione fraudolenta permette di fatto di trasformare d'incanto migliaia di uccelli selvatici protetti e non commerciabili, catturati illegalmente, in volatili nati in allevamento e quindi commerciabili legalmente. Il video è stato registrato di nascosto in un laboratorio clandestino in Veneto.

Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Sito www.andreazanoni.it

Twitter Andrea_Zanoni

Youtube AndreaZanoniTV

 

   

Pagina 5 di 11

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.