Lunedì, Dicembre 17, 2018
   
Text Size

DOPO L'URAGANO IN ALTO VENETO E CARNIA

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Comunicato stampa

Manifestazione nazionale per difendere le foreste e i loro animali e combattere i cambiamenti climatici. Zanoni (PD): “Mobilitazione necessaria, dobbiamo combattere i cambiamenti climatici e tutelare le foreste e la fauna selvatica decimata dall’uragano”


Venezia, 27 novembre 2018

Ci sarà anche Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, sabato 1 dicembre a Piana della Marcesina nell’Altopiano dei Sette Comuni tra la provincia di Vicenza e quella di Trento, alla manifestazione nazionale ‘Un mese dopo la catastrofe’ promossa da associazioni ambientaliste e animaliste per vedere dal vivo una delle tante foreste rase al suolo dall’uragano che ha colpito il Nord Est a fine ottobre e soprattutto per chiedere al Ministro dell’Ambiente Costa e al Governatore Zaia maggiori tutele per gli animali selvatici decimati dall’uragano, lo stop al progetto di legge che da il via libera ai fuoristrada dei cacciatori nei sentieri di alta montagna, un serio ed efficace impegno alla lotta contro i cambiamenti climatici.

“Una mobilitazione doverosa - spiega l’esponente democratico che è vicepresidente della commissione Ambiente a Palazzo Ferro Fini - affinché tutti possano rendersi conto della gravità della situazione, con 15 milioni di alberi caduti. Solo in Veneto la Regione ha stimato in 100.000 gli ettari rasi al suolo, e migliaia di

animali morti sotto i tronchi. Condivido assolutamente le ragioni degli organizzatori, tra i quali c’è anche la mia associazione: la fauna selvatica ha già pagato un prezzo durissimo per questo disastro, perciò è sacrosanta la richiesta di vietare la caccia nelle province colpite dall’uragano per l’intera stagione venatoria. Due settimane - ricorda ancora Zanoni - fa ho scritto una lettera all’Ispra, l’Istituto superiore per la ricerca ambientale,  chiedendo un parere tecnico scientifico sia su quanto fatto finora dalla Regione e quali provvedimenti da adottare per il futuro, a partire dallo stop alla caccia nelle provincie delle foreste rase al suolo e alla revisione dei piani di abbattimento per proteggere le specie decimate dagli alberi caduti. Al tempo stesso occorre dire un no deciso al progetto di legge, approvato in Commissione, per l’apertura dei sentieri di montagna ai fuoristrada dei cacciatori e pretendere azioni concrete nella lotta ai cambiamenti climatici, anche se i leghisti sono i primi negazionisti. I cittadini sono molto sensibili a questi temi e la dimostrazione arriva anche dal successo riscosso dalla petizione online di Change.org ‘Chiusura immediata caccia stagione venatoria 2018/19’ che in pochi giorni ha registrato la bellezza di 105.559 firme indirizzate al ministro all’Ambiente Costa, al governatore Zaia, al ministro all’Agricoltura Centinaio e al premier Conte”.

 

Il programma di sabato 1 dicembre prevede il raduno alle 12 al parcheggio del Centro Fondo Enego in località Valmaron a Enego (VI), quindi un corteo a piedi, circa quattro chilometri attraverso gli alberi abbattuti della foresta di Marcesina, in direzione del Rifugio della Marcesina dove sono previsti gli interventi e, a seguire per chi vorrà il pranzo. La manifestazione è organizzata da Iams- Impegno e Azione per un mondo sostenibile, da Enpa-Ente nazionale protezione animali, Lac-Lega per l’abolizione della caccia, Lav-Lega anti vivisezione, Lidaa-Lega italiana difesa animali e ambiente, Oipa-Organizzazione internazionale protezione animali, Mountain Wilderness, Lndc- Lega nazionale per la difesa del cane, Lipu-Lega italiana protezione uccelli, Wwf-World Wildlife Fund, Ecoistituto del Veneto Alex Langer, Coordinamento protezionista Veneto e Legambiente.

Alla manifestazione sarà presente l’Intergruppo del Consiglio regionale per la tutela e difesa degli animali e della natura con lo stesso Andrea Zanoni, che ne è presidente, Cristina Guarda e Patrizia Bartelle.

 

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.